Utente 262XXX
salve, sono un ragazzo di 22 anni e da qualche mese lamento dei dolori alla parte centrale bassa dello scroto soprattutto dopo un eiaculazione e accentuata ancora di più se resto in piedi per più tempo. Inoltre questo fastidio è collegato con un leggero fastidio al basso ventre e a volte all'interno coscia.
Sono in cura da un urologo il quale dopo vari esami tra cui urinocoltura, diverse spermiocolture e spermiogramma( risultati tutti negativi ), ecografia ai reni alla vescica e allo scroto, ha diagnosticato un varicocele di terzo grado a sinistra.
Secondo lui però i sintomi che io lamento non sono imputabili al varicocele e visti i risultati dello spermiogramma per ora non ci sono problemi di fertilità e quindi il varicocele non rappresenta un problema immediato.
Secondo lui anche se i risultati delle spermiocoltura erano negative poteva esserci qualche infezione e cosi mi ha prescritto un ciclo di antibiotici (ciproxin) prima per una settimana e poi per dieci giorni, ma il problema non è sparito e cosi ho effettuato un esame del secreto prostatico dopo massaggio prostatico, anche questo esame è risultato negativo, e quindi il mio urologo mi ha detto che non ci sono infezioni in quanto l'esame del secreto prostatico è più attendibile della spermiocoltura e mi ha presscrtto una cura di integratori per dolori pelvici come il normast per 7 girni e il pelvilen, ma il problema e il dolore resta.
Adesso vorrebbe sottopormi ad un esame endoscopico o ad una tac, inoltre mi ha chiesto di effettuare una uova spermiocoltura.
Secondo voi è la giusta strada da seguire? cosa potrebbe essere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
gentile utente, dalla sua sintomatologia e dagli esami colturali negativi, si può supporre che lei soffra di una forma di dolore pelvico cronico, il quale necessita di lunghe terapie per poter andar via, allo stato attuale il suo urologo sembra ben orientato e pertanto seguea le indicaizioni che le darà
[#2] dopo  
Utente 262XXX

Iscritto dal 2012
Grazie per la risposta celere, quindi è necessario effettuare esami di endoscopia e tac?
Da cosa può derivare questo dolore pelvico cronico?
e secondo lei il varicocele è da escludere come causa di questi dolori?
Grazie