Utente 235XXX
Salve mio figlio di 5 anni e mezzo ha fatto la sua terza visita dall'oculista questa volta a pagamento il quale gli ha riscontrato una miopia pari a 0,50 (in verità la macchina gli dava 0,75). premetto io da quando andavo alle elementare ero fortemente miope e astigmatica, miopia evidenziata e corretta solo in terza media e quindi di conseguenza sapendo che è ereditaria è dall'età di tre anni che lo porto a visita. il medico alquanto scrupoloso durante la visita ci ha detto comunque di non mettergli ancora gli occhiali a meno che non vediamo atteggiamenti tipo strizzare gli occhi. Lui devo dire che quando scrive o disegna o gioca al computer tende ad avvicinarsi molto al foglio e allo schermo, etc. Come è possibile allora che vedendo otto decimi il dottore ci ha detto di attendere magari l'anno prossimo quando andrà alle elementari?grazie
[#1] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
A 5 anni, se vede 8/10, deve portare gli occhiali correttivi prescritti dopo esame in cicloplegia per essere sicuri che si tratti di una miopia vera.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 235XXX

Iscritto dal 2012
intende per ciclopegia il fatto che gli ha instillanto le gocce di collirio e dopo mezz'ora gli ha ricontrollato la vista? se intende quello lo ha fatto e al termine della visita il risultato è sempre stato lo stesso.
Ci ha detto anche di non dargli troppi dolci perperchè gli zuccheri peggiorano la miopia. ha un fondamento scientifico questa cosa? grazie penso proprio che gli metterò gli occhiali.
[#3] dopo  
Dr. Carlo Orione
52% attività
12% attualità
20% socialità
NIZZA MONFERRATO (AT)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non mi risulta che gli zuccheri peggiorino la miopia.

L'esame in cicloplegia si effettua con un collirio che deve essere instillato per 3 volte ogni 10 minuti ed il paziente viene ricontrollato dopo 1 ora.
Questo collirio non serve tanto per dilatare le pupille, ma per togliere la capacità accomodativa in modo da misurare con precisione l'eventuale ametropia.

Il paziente avrà poi un disturbo che durerà 3 giorni durante i quali non riuscirà a leggere e a vedere nitido per vicino.

Cordiali saluti