Utente 620XXX
Spettabili Medici,
mi ritrovo con 2 patch-test, eseguiti a distanza di qualche anno, totalmente discordanti. Nel primo ero risultato allergico a varie sostanze, ad alcune anche in maniera piuttosto forte, tanto che non ho avuto solo eritemi e bubboni, ma anche ulcerazioni.
Recentemente lo specialista mi ha prescritto di ripeterlo perché lo voleva eseguito nel proprio reparto (l'altro lo avevo fatto in un altro ospedale).
Nel nuovo patch test non sono risultato allergico a nulla.
Questo per me è comunque piuttosto preoccupante perché non vorrei che uno dei 2 fosse sbagliato, anche tenendo conto che, essendo, come mi è stato detto, l'ultimo quello che vale, ho sospeso tutte le precauzioni nei confronti delle sostanza che mi facevano male.
Ciò che mi confonde è che quando feci il primo test ad Allergologia, mi fu detto esplicitamente che non sarei mai potuto guarire, mentre ora mi ritrovo guarito.
Avete qualche consiglio su cosa fareste se fosse successo a voi un simile strano caso?
Al patch test si deve davvero credere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Valerio Langella
40% attività
8% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gentile signore, effettivamente il tutto e' un po' strano e le variabili per sospettare un errore (che mi sembra certo) sono tante. Molto importante e'la corretta esecuzione dei test,della sensibilità cutanea del momento, di eventuali farmaci etc. La cosa più importante e' certamente il suo disturbo specifico perché solo in base a questo vi può essere correlazione con i test. Valuti quindi di ripetere il test ed aggiungo che cmq non si "guarisce" essendo la reazione mediata da linfociti. Per qualsiasi ulteriore chiarimento,a disposizione. Cordiali saluti.