Utente 252XXX
Gentili Dottori,
è da ormai un mese che ho una follicolite molto volgare circoscritta sulle braccia che non accenna a diminuire. Più di un mese fa mi sono depilata braccia e gambe con una crema depilatoria, facendo, due giorni prima, un test di prova allergica per scrupolo su una piccola parte dell’avambraccio. A risultato negativo ho proceduto con la depilazione. Dopo circa una settimana sono andata ad un picnic indossando una semplice tuta sportiva abbastanza aderente. Tornata dalla giornata piuttosto calda ho notato spogliandomi dei puntini rossi sparsi qua e là su tutte e due le braccia. Pensando si trattasse di follicolite, su consiglio del mio medico curante, ho utilizzato una crema antibiotica Gentalyn per qualche giorno e poiché non vi erano miglioramenti il mio medico mi ha prescritto un antibiotico Augmetin e un cortisone Flubason per ridurre l’infiammazione delle pustole, nel frattempo aumentata notevolmente. La situazione però è cominciata a peggiorare sempre di più e questi brufoli pieni di pus si sono estesi ricoprendo totalmente le braccia, senza risparmiare un mm di pelle. II dottore mi ha dato allora un’altra crema Fucicort all’acido fusidico. Adesso mi ritrovo al quarto giorno di applicazione, senza alcun miglioramento anzi le pustole si riempiono di grasso sempre di più e l’infezione si è irradiata dappertutto anche sulle spalle. E' come se i peli non riescano ad uscire e si trovino un tappo di grasso sopra che occlude il poro. Sono un po’ preoccupata perchè nonostante un’accurata pulizia con detergenti antibatterici e le terapie antibiotiche e cortisoniche, questa follicolite non se ne vuole andare. Aggiungo che in tutto questo tempo faccio uso di un antistaminico Aerius per il forte prurito che le bolle mi provocano. Si può diagnosticare il tipo di batterio che provoca questa follicolite? Forse l’antibiotico non è stato sufficiente a debellare il batterio o potrebbe essere un altro tipo di malattia? Capisco che senza una visione diretta non si possa fare una diagnosi accurata ma vorrei almeno capire se tutto questo può dipendere dalla dinamica dei fatti che ho raccontato all’inizio. Come dovrei comportarmi? Una visita dermatologica l’ho già prenotata ma poiché è tra due settimana e prima non c’era disponibilità, un vostro parere può aprirmi qualche strada.
Grazie e buona giornata

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
credo gentile utente che lei stia entrando in un loop dal quale potrà sicuramente uscire con una corretta diagnosi e terapia ma solo dopo una accurata visita dermatologica; cerchi nel frattempo di evitare applicazioni fai-da-te soprattutto cortisoniche le quali possono addirittura arrecare effetti collaterali

cari saluti
[#2] dopo  
252422

dal 2016
Non sto facendo cure fai-da-me ma sono prescrizioni del mio medico. Volevo sapere soltanto come procedere in questi giorni di attesa della visita, dato che il problema giorno per giorno peggiora. Ringrazio lo stesso