Utente 301XXX
Buon giorno, sono stato di recente da un andrologo in quanto soffro di eiaculazione precoce sopraggiunta ed accentuata negli ultimi 18-24 mesi dopo aver avuto rapporti da quasi 20 anni con la stessa donna.
Lo specialista mi ha eseguito una visita della prostata, un ecocolordoppler penieno dinamico ed un esame delle innervazioni peniene; non sono stati riscontrati problemi alla prostata, lo space non ha rilevato alterazioni della innervazione, mentre l'eco ha restituito la seguente conclusione: esame vascolare arterioso emodinamicamente nei limiti della norma con componente iperadrenergica.
Lo specialista mi ha spiegato che il problema consiste in un malfunzionamento della sezione del cervello che controlla il riflesso eiaculatorio con ansia da prestazione correlata. Mi è stato prescritto il farmaco Entact 10mg da assumere una volta al giorno in associazione ad uno stimolante/afrodisiaco di origine naturale fino a nuova disposizione del medico.
Mi sono informato su internet sul farmaco Entact e ho letto essere un antidepressivo della famiglia SSRI, per cui ho davvero molto timore nel cominciare la terapia. Vorrei sapere dai Vs. specialisti se il trattamento di questo tipo di disturbo con tale farmaco prevede tempi molto lunghi e se lo stesso verrà mai interrotto e, soprattutto ho molta paura che provochi dipendenze di qualsiasi genere, soprattutto alla sua sospensione. Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a naso esiste una componbente ansiosa del problema, che con quel trattamento dovrebbe sistemare. In alterativa ci si può sempre rivolgere a psicologo, se la mia diagnosi telematica è giusta. Consiglio di fare terapia come indicato e poi valutare i risultati con specialista.
[#2] dopo  
Utente 301XXX

Iscritto dal 2013
Gent.mo Dott. Cavallini, La ringrazio molto per la celere risposta, la mia domanda era piuttosto frutto di una espressione di timore legata alla prescrizione di antidepressivi; Lei ritiene che il trattamento dell'EP con tali farmaci possa essere circoscritta ad un periodo limitato e possa risolvere definitivamente il disturbo anche dopo l'interruzione della terapia ? Grazie.