Utente 252XXX
Buona sera, vorrei esporvi il mio problema. Circa tre mesi fa mi sono operata di coliciste; da allora sono iniziati i problemi con vomito di succhi gastrici gialli. Circa un mese e mezzo dall'operazione chirurgica sono andata in coma a causa dell'ammonio troppo alto e sono stata trasferita all'ospedale del capoluogo della mia regione. Mi hanno detto che l'ammonio si era alzato perché avevo preso la metformina perché sono diabetica. Ho sospeso così la metformina e sono passata all'insulina. Dopo una settimana mi sono sentita nuovamente male, di nuovo vomito e crisi di pazzia. Sono tornata in ospedale e di nuovo l'ammonio alto: era a 1800. In ospedale mi hanno trattato con il clistere e con sciroppo per pulire l'intestino, e mi hanno somministrato la bioarginina e sono stata meglio. Poi però sono stata trasferita in una clinica di ricerca per lo studio degli amminoacidi; mi è stato riscontrato Helicobacter pylori. Ho assunto per 7 gg l'antibiotico ma senza nessun risultato. Continuo ad avere vomito, non riesco a mangiare, non riesco a bere e sento il bisogno di stare a letto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile signora,
l'iperammoniemia è un'emergenza clinica a tutti gli effetti.

Il paziente va prontamente soccorso ed ospedalizzato, dal momento che i sintomi associati alla malattia possono precipitare vertiginosamente e creare danni irreversibili.

Pertanto le consiglio di recarsi al Pronto Soccorso a lei più vicino per gli opportuni accertamenti e cure mediche.

Saluti