Utente 303XXX
Gentile dottore,
Le scrivo per esporLe il caso di mia madre: 59 anni, soggetto osteoporotico lievemente in sovrappeso, in cura per diabete di tipo 2 dal 2011.
Ultimamente da analisi abbiamo riscontrato un lieve alterazione dei valori relativi alla creatininemia (1,17 mg/dL) e dell'azotemia (53 mg/dl. Le ho fornito gli ultimissimi risultati di qualche giorno fa, che rispetto agli esami del mese scorso fanno notare un lieve peggioramento.) Prima non c'erano mai stati segnali di problema renale.
Questa è la cura normalmente seguita:
- al mattino una compressa di antipertensivo (Triatec);
- una compressa di Onglyza prima di pranzo;
- una compressa di Zuglimet dopo il pasto.

Inoltre mia madre assume quotidianamente una compressa di Orotre (calcio) e una bustina di Osseor (ranelato di stronzio) per arginare l'osteoporosi.
Onestamente in principio pensavamo al fattore alimentare (ho già chiesto a mia madre di non esagerare con le proteine animali e di mettersi in contatto col suo diabetologo), tuttavia l'interazione tra farmaci ci preoccupa. Dimenticavo che per diabete e disfunzioni renali insiste una certa familiarità (soprattutto per il primo.)

La ringrazio anticipatamente del consulto.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
16% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

in prima battuta è necessario monitorare l'introito proteico giornaliero...probabile causa delle lievi alterazioni riscontrate e ricontrollare i valori a distanza di qualche settimana.

Le consiglio anche di farLe assumere giornalmente almeno 2 lt. di acqua oligominerale.


Cordiali saluti.