Utente 127XXX
Sono una donna di 50 anni e da circa 25 urino moltissimo pur bevendo molto poco, anzi quasi mai sento lo stimolo della sete.
Vado in bagno circa 10/13 volte al giorno e almeno 2 volte la notte, sempre urinando molto ogni volta.
Se a pranzo o a cena mangio o bevo qualcosa di più diuretico (verdura, birra, frutta) sono capace di andare in bagno 3 o 4 volte di seguito urinando molto ogni volta.
Le analisi che ho fatto in questi anni non hanno rilevato niente di importante, anzi tutti mi dicono che è un bene e su questo sono d'accordo, ma il disagio è forte.
Inoltre, adesso sono in menopausa da circa un anno, è possibile che questo disagio possa aumentare?
Da cosa può dipendere tutto questo?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Se lei non soffre di ipotensione, è difficile che lei urini molto più di quello che ingerisce. L'acqua può essere assunta anche con the, caffè, infusi, verdure, frutta; non solo bevuta.
Se ritiene che ci sia una sproporzione, la invito per un giorno a tenere il conto della diuresi (raccolga le urine da una mattina all'altra in un bidone graduato, li vendono in farmacia) e un diario di ciò che mangia e beve. Poi lo porti al medico.

Sarebbe poi interessante sapere quali sono le analisi che ha fatto in questi anni.
[#2] dopo  
Utente 127XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la risposta, anche io pensavo che non posso urinare più di ciò che ingerisco ma mi chiedo come mai se, ad esempio, bevo una spremuta di due agrumi durante la mezzora successiva vado in bagno almeno 3 volte, come se la mia vescica scoppiasse ogni volta.
Inoltre, se trattengo l'urina più di quanto sono abituata a fare, avverto un leggero capogiro che scompare una volta che mi sono liberata.
Ci può essere un collegamento tra le due cose?
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Filippo Mangione
28% attività
0% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
E' possibile che esista una modesta alterazione della sensibilità vescicale, che può essere conseguenza di un'infiammazione acuta o cronica, o di problemi neurologici, o di problemi ginecologici. Ne parli con il suo medico e insieme a lui decidete come orientare le indagini.

[#4] dopo  
Utente 127XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio.