Utente 754XXX
Buongiorno,

vorrei sapere che correlazione c'è tra ipertensione e MRC, cioè in che modo un'ipertensione arteriosa può portare a danneggiare cronicamente il rene.
Potete rispondere anche con un linguaggio abbastanza tecnico (anzi lo preferirei) dal momento che sono fisioterapista.

Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Egregio Utente,
i nostri vasi sanguigni non sono come dei tubi inerti di plastica pensi alla pompa per le piante),ma sono costituiti da strati paralleli tra cui uno di questi è costituto da cellule muscolari. Se la pressione è alta nell'organismo,i nostri vasi sanguigni reagiscono a tale stato incrementando la parete muscolare( in assenza di questo fenomeno di adattamento si romperebbero);di conseguenza il calibro ovvero il diametro di vaso entro il quale il sangue scorre si riduce...in questo senso si produce negli anni la miocardiosclerosi (vasi coronarici di calibro ridotto) arteriosclerosi cerebrale e la nefroangiosclerosi ovvero la malattia ipertensiva del rene. Se lei esegue un'ecografia ad un paziente con nefroangiosclerosi,troverò i reni armonicamente ridotti di dimensioni immagini una pianta a cui dà meno acqua...essa crecerà di meno rispetto ad una a cui la date regolarmente)
spero con questo esempio facile facile di avervi chiarito un poco le idee.Un caro saluto
[#2] dopo  
Utente 754XXX

Iscritto dal 2008
Quindi, se non ho capito male, la vasocostrizione cronica porta ad un'ipoperfusione dell'organo e ad un conseguente minor "nutrimento" cellulare e col tempo anche necrosi. Giusto?