Utente 630XXX
Salve dottore, mercoledi sera ho avuto un rapporto orale non protetto con un uomo, questo rapporto è stato abbastanza animato e io quando sono arrivato a casa mi sono subito guardato in bocca a causa di un dolore al palato molle.. e ho trovato come un tagliettino, non sanguinante, che non vorrei mi si fosse aperto durante il rapporto. oggi che è mercoledì sono a casa da 3 giorni con quella che il mio medico di base ha definito una tracheofaringite ma sono molto preoccupato perchè non vorrei aver corso un grosso rischio. non conosco lo stato sierologico di questa persona ma vorrei sapere se vi è qualche associazione tra hiv e tracheofaringite (mal di gola, naso chiuso, mal di testa, dolore al collo). La febbre la misuro spesso e non è mai andata oltre 37,1.. lei che pensa? grazie
[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Il rapporto che descrive è a rischio HIV, esegua il test a 40 ed a 100 giorni dal contatto. La tracheofaringite non è presente nel corteo sintomatologico della sieroconversione.
[#2] dopo  
Utente 630XXX

Iscritto dal 2008
non pensavo fosse imputabile addirittura un alto rischio.. come mai? ma secondo lei è possibile con un rapporto orale che la membrana del palato molle si laceri? cavoli che ansia adesso! quindi la trachefaringite è una coincidenza o può derivare da qualche infezione acquisita durante il rapporto?
[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Io non ho parlato di alto rischio. La mucosa non è comunque una buona barriera. La tracheofaringite è un fatto intercorrente. Vi sono alcune faringiti come quella da gonococco che sono sessualmente trasmesse ma non riguardano mai la trachea.