Utente 210XXX
Gentili dottori,

dopo rapporto penetrativo protetto, sfilo il preservativo con le mani, lo stringo accuratamente per verificare che non ci siano state rotture. Evidentemente nel far questo mi sporco le mani abbondantemente di secrezioni vaginali della partner. Prendo poi un fazzoletto umido pulito e mi pulisco il glande.

Quindi si tratta di contatto indiretto secrezioni vaginali - mie mani - fazzoletto umido - mio glande

1) Ho letto in piu' post che il contatto indiretto e' considerato a zero rischio. La domanda e', questo dipende dalla quantita' di secrezione vaginale (nel mio caso abbondante) sul veicolo indiretto di trasmissione e di quanto tempo trascorre tra i vari passaggi (nel mio caso tutti eventi consecutivi nel giro di pochi secondi) oppure comunque e' ragionevole considerare il contatto indiretto sempre e in ogni modo privo di rischi almeno di lacerazioni aperte?

In merito le pongo altre due domande, mi rendo conto forse un po' ingenue ma per quel so comuni a tante persone:
2)Ho sempre un po' di timore al momento di togliermi il preservativo. Questo andrebbe tolto arrotolandono o sfilandolo. Il mio timore e' sempre quello che nel farlo accidentalmente una piccola quantita' di secrezioni vaginali possano entrare in contatto con il mio glande. 3)Stessa cosa se mi pulisco con un fazzoletto subito dopo un rapporto e' possibile che io veiocli secrezioni vaginali rimaste sulla parte bassa del pene magari nn coperta, sul glande proprio nel pulirmi??

Grazie in anticipo per le vostre risposte.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non e' un veicolo a rischio HIV in senso assoluto.

Altro di medico non si può dire n'è consigliare.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la pronta risposta.
Quindi capisco che sia si tratti di una mano o di un fazzoletto entramni NON sono veicolo, A PRESCINDERE SIA DALL'ABBONDANZA DELLE SECREZIONI NE DAL TEMPO PASSATO (anche pochi secondi)??

Per curiosita' la ragione e' da leggere nel fatto che bastano i famosi 5-10 secondi per perdere gran parte della carica virale o che il rischio e' solo durante la penetrazione perche' e' in quel momento che eventualmente si possono creare le micro-lesioni da dove puo' entrare il virus??

Inoltre cortesemente mi potrebbe dare un suo parere sulle altre domande (2-3) per capire e gestire meglio quelle che ormai invece stanno diventando fobie che non mi fanno piu' vivere serenamente la mia vita sessuale.

Nella domanda numero 3) per chiarire, intendo che e' possible che il preservativo possa non coprire fino alla base il pene e che quindi qualche secrezione vaginale possa colare fino alla base del pene. A rapporto terminato se innavertitamente mi pulisco con un unico fazzoletto potrei portare queste secrezioni anche sul glande. Mi rendo conto che si tratti di un csao limite ma mi capita spesso di trovarmi in difficolta a fine rapporto nel rimuovere il preservativo e con il timore di fare qualcosa che possa mettermi a rischio.

Grazie mille per la sua gentilezza e ammirazione per il vostro servizio
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non esiste rischio HIV come detto ma permane il rischio per altre malattie sessualmente trasmissibili, sempre e anche ler utilizzo del profilattico (sifilide, condilomi, herpes genitalis, molluschi contagiosi in primis)

Saluti
[#4] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
mi perdoni ma stavo rileggendo la sua prima risposta...
staro' divendando ansioso ma cosa intende con la frase:

"Altro di medico non si può dire n'è consigliare." ???


Inoltre per quanto riguarda le altre MST se neanche il preservativo basta, come evitare il rischio??

Grazie