Utente 384XXX
A causa di una dermatite atopica, ho portato mio figlio di quasi 3 anni a fare un Prick test, non so se si chiama così quello con le punture sul braccio ed il contatto con gli alimenti.
Essendo risultato lievemente allergico a uovo, pomodoro e mela.
Sono state richieste le seguenti analisi di approfondimento.
Visto che tale referto mi ha un pochino preoccupato per via di qualche valore sballato, vorrei chiedervi un parere.
L’eventualità di una celiachia si può dedurre da questo referto ?
Grazie infinite.
Ecco i valori… Tra parentesi quelli normali.
------------------------------------------------------------------------------
A.A. transglutaminasi IGG 3.04 u/ml >5 negativo
A.A. transglutaminasi IGA 1,20 u/ml >3 negativo


Sideremia …. 61 ( 30-150)
Transferrinemia 306 mg/dl (200-360)
Ferritina 15,10 ng/ml (28-365)


Emocromo completo

Globuli Bianchi 8,9 (4-10,2)
Globuli Rossi 4,70 (4.5-6,1)
Emoglobina 12,2 (14-18)
MCV 78,8 (80-97)
Neutrofili 29,6 (37-70)
Linfociti 62,6 (19-48)
Monociti 3,8 (2-12)
Eosinofili 3,5 (0-7)
Basofili 0,4 (0-2)
Ematocrito 37,1 (40-53)
MCH: Cont. Medio emoglobinico 25,8 (27-34)
MCH: Conc. Corp. Media HB 32,8 (31-36)
RDW 12,5 (10,6-15,5)
Piastrine 421000 (140000-500000)

Ricerca degli Eosinofini con TAMPONE NASALE: NEGATIVA

A.A Endomisio (EMA) >1.10 Negativo
A.A Gliadina IGA (AGA) 6,64 Dubbio
IGE totali 11,00 (15-190)

RAST bianco d’uovo, gamberi, mela, merluzzo, dermatophagoides,alternaria tenuis, aspergillus fumig

Tutti minori di 0,10 quindi negativi.
---------------------------------------------------------------------

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
durante questo tempo è riuscito ad avere chiarimenti sulle analisi di suo figlio?
[#2] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Purtroppo no, comunque un successivo Patch test, cioè un cerotto applicato 48 ore sulla schiena ha evidenziato un'allergia al merluzzo e al nickel !!
Ora sto seguendo una dieta eliminando tantissimi elementi che contengono il nickel.
Nonostante ciò la dermatite continua a quasi un mese dalla dieta. Mi chiedo quanto sia attendibile tutto ciò.
Poi come mai nel sangue il RAST mi da il merluzzo negativo e il patch test invece provoca positività.
[#3] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Per l'ultima domanda preferisco attendere l'intervento di un allergologo.
Per quanto riguarda il primo problema, se vede che la dermatite continua seppur con l'esclusione di merluzzo dalla dieta e l'allontanamento di ogni forma di Nickel (prime fra tutte le monete ed eventuali giocattoli che ne contengano), le consiglierei di monitorare i pasti del bambino sempre più a stretto raggio. Dovrebbe, secondo me, osservare quando la dermatite scompare del tutto (magari al mattino) e cominciare quindi da quel punto a somministrare i soliti alimenti comunque con tranquillità, avendo cura di segnarli a parte, anche colazioni e merendine varie, perchè alla prima manifestazione di dermatite si possa avere un quadro più ristretto degli alimenti responsabili, e comportarsi di conseguenza.
Ci faccia sapere.
[#4] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Purtroppo nonostante un attento monitoraggio inizio a pensare che così facendo si tolgono solo elementi utili per la dieta del bambino (verdure, frutta).
Da un paio di giorni ha un violento sfogto intorno agli occhi e macchie nel viso e nel collo mentre il corpo sembra stabile.
A questo punto inizio a dubitare di tutto, Rast, Patch, e mi metto in cerca di qualche professionista serio che mi spieghi il perchè di questa sofferenza a mio figlio.
Buon Lavoro a tutti voi.
[#5] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
beh, nessuno chiaramente le dice di privare il bambino di elementi nutritivi "alla cieca", ci mancherebbe.
Se persistono queste eruzioni cutanee che ci segnala lo porti subito in pronto soccorso, eventualmente con la lista di cibi ingeriti al massimo nell'arco delle 24 ore precedenti.
Consulti pure un immunolog-allergologo della sua zona, e ci faccia sapere. Salui.
[#6] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Non è che stiamo eliminando elementi dalla dieta alla "cieca", ma sulla base dell'allergia al nichel evidenziata dal Patch, abbiamo una lista fra cui molte verdure e legumi che nonostante eliminati non hanno risolto il problema.
Anzi l'ultima "crisi" ha riempito di eczemi il bimbo nel viso e nel contorno occhi.
Non ultimi i continui tagli sotto i lobi delle orecchie.
Così non posso più continuare, per favore potreste evidenziarmi un centro o uno specialista in qualsiasi parte d'Italia,per tentare strade più percorribili per noi e per mio figlio.
Grazie per la pazienza.
[#7] dopo  
Dr. Francesco Montella
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2003
Per quanto riguarda la celiachia penso di poterla escludere, non soltanto in base agli esami riportati ma anche perchè i sintomi riferiti non hanno alcuna attinenza con tale patologia.

Per il problema della dermatite è necessario un approccio specialistico accurato da parte di pediatri che si occupano di allergologia e immunologia.

A Roma specialisti allergologi pediatri di sicuro affidamento sono i colleghi della clinica pediatrica del Policlinico Umberto I. Li consulti e mi faccia sapere.

Saluti

FM
[#8] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio molto , già da domani mattina inizierò tutta la trafila per avere un contato con Pediatria dell'Umberto I.
Non so se sia deontologicamente corretto, ma lei potrebbe indirizzarmi verso uno specialista ben preciso, così da avere un riferimento sicuro ?
Grazie per la pazienza.
[#9] dopo  
Dr. Alessandro Benini
32% attività
8% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente non ho ben capito se qualche dermatologo sta curando la dermatite atopica(che non è causata dalle allergie, anche se queste la possono peggiorare) di suo figlio?
Saluti
Alessandro Benini
[#10] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Dr. Benini, purtroppo non è in cura da nessuno.
Tutto ciò che ha fatto nell'ultimo anno, che poi è stato il peggiore dei 3 anni vissuti, è stato quello di ripetere il prick test, fare delle analisi del sangue (vedi sopra) e fare un patch test.
Il resto è stato il dilapidare una fortuna fra creme, lozioni, bagno schiuma,ammorbidenti e detersivi.
Ultima la diagnosi del nichel e la conseguente dieta che tuttora sta facendo.
Al suo compleanno proprio ieri ha abusato di cioccolato e patatine varie, io proprio non me la sono sentita di negargli una piccola soddisfazione per il suo compleanno,a distanza di quasi 48 ore non c'è stato nessun segno di peggioramento a livello cutaneo.
Ricordo che il cioccolato è l'alimento in natura con più alto contenuto di nichel. E se il Patch sia solo un'allergia da contatto?
Come vedete siamo molto confusi, serve qualcuno che ne capisca veramente e che diventi l'unico riferimento per venirne a capo.
Grazie.
[#11] dopo  
Dr. Alessandro Benini
32% attività
8% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2000
Gentile Utente le sue supposizioni non sono nient'affatto campate per aria, difatti, in passato e tutt'ora, si discute della valenza di allontanare o meno alimenti con presenza di nichel, in soggetti positivi allo stesso ai patch test proprio per il fatto che nelle allergie da contatto entra in gioco un meccanismo immunologico diverso dalle allergie per via generale.Pertanto il mio consiglio è di determinarsi con una dermatologia pediatrica per curare la dermatite atopica che va seguita passo dopo passo,insieme alla crescita di suo figlio.
Saluti
Alessandro Benini
[#12] dopo  
Dr. Luigi Mocci
44% attività
0% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Gentile paziente,
purtroppo viviamo in un mondo folle che ha contagiato anche la nostra professione. Per fortuna il Dr. Benini ha portato una goccia di buon senso in tutta questa follia in cui lei e suo figlio siete precipitati.
La Dermatite Atopica non c'entra niente, per lo meno a questi livelli con l'immunità con buona pace di tutti i pediatri e gli allergologi, immunologi, omeopati, nani e ballerine.
Il fatto è che è un atteggiamento congenito e probabilmente geneticamente determinato della cute di suo figlio. Ciò che, da un punto di viasta pratico dovete focalizzare è che:
1. Non è un malato, ma un bambino con un piccolo problema cutaneo che condivide con migliaia o milioni di altri bambini
2. E' un bimbo con una cute tendenzialmente più secca e sensibile degli altri, cvhe a volte si irrita, dando la Dermatite, che è scatenata dal contatto con situazioni e sostanze ambientali, ma per motivi di irritazione diretta, non allergici
3. E' una situazione che va gestita, facendo passare l'infiammazione delle fasi acute e curando la pelle nei periodi di normalità

Tendenzialmente ha un trend in miglioramento neglia anni.

Quale rapporto con le allergie? Bè, generalmente vi è un nesso con allergie non presenti me probabilmente sviluppabili del tratto respiratorio, da una banale oculo rinite finop all'asma, con tutti i gradi intermedi. Si parla però di ciò in termini probabilistici, non di sicura consecutorietà.
Infine, mi è parso comunque molto sensato richiedere gli esmi per una eventuale celiachia sottostante, perchè questa patologia in età bassa può associarsi ad uan eruzione cutanea che può essere confusa con una Dermatite Atopica.

Infine, concludendo, a Roma vi è anche styoricamente una buona dermatologia pediatrica per cui vi esorto ad afferire a quello che è lo specialista di riferimento per la patologia di suo figlio

Cari saluti

Dr. Mocci
Responsabile Servizio di Dermatologia Pediatrica Ospedale "SS Antonio e >Biagio e C. Arrigo" Alessandria
[#13] dopo  
Utente 384XXX

Iscritto dal 2007
Egregio Dr. Mocci, ha inquadrato benissimo la situazione, già oggi mi sono mosso per un contatto con la dermatologia pediatrica del Policlinico umberto I.
Quanto prima vi farò sapere.
Tra l'altro visto che è una settimana che regolarmente il bimbo ha il contorno occhi violaceo e squamato con gonfiore che viene e va, mia moglie su consiglio della pediatra sta somministrando zyrtec mi pare un antistaminico e della crema locale Bidien ottenendo dei risultati solo temporanei.
Non vorrei nemmeno sapere l'impatto di questi farmaci sul sistema di mio figlio, temo che sia roba un pò forte.
Per quanto riguarda il fattore estetico chiaramente nemmeno lo prendo in considerazione, ma sono sicuro che l'eccessivo "torpore" (pigrizia,poca reattività)di mio figlio,sia in qualche modo concatenato alla dermatite .
Grazie