Login | Registrati | Recupera password
0/0

Infiammazione intestino, vescica, prostata

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009

    Infiammazione intestino, vescica, prostata

    Buongiorno,

    Sono un uomo di 31 anni, e da sempre ho sofferto di intestino irritabile e facilmente influenzabile (colpi di freddo ecc. ecc.), inoltre negli ultimi 5 anni ho notato che sembro somatizzare tutto il mio stress e la mia ansia sull'intestino. Scrivo in questa sezione dopo aver contattato gia 2 urologi. Il mio problema e' cominciato esattamente 1 anno fa: Bruciori alla vescica, all'uretra, e pesantezza perineale. Effettuo prima visita dall'urologo (dopo aver eseguito tutto l'iter di esami urine, spermiocultura, tampone uretrale, tutti negativi) e mi dignostica una prostatite, e mi propone "Proposta" pillole per decongestionare la prostata e mi dice di bere tanto durante il giorno e di evitare di passare troppo tempo seduto (fosse facile facendo l'impiegato 9 ore al giorno). Passano i mesi ed il problema rimane pressochè identico. Contatto un secondo urologo, che mi visita e mi diagnostica anch'esso una prostatite abaterica e mi da come cura Levoxacin 500mg 1 cpr die (15gg + 15gg mese successivo) e Topster 1 supposta alla sera (7gg). Effettuo la cura e verso la fine cura sembra andare timidamente meglio, ma finita la cura tutto torna come prima.

    Scrivo in questa sezione perche' nell'ultimo mese le cose stanno peggiorando. Ho l'intestino in subbuglio, quasi ogni giorno ho episodi di diarrea, certe volte comincio ad evacuare feci normali, ma finisco sempre con feci malformate muco e gas. La pancia è costantemente piena d'aria.

    Venendo al peggio...ho bruciori anali, dopo l'evacuzione sembra che mi vada a fuoco e il solo pulirmi con la carta è una tortura. Non vi è sangue visivamente. Da circa una settimana e mezzo dopo ogni evacuazione e relativo bidet, applico proctolyn pomata e la situazione va meglio. Ma all'evacuazione successiva ricomincia la solfa.

    Associato questo, mi si sono accentuati i problemi urinari, ho forte bruciore alla vescica e all'uretra, avverto come uno stimolo all'eiaculazione anche in assenza di stimoli, l'eiculazione è dolente.

    Insomma la situazione sta diventando insostenibile.

    Mi affido ad un vostro consiglio





  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Gentile utente,
    l'uso di antibiotici e lo stress, che si pensa sia alla base della prostatite abatterica,
    possono averle creato disbiosi con lo sviluppo di un quadro di colopatia funzionale (colon irritabile).

    Sarà utile assumere del simeticone e dei fermenti.

    Ne parli con il curante,
    e valuti l'opportunità di farsi seguire da un gastroenterologo.

    Saluti


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  3. #3
    Indice di partecipazione al sito: 535 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Chirurgia dell'apparato digerente
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia
    Chirurgia di urgenza e Pronto Soccorso

    Risponde dal
    2011
    La diarrea riferita potrebbe essendo acida influire in senso peggiorativo sulla possibile presenza di una ragade anale. Pertanto sarà opportuno innanzi tutto una visita proctologica per confermarne la eventuale presenza e stabilirne la terapia. Inoltre spesso nel caso di IBS sono presenti problemi urologici. Pertanto il coloproctologo le consigliera il corretto iter diagnostico terapeutico.


    Dr. Roberto Rossi

  4. #4
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Grazie per le risposte così celeri.

    In merito all'uso di fermenti , nei periodi "no", ho sempre usato "enterolactis" con cui mi trovavo bene. Ultimamemente pur prendendone 2 bustine al giorno, non trovo miglioramenti.

    In merito alla diarrea, è proprio dopo un'episodio particolarmente pesante di diarrea che è cominciato tutto il bruciore anale.

    Mi hanno consigliato di provare "colostro noni" per l'intestino irritabile, che ne dite?

    Andro' quanto prima da un proctologo.

    Se posso...in che consiste la visita specliastica?



  5. #5
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Il problema del bruciore anale è secondario alla colopatia funzionale,
    trattando quella dovrebbe andare da sè il bruciore anale.

    Pertanto la figura specialistica utile è il gastroenterologo,
    che nel suo caso, come in tutti i casi,

    (mi rendo conto che oggi il paziente viene forse "disabituato" alla cosa fondamentale: la visita medica)

    la visiterà, non mancando di visitare anche la zona ano-perineale.

    Saluti


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  6. #6
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    La ringrazio,

    Per quanto riguarda il "Colostro noni" è a conoscenza di qualche beneficio?



  7. #7
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Si figuri.

    Tenga poi conto che le linee guida vietano di citare e consigliare prodotti commerciali.

    Auguroni


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  8. #8
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Capisco, grazie lo stesso per la cordialita'

    Buona giornata



  9. #9
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Buona giornata a lei.


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  10. #10
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Buongiorno,

    riscrivo perchè nel frattempo che aspetto il giorno della visita, i sintomi si vanno accentuando.

    Per il bruciore anale ho provato proctolyn per una settimana, provando sollievo temporaneo sino alla successiva evacuazione. Ho provato con ruscoroid ma non ho notato nessun effetto particolare. Infine ho provato con preparazione H, con questa crema ho notato un netto miglioramento delle emorroidi, ho provato ad associare a quest'ultima il Bepanthenol crema, per 2 giorni sembrava tutto scomparso o quasi, salvo ripresentarsi oggi....

    Inoltro noto come dopo ogni evacuazione l'intestino rimanga infiammato e dolente

    Ma può mai essere che nessuna crema per uso topico funzioni?




  11. #11
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Non sempre una terapia topica è in grado di risolvere una quadro clinico.
    Anche per questo motivo è importante la visita diretta.
    Mentre aspetta la visita specialistica, si faccia visitare dal curante,
    potrebbe esserle di utile giovamento.

    Cordiali saluti


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  12. #12
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Salve,

    Ho seguito il suo consiglio, e mi sono fatto visitare dal medico curante.
    Lui mi ha proposto di provare una cura contro gli ossiuri, 3 compresse di Combactrim da provare.

    Ieri le ho prese, vediamo ora come va.

    Secondo lei è verosimile l'ipotesi dei vermi?



  13. #13
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Se il suo medico le ha consigliato questa terapia, immagino che avrá avuto i suoi buoni motivi per prescriverla, dopo averle ispezionato ed esplorato la regione ano-perineale.

    Segua, quindi, le sue indicazioni.

    Distinti saluti.


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  14. #14
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Ecco, appunto. Non lo ha fatto.

    Comunque ho prentotato una colonscopia e come si chiama..

    Vedremo



  15. #15
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Me ne dispiace tantissimo.

    Se lo riterrà ci aggiorni dopo l'esame.

    Cordialmente


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  16. #16
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Buongiorno,

    Riscrivo perchè durante le vacanze estive ho avuto un netto miglioramento dell'intera sintomatologia. Sto usando argilla verde ventilata per la colite e le cose vanno decisamente meglio. I dolori dovuti alla prostatite sono calati decisamente, io sono convinto che sia dovuto al fatto che non sono stato costretto 8 ore seduto davanti al pc.

    La riprova l'ho avuta tornando al lavoro...

    Dopo 1 settimana sono ricominciati i dolori ed i disturbi alla prostata con tutti i sintomi sopra descritti.

    Ieri sera ho assunto una bustina di OKI e ho messo una supposta di TOPSTER...

    Stamattina ho avuto forti dolori addominali accompagnati da feci malformate (non diarrea) tanto che non sono riuscito a recarmi in ufficio..

    No so che fare...se curo la prostatite i farmaci mi distruggono l'intestino (che gia di per se soffre) se curo l'intestino mi tornano i dolori alla prostata....

    NOn so piu che fare



  17. #17
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Faccia verificare al suo curante,
    se c'è del meteorismo,
    del Simeticone (veda il mio consiglio in replica #1) potrebbe esserle d'aiuto.


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  18. #18
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Scusi l'ignoranza ma il simeticone non si usa per curare l'areofagia?



  19. #19
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Perchè dice questo?


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  20. #20
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Perche' nel bugiardino e' riportato "Indicazioni terapeutiche: Meteorismo gastro-enterico e aerofagia dell’adulto"



  21. #21
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Infatti l'aerofagia è "una",
    non l'unica,

    delle cause che contribuiscono al "Meteorismo gastro-enterico" (che pure è riportato nel bugiardino).


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  22. #22
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Capito, grazie.

    Un'altra cosa, da ieri mi e' spuntato proprio sull'ano una piccola "pallina" dura dolente al tatto e non. Non penso sia un'emorroide, ne ho sofferto in passato ma al tatto non erano così dure.

    Siccome mi sta succedendo di tutto in questo periodo, secondo lei devo preoccuparmi?

    Grazie



  23. #23
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Per completezza, questa "pallina" è ubicata qualche millimetro all'interno dell'ano sulla parete SX (basta "allargare" l'ano per notarla). Il colore è simile più o meno a quello del tessuto circostante forse leggermente piu scuro. Al tatto è abbastanza dura, ma parrebbe mobile, ovvero toccandola sembra che rientri all'interno della parete. Non è dolorsissima, ma si fa sentire.



  24. #24
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Il segreto è farsi visitare (emorroide trombizzata? papilla ipertrofica? etc.)


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  25. #25
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Eccomi, fresco di visita proctologica (che dolore!).

    Si tratta di una piccola emorroide trombizzata, mi è stato detto che passerà da se e dato che ormai non duole più non mi sono state date particolari cure. E mi sta bene così.

    Per il resto dei miei problemi dovuto (penso io) ad una colite, il medico mi ha detto di rivolgermi ad un gastroenterologo...qui sono rimasto un po basito..

    Mi tocca rifare tutto da capo, prenotare appuntamento col SSN appuntamento tra 2 mesi (mi è andata anche bene) ecc. ecc.

    Pensavo che un Colonproctologo potesse darmi tutte le indicazioni del caso, non è forse lo specialista di riferimento?




  26. #26
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Evidentemente è stato un chirurgo proctologo a visitarla,
    pertanto non un gastroenterologo.


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

  27. #27
    Utente uomo
    Iscritto dal
    2009
    Ah ok, ho capito. Grazie e buona giornata



  28. #28
    Indice di partecipazione al sito: 2108 Medico specialista in: Gastroenterologia e endoscopia digestiva

    Perfezionato in:
    Colonproctologia

    Risponde dal
    2012
    Buona giornata anche a lei.


    LEGGERE ATTENTAMENTE LE LINEE GUIDA PRIMA DI RICHIEDERE UN ORIENTAMENTO O CONSIGLIO. L'AUTOGESTIONE E' PERICOLOSA, CONSULTATE PRIMA IL VOSTRO MEDICO.

Discussioni Simili

  1. Il caldo forte ho sempre diarrea
    in Colonproctologia
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30/07/2012, 18:24
  2. Diarrea continua e sangue
    in Colonproctologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05/07/2012, 17:26
  3. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 23/06/2012, 14:44
  4. Diarrea liquida
    in Colonproctologia
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06/09/2012, 12:24
  5. Diarrea ed emorroidi
    in Colonproctologia
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 01/10/2012, 09:46
ultima modifica:  14/10/2014 - 0,30        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896