Utente 199XXX
gentili dottori, ho bisogno urgentemente di un supporto.

circa un anno fa con esame di tampone uretrale mi sono stati diagnosticati clamidia e ureaplasma.

Il problema è che non ho avuto altri partner sessuali oltre mia moglie, né prima né dopo il matrimonio, in nessuna forma (sessuali, anali, orali).

Mia moglie ha fatto gli stessi esami piu volte ed è risultata negativa (tamponi vaginali e uretrali)

questo problema sta distruggendo il nostro matrimonio perche lei è convinta che l'abbia tradita.

A chi posso rivolgermi?

È possibile aver preso queste infezioni in altro modo? Attraverso animali domestici? Attraverso dei rapporti anali che ho avuto un paio di volte con mia moglie?

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il caso clinico che ci trasmette rappresenta,ormai,una consuetudine che,a volte, é difficilmente gestibile,specialmente quando é presente la buona fede in entrambi i partners di una coppia.E' strano che,dopo un anno,ancora vi sia questo clima ma,credo che la sintomatologia (che non specifica) sia spenta in entrambi e,quindi,conviene guardare avanti.Continui ad affrontare il problema con uno specialista reale e,se la sintomatologia e gli esami diagnostici sono negativi,ci metta una pietra sopra.Quanto al contagio pregresso,è possibile che si possa essere verificato inconsapevolmente,anche nell'ambito del rapporto coniugale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore,

mi rendo conto della difficoltà di gestire la cosa, specialmente per chi la vive dalla parte di mia moglie.

Questo clima non c'è stato per tutto l'anno di seguito, ma evidentemente da lei il problema non è stato risolto e lo ha trascinato tra alti e bassi. Abbiamo avuto solo un paio di occasioni nel fare sesso, e dopo queste lei non si è sentita bene, si è rifatta di nuovo tutte le analisi (comprese epatiti, HIV ecc.) e ora mi confessa che non se la sente più di avere rapporti sessuali e che prova un senso di schifo.

Le ripeto che lei non ha mai avuto un esito positivo del test. Purtroppo a questo punto è chiaro che non riesce a metterci la "pietra sopra", come ci consiglia lei. Mia moglie ha chiesto pareri anche a diversi medici "amici" e tutti le fanno spallucce, come per dire "è chiaro che è successo".

Per quanto concerne la sua risposta ("è possibile che si possa essere verificato inconsapevolmente,anche nell'ambito del rapporto coniugale"), mi può dare qualche indicazione aggiuntiva di come potrebbe essere successo? Posso fare degli approfondimenti anche in letteratura, pubblicazioni scientifiche ecc.? posso venire anche al suo studio se necessario, anche se sto dalle parti di Roma. Almeno per dimostrarle che c'è anche una possibilità su 100 che sia successo in altro modo. E' la possibilità a cui mi aggrappo per tenere in vita il matrimonio.

La ringrazio


[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ho la sensazione che il problema coniugale sia piu' complesso...Non e' necessario vederci,e' indispensabile che,pero' uno Specialista a Voi vicino spieghi la dinamica possibile di queste infezioni e che,non sempre,entrambi i partner sono colpiti contemporaneamente.Cordialita'