Utente 853XXX
Bungiorno a chi mi risponderà. Già altre volte ho trovato un risposta che mi ha risolto il problema e quindi ci conto anche questa volta.
Il prolema sono le gambe, qualche anno fa dopo una ecocolor doppler mi fu diagnosticata una incontinentinenza safenofemorale bilaterale con reflusso ostio tronculare( se leggo bene, la calligrafia del medico).Usando collant elastici 70 ho vissuto relativamente bene, nonostante io sia ottico e qundi in piedi numerose ore al giorno. Da dopo l'intervento di stabilizzazione vertebrale dovuto all'anterolistesi di II grado che avevo e l'uso per numerosi mesi di un corsetto contenitivo , la cosa è peggiorata.
Negli ultimi mesi lamento la presenza di fortissimo prurito agli arti inferiori specie nella zona del polpaccio soprattutto a sn, la cute si è macchiata e spesso ho un edema improntabile a tutte e due la gambe al quale devo sopperire con l'uso di diuretici.
Purtroppo sono in sovrappeso ( dovrei calare 10 kg) e per questo mi sono già rivolta ad un dietologo, ho 55 anni , familiarità per le varici( mamma e nonna), sono in menopausa da 6 anni.
Non ho particolari malattie ne faccio uso di famaci regolarmente, mentre fino all'intervento di stabilizzazione gli antidolorifici erano una costante.
Sulle gambe si iniziano a vedere un paio di vene come ho già visto a mia mamma e la cosa non mi conforta. A differenza di lei però io non rifiuterei un eventuale intervento. Potete darmi un parere , grazie e cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
credo che il quadro clinico nel suo insieme richieda una rivalutazione strumentale e clinica al fine di poter correlare con certezza i sintomi (edema) con la possibilità di una progressione dell'insufficienza venosa già diagnosticata.
L'uso dei diuretici, se non indicato per altra patologia, è assolutamente incongruo e fortemente sconsigliato per il contenimento dei sintomi di una insufficienza venosa, mentre l'impiego di calze elastiche adeguate è senz'altro indicato in attesa di una migliore definizione della Sua condizione.
[#2] dopo  
Utente 853XXX

Iscritto dal 2008
Grazie per la gentile e sollecita risposta, presto farò una nuova ecocolordoppler per verificare lo stato attuale della cosa. Secondo lei le calze 70 dan sono suffcienti?
E, se l'assunzione di diuretici non è corretta come contrastare l'edema in attesa di risolvere il problema vene? Grzie e cordiali saluti!
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
In assenza di una definizione diagnostica, l'edema va contenuto con elastocompressione di maggiore entità: l'identificazione del presidio più indicato non è tuttavia valutabile da questa postazione.
In definitiva Le rinnovo il consiglio di sottoporsi in tempi brevi a valutazione specialistica.