Utente 196XXX
Salve,
sono un uomo di 41 anni e circa un mese fa mi è stato riscontrata una placca alla carotide del quasi 30%.
Con la considerazione anche delle analisi del sangue fatte appena precedentemente con valori di colesterolo totale uguale a 235 con terapia dieta per iporcolesterolemia e una compressa a sera di Simvastatina 20mg.
Premetto che per me sono tutte cose nuove e che da ignorante mi fanno preoccupare perchè mi piacerebbe capire.
A tal proposito per un mio fondato sospetto di analisi del sangue falsati per errato comportamento alimentare preanalisi e per mio timore sull'eccessiva assunzione della Simvastatina ho pensato dopo un mese di rifare le analisi del sangue da cui si evince che il colesterolo totale è 160 e l'HDL è 35. Ora la mia domanda è: devo continuare a prendere la Simvastatina?? e perchè??
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Se nel corso del mese trascorso fra le due analisi ha assunto la simvastatina, deve continuare a prenderla ed il cardiologo di fiducia Le consiglierà gli eventuali aggiustamenti nel dosaggio ed i controlli cui dovrà periodicamente sottoporsi. Questo perchè: 1) il farmaco ha avuto evidentemente un ottimo effetto; 2) in presenza di placche carotidee le statine ne rallentano la progressione, specie nei soggetti in età non avanzata, e ciò anche in presenza di riscontro di colesterolemia entro i limiti della norma.
Se invece non ha mai assunto la terapia, si potrebbe tentare di seguire una dieta drasticamente ipolipidica e, con l'ausilio di una regolare attività fisica aerobica, controllare nel tempo l'assetto lipidico e soprattutto l'evoluzione della placca.
In tutti i casi, chieda al curante se ritiene opportuna l'associazione di un antiaggregante (Aspirina o similare), che a mio avviso è indicato. Infine, se fosse fumatore, deve smettere subito.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la risposta per la disponibilità e per la grande professionalità.. Grazie a lei adesso conosco qualcosa in più di quello che mi succede...
Distinti Saluti





[#3] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
riprendendo l'argomento Simvastatina che sto regolarmente assumendo segnalo che sto riscontrando secchezza dei palmi delle mani, formicolii e feci chiare... che significa??? è normale???

Grazie
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Quelli che descrive non sembrano effetti collaterali legati all'utilizzo della simvaststina.
Le ricordo comunque che è buona norma controllare dopo un mese di terapia, oltre all'assettio lipidico, anche i valori di CPK e di transaminasi. Ne parli col medico curante.
[#5] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
Grazie...
[#6] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
Salve,
ritorno sull'argomento per indicazioni circa il da farsi riscontrando come effetti indesiderati della simvastatina disturbi del sonno e indolenze muscolari.
Grazie
[#7] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In presenza di dolori muscolari diffusi, e nel caso al controllo ematologico si riscontrasse un aumento considerevole del CPK, il curante dovrà valutare l'interruzione della terapia con statine per intolleranza. In tal caso bisognerà poi procedere alla scelta di una molecola appartenente a un'altra categoria farmaceutica per la necessaria sostituzione.
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 196XXX

Iscritto dal 2011
gentilissimo come sempre...Grazie...