Utente 289XXX
Buonasera
volevo fare una domanda riguardo all'ipertensione resistente.
Mediamente ho la pressione molto alta (110-170), non pratico sport ma cammino 3/4 volte a settimana 1 ora circa, mangio regolarmente verdura e frutta e pochi grassi, il sale lo uso solo per cuocere pasta o riso.
Mi hanno prescritto vari farmaci per abbassare la pressione ma questa non tende a diminuire.
Ho fatto tanti esami e i medici si sono spaventati perché la mia pressione era salita a 120/190. Stai calmo mi dicevano, stai calmo...e io mi spaventavo ancora di più. Forse può essere anche l'effetto del camice bianco e di tutto quello che ci sta intorno, chissà. Mi hanno detto quindi che potrei soffrire di ipertensione resistente.
Anche quando mi provo la pressione a casa non sono mai tranquillo e mi spavento al solo pensiero di provarla.
Insomma sono una persona molto ansiosa, con la paura di non riuscire a fare le cose e in tempo, soprattutto sul posto di lavoro. Questo mi provoca anche tanto stress.
Credo sia anche una cosa di "testa" che se riesco migliorare potrò vedere anche un calo della pressione.
Le uniche medicine che prendo sono l'aspirina e l'oki, senza abusarne ovviamente.
Insomma, la domanda è questa, può essere causa di un ipertensione resistente l'ansia e lo stress?
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
I suoi valori pressori necessitano una terapia farmacologica
In 30 anni di lavoro non ho mai trovato una ipertensione insensibile ai farmaci.
Sicuramente il suo cardiologo sapra'm trovarle la terapia idonea
Arrivederci
cecchini