Utente 264XXX
Salve vi scrivo per un chiarimento. Ho 24 anni e circa 2 mesi fa, a seguito di un ecg di controllo, mi è stato detto di avere un pattern tipo 3 di brugada. Mi è stato detto anche però che la cosa era sfumata e non mi è stato indicato neanche il test farmacologico di induzione. Mi sono comunque poi rivolto a un centro specializzato per queste cose, dove ho eseguito il test all' ajmalina. Durante il test ero così agitato che i battiti non scendevano sotto i 100/min...solo alla fine, dopo circa 5-10 min che avevano teminato l' infusione sono tornato a valori più accettabili...80 85 min..(stavo comunque sempre monitorizzato).Loro mi hanno tranquillizzato, dicendomi che non c'è stato nulla di anomalo (tranne il fatto di ever visto che ho un bbdx incompleto maggiormente visibile con elettrodi alti) e che il test era risultato negativo. A distanza di circa un mese, adesso, mi è venuto un dubbio: la frequenza elevata durante il test può averlo reso meno sensibile? c'è il rischio che non si sia visto veramente un pattern di tipo 1? ho letto che la frequenza elevata (tipo sotto sforzo) riduce il sopraslivellamento st...e per questo mi è preso paura. Grazie mille per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
a distanza e on line, con l'impossibilità di vedere il suo tracciato, risulta del tutto inverosimile avvalorare la sua ipotesi. Stia a quanto le hanno detto i colleghi dal "vivo".
Saluti