Utente 310XXX
Salve.
Da circa 2 mesi, quasi tutti i giorni, la sera dopo cena, avverto uno scoppiettio con vibrazione nell'orecchio sinistro.
Questo problema mi può durare anche per tutta la notte, il caso più lungo 18 ore senza mai smettere.
Ho scoperto casualmente, che facendo un areosol con il CLENIL A, dopo circa 20/30 minuti il disturbo sparisce anche per 6/7 giorni.
Ho consultato 2 otorinolarigoiatri, di questi 1 mi ha risposto, dopo aver effettuato tutti i controlli durante la visita, anche con le fibre ottiche, che non aveva assoluta idea di cosa poteva essere, consigliandomi una cura a base di cortisone.
L'altro collega, anche Lui dopo una approfondita visita non è riuscito a capire la causa del problema, consigliandomi di effettuare una Ecocolordoppler delle carotidi, è una visita odontoiatrica per la masticazione.
Ho un ernia jatale.
4 anni fa circa, ho avuto un trauma ( una bastonata ) al collo lato Sinistro dietro l'orecchio sx.

La mia domanda, in attesa degli esami.
Perchè facendo l'aereosol con il CLENIL A, dopo circa 20/30 minuti cessa il fastidio ?

Cordiali saluti
Alfonso

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, poiché il disturbo permane nonostante i consulti specialistici ORL, forse sarebbe il caso di pensare che il problema si nasconda altrove.
Potrebbe trattarsi di una disfunzione tubarica, cioè di un cattivo funzionamento di quel tubicino (la tromba o tuba di Eustachio) che mette in comunicazione il retrobocca con l’orecchio medio, e serve ad aerarlo, a drenare il catarro che si forma e a compensare eventuali sbalzi di pressione fra le due superfici del timpano. All’interno della tuba può ristagnare del muco. Il funzionamento della tuba è stimolato dai movimenti del condilo mandibolare e dai muscoli coinvolti nella deglutizione: in presenza di muco si percepiscono a volte dei rumorini dovuti alla mobilizzazione del muco stesso: potrebbero essered questi gli "scoppiettii da lei descritti.
Molto spesso il cattivo funzionamento della tuba è legato a sua volta ad una disfunzione dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Come sopra accennato, il funzionamento della tuba è stimolato dai movimenti del condilo mandibolare e dai muscoli coinvolti nella deglutizione: infatti , quando sentiamo questo "tappamento", solitamente cerchiamo di muovere la mandibola o deglutire, il che, in un orecchio normale, favorisce lo "stappamento" , che é in realtà un ripristino della pervietà tubarica e un compenso delle diverse pressioni sulle due superfici del timpano.
Quando invece questo non accade, o accade con difficoltà, (disfunzione tubarica) a volte siamo di fronte ad un conflitto che si instaura fra la tuba e il condilo della mandibola, che può essere dovuto a sua volta alla malocclusione dentaria con malplosizione mandibolare: in pratica, se da un lato il movimento di apertura della bocca viene comunemente sfruttato per il ripristino, all'interno della cassa timpanica, dell'equilibrio pressorio alterato ad esempio per sbalzi di quota, dall'altro un cronico dislocamento posteriore di uno o entrambi i condili e lo squilibrio dei muscoli della masticazione e della deglutizione, possono dar luogo ad una ipofunzionalità tubarica e quindi alla spiacevole sensazione che lei lamenta.
Le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM): si tratta probabilmente della "visita odontoiatrica per la masticazione" che le è stata consigliata. Si sinceri però che il dantista conosca e tratti questi problemi .
Anche nella letteratura scientifica comincia ad affermarsi il concetto che quando un problema all'orecchio non trova spiegazioni in ambito specialistico Otorinolaringoiatrico, spesso é all'Articolazione Temporo Mandibolare che bisogna guardare.
Le consiglio anche di dare un'occhiata a questi articoli su questo stesso sito, nell'ipotesi che possa riconoscervi qualche elemento di somiglianza con il suo caso. Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/Otorinolaringoiatria/961/Otite-che-n
http://www.medicitalia.it/minforma/Gnatologia-clinica/1348/Acufeni-e-di
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Aggiornamento.
Sabago 6 Luglio, ho effettuato la ecocolordoppler dei tronchi sovraaortici, con risultato tutto in regola, il tecnico che ha effetguato l'esame, consiglia una risonananza magnegica con contrasto.
Il 15 luglio ore 01:30, mi sono svegliato con una crisi in corso, erano circa 10 giorni che non si faceva più sentire.
Ho fatto un Aereosolcon Clenil A è dopo 15/20 minuti il disturbo è sparito.
Per la visita gnatologica sono in attesa, anche se ho forti dubbi in merito.

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Forti dubbi perchè?
E' l'ipotesi più probabile che ci resta.

Ho giusto "stappato" delle orecchie fra martedì e venerdì con una adeguata terapia gnatologica...
E' quasi la quotidianità, per chi si occupa di gnatologia, affrontare problematiche all'orecchio di origine odontoiatrica.

Anche il secondo otorino daltronde l'ha inviata dal dentista, perchè evidentemente ha visto che da quel lato li non è tutto a posto.

Ma non un dentista qualsiasi, però.
[#4] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Grazie Dott. del suo parere !
Le spiego il mio dubbio dov'è !
Perché il disturbo si presenta sempre di sera ?
Perché mi passa facendo un aereosol con il CLENIL A ?

[#5] dopo  
Dr. Sergio Formentelli
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Queste sono domande a cui non so, onestamente, darle risposta.
[#6] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, nel sonno è più facile che la mandibola perda la sua postura e cada all'indietro per il suo stesso peso.

L'occlusione tubarica può essere dovuta sia ad una pressione esterna, secondo il razionale che le ho esposto, sia per iperproduzione di muco. E' evidente che le due cause possono sommarsi (è quasi sempre così), e per questo il paziente può trovar giovamento nell'affrontare solo la seconda con il clenil, che però non risolverà il problema se non momentaneamente: tenderà anzi a riproporsi e forse ad aggravarsi.
Cordiali saluti ed auguri

[#7] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Gentili Signori Medici.
Vi ringrazio onestamente dei vostri pareri, è scusatemi nel ritardo.

Sembra che il problema dell'orecchio scoppiettante, che si è risolto da solo, potrebbe essere stato causato da un dente molare, o del giudizio, nell'arcata superiore sinistra che non riesce a nascere.
Gli altri anni mi provocava dei dolori, un paio di giorni è poi scomparivano.
Probabilmente a parere del mio dentista, è non del gnatologo, il dente abbia provocato un infiammazione nella zona della mandibola fino ad arrivare alle zone del timpano.
Per il momento, il disturbo non è più ricomparso.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Le vie della guarigione sono infinite, e a volte casuali.
Coirdiali saluti ed auguri