Utente 282XXX
Salve,

vengo subito al dunque della mia richiesta. In pratica dopo esser stato operato con una frenuloplastica causa frenulo breve circa un mese fa mi sono reso conto che, nonostante l'operazione, a pene eretto facevo fatica ad abbassare il prepuzio, nel senso che non era del tutto scorrevole ma dovevo fare un leggerissimo sforzo.

Preciso che con pene a riposo l'operazione è del tutto scorrevole e naturale, come lo era anche prima dell'intervento chirurgico (con tutti i limiti imposti dalla brevità del frenulo ad una certa "altezza").

Dopo averne parlato con il medico scopro che si tratta di una lieve fimosi e che l'eventuale operazione di circoncisione è da prendere in considerazione in caso di fastidi o altro. Durante i rapporti sessuali, che ho iniziato ad avere dopo aver eseguito l'operazione (prima mi era impossibile causa forti dolori dovuto al frenulo) comunque non mi dà nessun fastidio enorme, anzi dopo diversi rapporti il fastidio che sentivo all'inizio non si sente proprio più.

Il problema sorge quando devo mettere il preservativo, problema che credo sia dovuto proprio a questa cosa. Infatti dopo aver abbassato il prepuzio e quindi a glande scoperto noto sempre un certo "ammasso" di pelle sotto il glande, che all'inizio mi dava un po' di difficoltà a inserire bene il preservativo. Fatta comunque pratica resta un altro problema: durante il rapporto noto che il preservativo intorno a quella zona "si piega", insomma si "stropiccia". Mi è parso anche che una volta sia "salito" di uno-due cm.

La domanda è: è una cosa normale o è dovuta a quella pelle che resta sotto il glande e che ovviamente si muove un po' durante il rapporto (e quindi "porta con sè" il condom)? Nel secondo caso, posso stare comunque "tranquillo"? Le difficoltà dovute al mettere il preservativo non sono così insormontabili una volta fatta pratica, ma questa cosa mi dà un po' di pensieri. Preciso che in accoppiata al preservativo utilizziamo anche la pratica del coito interrotto per una maggiore sicurezza.

Grazie per l'attenzione!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,è evidente come la frenulectomia abbia sortito dei miglioramenti che,con il tempo e con maggiori esperienze coitali,dovrebbero ottimizzare la funzione coitale.Quanto alle relative difficoltà nel'indossare il profilattico,va da se che solo una visone diretta possa essere contingente,per cui Le consiglierei di consultare un andrologo reale e non virtuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 282XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Dr. Izzo, grazie per la risposta. Prenderò in considerazione l'idea di una visita andrologica perchè, come detto, le difficoltà nell'indossare il preservativo non sono così insormontabili ma c'è il problema dello "stropicciamento" di quest'ultimo che mi dà un po' di pensieri. Stropicciarsì un po' è normale? Insomma, credo che anche nei soggetti non affetti da fimosi o altro la pelle prepuziale tenda a muoversi un po' e quindi a "portare con sè" parte del preservativo formando queste "pieghe", ma non essendo un esperto né avendo la presunzione di analizzare il problema come se lo fossi non saprei.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...aumentando le esperienze...andrà meglio.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 282XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per le Sue cortesi risposte.