Utente 280XXX
Circa due mesi fa ho avuto uno sfogo cutaneo che al pronto soccorso è stato diagnosticato come orticaria da allergia.
Lo sfogo ha interessato in primo luogo le mani che hanno iniziato a prudermi e a gonfiarsi, poi si è arrossato e gonfiato il viso (ma che io ricordi non mi faceva prurito) e in seguito si stava incominciando a riempire di puntini rossi anche il primo tratto di spalla-gomito destro.
Al pronto soccorso non hanno rilevato ingrossamento della gola ne spasmi bronchiali, ne orticaria su altre parti del corpo, e io a non ho avuto altri sintomi e da allora non ho più avuto reazioni del genere.
Mi hannno fatto una iniezione di Bentelan e una di Trimetan (se non ricordo male) e mi hanno dimesso.
Premetto che l'unica cosa a cui so di essere allergico è la penicellina e non ho mai sofferto di allergie di tipo alimentare o da contatto (in famiglia nessuno ha allergie alimentari).
Quando ho avuto la reazione allergica avevo cenato da circa un ora (pasta al forno, formaggio e prosciotto cotto) e poco prima dello sfogo avevo ripetutamente messo le mani all'interno di un freezer dismesso in cui mi sembra si fossero formate delle muffe o fosse marcita qualche sostanza.
Potrebbe essersi trattato di una allergia da contatto? Con il passare degli anni è possibile l'insorgenza di allergie alimentari, anche gravi? Sarebbe il caso di fare i test allergici?
Ogni tanto mi sembra che sulla mano ci sia un principio di orticaria ma penso che sia più la paura che altro, anche perchè poi passa da sola.
Ora per la paura di reazioni allergiche ho paura di mangiare e mi tengo sempre a portata di mano del Bentelan in compresse.
Vorrei chiedere a voi cosa mi consigliate di fare.
Grazie per la vostra cortesia e disponibilità.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
ORZINUOVI (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
le consiglio di rivolgersi al suo medico curante per effettuare le prove allergometriche,tanto per cominciare sul sangue(Ige tot,specifiche ,etc).
Cerchi di tenere sotto controllo l'ansia,che sicuramente potrebbe giocare un grosso ruolo
Cordialita'
[#2] dopo  
Prof. Matteo Basso
24% attività
8% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Potrebbero essere molto utili in seconda battuta le allergometrie ai pollini inalanti ed alimenti.
Saluti
[#3] dopo  
Prof. Matteo Basso
24% attività
8% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Potrebbero essere molto utili in seconda battuta le allergometrie ai pollini inalanti ed alimenti.
Saluti
[#4] dopo  
3962

Cancellato nel 2010
Caro amico, occorre anzitutto fare distinzione fra allergie ed intolleranze alimentari, poichè diverso è il meccanismo immunologico che si attiva. Un singolo episodio non è dirimente, valuti eventuali recidive e ci informi. Cordialmente,
Dr. Giancarlo Cavallino
Medicina Integrata
Tel. 3381997446
Web: www.smige.net