Utente 229XXX
Gentile dott. sono una donna di 45 a. da circa una quindicina d' anni lo stress legato alle circostanze ha peggiorato il processo digestivo, prima era solo l' intestino pigro.
Nel 2005 con biorisonanza mi avevano consigliato di evitare lievito, grano, mais, glutine, formaggio, latte, zucchero e orzo.
Nel 2007 con prelievo per una valutazione immunitaria antigeni alimentari la reazione pos. era per albume, frumento, kiwi, latte capra, lieviti, latte vaccino, piselli, tuorlo, indivia.
Nel 2008 gastroenterologo ha dato cura intensa per evacuare e secondo lui intestino a posto spariscono tutte le intolleranze.
Nel 2010 nutrizionista con test ha evidenziato positività verso acido ascorbico e acetilsalicilico, lattosio, farina bianca e frumento integrale, mix farinacei, mais, orzo, avena e kamut, olio d' oliva, lieviti nat e chimici, agrumi.
Nel 2012 dottoressa omeopata suo test ha evidenziato positività verso orzo, frumento, pomodoro, agrumi, albume, lattosio e proteine del latte, lieviti.
Nell' autunno 2012 prelievo di sangue per food scan 76 dove è stato evidenziato positività solo per lievito al 44%.
A distanza di pochi giorni e questo proprio non me lo spiego ho eseguito prick test con cuti positività: nocciola ++, pomodoro+, frumento++, soia++, mela+, istamina+++, mais++, ceci++, riso++, mandorle++, farro++, noce+, tuorlo+, lievito++, latte privo di lattosio++, e qui la dottoressa ha parlato di allergie.
Successivamente ho ripetuto biorisonanza dove i latticini insieme a lieviti, fenoli, grano, tonno e pomodoro risultato essere per me dannosi.
Gastroscopia evidenzia modesta gastrite e duodenite. No celiachia no Helicobactery.
Sangue occulto feci assente, ricerca parassiti e uova nelle feci assenti. Coprocoltura assente. Miceti nelle feci assenti.
Da ecografia microcalcificazioni ai reni. Visto che problema nel respiro eseguito lastra torace. A volte tosse da acidità.
In ultimo mi sono rivolta a rinomato medico con lunga esperienza specifica in questo campo il quale ha dedotto che tutti questi guai appartengono a un solo allergene il latte e il secodario il lattosio. Nata così e difficile reintegrarli nell' alimentazione anche in futuro.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
dal Suo racconto si evince un certo disorientamento.
Colpa di chi L'ha sottoposta ad accertamenti impropri; forse un po' anche colpa Sua, che non ha saputo distinguere le figure scientificamente più autorevoli.
Se evitando latte e latticini - come consigliato dal collega «rinomato» e «con lunga esperienza specifica in questo campo» - non dovesse risolvere i Suoi problemi, sarà necessaria una rivalutazione combinata allergologica-gastroenterologica.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie dottore, è vero che vivo un certo disorientamento.
L' eliminazione del latte e lattosio, risolverà tutto?
Ora cura omeopatica di disintossicazione.
Vedo però che se assumo frumento pustoline in viso più sul naso e ai lati, leggermente gonfie e rosse che poi nell' arco di 15 gg indietreggiano.
Quello che più mi preoccupa è in non poter capire cosa accade all' interno del corpo soprattutto a livello del sistema immunitario.
Cordiali saluti
donna 45 a
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
«L' eliminazione del latte e lattosio, risolverà tutto?»: non ne ho idea! Per poterLe dare un parere bisognerebbe conoscere il Suo caso nel dettaglio. Lo stesso vale per «capire cosa accade all' interno del corpo soprattutto a livello del sistema immunitario».
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie, sicuramente prestare attenzione al non assumere latte e lattosio mi sta evitando di sentire il "mal di stomaco", e forse la cura omeopatica lavora a favore, certo è che non mi sono mai rivolta a un centro specializzato, se può indicarmene uno in zona, forse Genova. Per potermi poi informare nell' eventualità del bisogno a quale struttura rivolgermi.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Genova è sede di un'ottima scuola allergologica.
Saluti,
[#6] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie dottore, chiedo se saggio prima di prenotare visita c/o Osp. S. Martino di Genova, effettuare gli esami prist e rast mai effettuati prima.
Grazie
[#7] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Lasci che sia l'allergologo a prescrivere le eventuali opportune indagini di approfondimento.
Saluti,
[#8] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie, preso contatto con centro di allergologia di S. Martino a Genova. Chiedo potrebbe essere il nichel un problema soprattutto riguardo ai puntini rossi in viso che noto comparire in seguito all' assunzione di pere, avena, mais, cacao...? Con conseguente rigidità intestinale?
Grazie
[#9] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Per poter dare un'opinione bisognerebbe quantomeno vedere questi «puntini rossi», cioè bisognerebbe visitarLa.
Saluti,
[#10] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore, la visita allergologica sarà molto più in là nel tempo.
Evitando pere, kiwi, mais, cacao, la situazione in viso migliorata.
In un attimo di euforia e di condivisione a tavola, ho abusato e oggi è peggio di prima.
Il primo piatto era risotto con i funghi, il secondo insalata russa fatta in casa, (con patate, uova, maionese, carote e piselli), focaccia salata e mele.
Tutto senza latte.
Sarà INTOSSICAZIONE invece di intolleranza o allergia? Sarà il colon irritabile?

Grazie
[#11] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Aggiungo, come mai se metto in bocca una meringa (zucchero e albume) il fastidio allo stomaco è immediato? C' è relazione tra lattosio (Glucosio + galattosio) e lo zucchero semolato bianco servito da me per l 'impasto delle meringhe con l' albume?
grazie
[#12] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Stamattina visita allergologica.
Prick test: pomodoro+
Patch test: in corso per nichel
Breath test programmato
clisma opaco programmato.
Quali elementi si testano con prick test normalmente?
Il dottore visto che da gastroscopia no celiachia non ha testato il frumento, ma la celiachia non è per il glutine?
Perchè oli vegetali e sciroppo glucosio così fastidioso per apparato digerente?
Grazie
































[#13] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore, ho ritirato l' esito del breath test al lattosio, con i seguenti valori:
dosaggio 20 g.
9.28 ppm 5
9.44 ppm 8
9.58 ppm 8
10.16 ppm 24
10.30 ppm 34
10.56 ppm 75
11.15 ppm 52
11.32 ppm 41
11.52 ppm 53
Si rileva malassorbimento al lattosio.
La dottoressa che mi ha consegnato questo referto non ne ha fatto tragedia, dicendo che capitano valori anche più alti.
L' unico fastidio che ho avvertito verso la fine del test è stato un ribollimento in pancia, niente di più, e poi una volta casa ho scaricato liquido ma molto poco. Forse giusto quei 20 g ?
Da circa 3 mesi non assumevo ne latte ne latticini seguendo rigidamente ogni singolo alimento soprattutto i confezionati con burro latte in polvere ecc.
Come mai il test non è partito da 0 ma da 5? Colpa delle mie mucose infiammate di stomaco e intestino? Farò se tutto ok colonscopia Venerdì prox, si potrà intravvedere meglio problema? Assumere grana, yogurt no lattosio è consigliabile visto che ne di soia ne di riso riesco a digerirli se non con male allo stomaco e non solo fastidio? Essendoci anche il problema col nichel almeno grana e yogurt sono ammessi.
grazie,
[#14] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore, da tempo non ricevo Vs risposta, forse il problema non suscita l' interesse di altri utenti e quindi non val la pena continuare con l' argomento? Grazie.
[#15] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Cara signora,
non si tratta di una questione di "interesse", perché ogni problema merita attenzione.
Il fatto è che senza conoscere il caso nel dettaglio, quantomeno una diagnosi (che riassume le conclusioni di una figura teoricamente competente), pur non fatta in prima persona da chi Le risponde, risulta impossibile ogni tipo di commento.
Non può attendersi certe risposte da chi non ha avuto il privilegio di valutare il caso in maniera adeguata.
Se vuole aggiornarci, ne siamo lieti: ma in tal caso sarebbe opportuno che riferisse anche l'opinione dei colleghi che La seguono, non solo i risultati degli esami (che presi così da soli possono anche non significare nulla).
Cordialmente,
[#16] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Ok chiarissimo, chiedo invece se possibile interpretazione esito colonscopia che il medico ha lasciato all' infermiera senza commento.
Anamesi: stipsi
Referto:
Trasverso: esame sospeso al terzo prossimale per intolleranza della pz malgrado la sedazione. Dati regolari.
Discendente: Dari regolari
Sigma: lume allungato e tortuoso per dolicosigma con calibro e mucosa regolari.
Retto: Dati regolari.

Conclusioni: dolicosigma.
Terapia consigliata:
Movicolon 1 busta al dì in alternativa a clisteri di pulizia. Estilax due cp al dì.

Domande? In quale punto si trova il terzo prossimale? Cioè in che % hanno potuto esplorare?
Dolicosigma cosa significa?
Estilax a cosa serve? meglio ai pasti prima o dopo o distante?
Grazie
[#17] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Il commento del collega sta nelle conclusioni e nella terapia consigliata.

La sonda endoscopica è arrivata più o meno "a metà strada", poiché ha visitato il retto, il sigma, il terzo distale e medio del colon trasverso; non ha valutato il terzo prossimale del trasverso, l'ascendente e il cieco (talora si arriva anche all'ultima ansa dell'ileo).

Il sigma è l'ultima porzione del colon; il termine "dolicosigma" descrive un viscere «allungato e tortuoso».

Estilax è un farmaco fitoterapico che si utilizza nel trattamento della stitichezza. Generalmente si assume la sera prima di andare a letto. Per ulteriori informazioni a riguardo dovrebbe chiedere in area gastroenterologica.

Saluti,
[#18] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie, ok chiarissimo, non aver potuto sopportare l' esame in toto mi è dispiaciuto, soprattutto dopo aver seguito scrupolosamente le indicazioni per la preparazione.
Trovo strano che nei gg precedenti l' esame ho avuto l' occasione di parlare con 4 persone in situazioni differenti e tutte hanno convenuto di aver sopportato la colonscopia senza sedazione all' ospedale di SV e che il medico o l' infermiera partecipavano all' avanzare della sonda con l' aiuto della mano esternamente facilitando il tutto, portando a termine l' esame.
Nel mio caso con la sedazione non è stato possibile al punto che è stato il dolore insopportabile a svegliarmi. Secondo suo parere?
Grazie.
[#19] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Non saprei commentare, non mi occupo di endoscopia.
Saluti,
[#20] dopo  
Utente 229XXX

Iscritto dal 2011
Grazie.