Utente 111XXX
Buongiorno,
Mi chiamo Monica, ho 44 anni e vorrei cortesemente un Vs. parere.
10 anni fà sono stata operata (non il laparoscopia) per una ciste
ovarica endometrica. Una volta asportata ho iniziato ad assumere la
pillola anticoncezionale per ovviare al problema che si riformasse e in
effetti anche all'ultima ecografia trasvaginale fatta 1 mese fà non è
risultata alcuna recidiva.
E' però da diverso tempo e con un peggiorameno progressivo, che ho iniziato
ad avvertire dolori all'altezza dell'inguine, particolarmente accentuati
al termine del ciclo mestruale.
Terminato il ciclo, solitamente avverto dei dolori (fitte) e la zona
si gonfia, dopo qualche giorno il fenomeno si esaurisce per quanto
riguarda il dolore (può succedermi di sentire qualche fitta ma in modo
episodico) mentre il gonfiore, sia pur molto meno accentuato, perdura.
Ho fatto un'ecografia pelvica che ha evidenziato un'ingrossamento dei
linfonodi inguinali sx.
Il chirurgo a cui mi sono rivolta ha escluso un tumore, dato che ormai
il problema si protrae da anni, ha escluso delle infezioni vaginali
in quanto sostiene che difficilmente in questi casi si ingrossano
unicamente i linfonodi sx e non nella parte destra e in nessuna altra
parte corpo, ha escluso anche l'ernia, dopo un'ispezione rettale. Secondo
lei potrebbero essere delle cellule endometriche che si sono spostate nel
linfonodo (zona sx dove sono stata operata per la ciste). Ora pensa di fare
altri accertamenti ma sarebbe propensa ad un'intervento per l'asportazione,
per risolvere il problema di un dolore ormai divenuto cronico.
Vorrei sapere cosa ne pensate, quali esami potrei fare per avere una
conferma e in caso di intervento chirurgico, che tipo di intervento
dovrebbe essere e che rischi e conseguenze potrebbe avere.
Grazie mille in anticipo per l'aiuto
Saluti
Monica

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Occorre intaanto un visita per una diagnosi più corretta (crtteristiche dei linfonodi)e pertanto tramite Internet non è possibile aggiungere ulteriori contributi.

Prima dell'intervento rifarei altrove un nuova ecografia (quella che ha eseguito non è diagnostica ) e se si tratta di linfonodi REATTIVI non farei nulla

http://www.medicitalia.it/minforma/Oncologia-medica/63/I-linfonodi-o-linfoghiandole-ed-il-sistema-linfatico