Utente 210XXX
Carissimo dottore,
sono un ragazzo di 34 anni che ha da qualche anno un problema di disfunzione erettile. Quando ho l erezione dopo un po la perdo. La cosa che piu mi preoccupa è che succede anche quando mi masturbo.
Io sono affetto anche da Eiaculazione precoce, nn so se possa essere una causa relativa alla DE.

2 anni fa (2011) andai da un andrologo che gli dissi che siccome credevo che masturbarsi 1 volta al giorno, prima di dormire, anke senza molta voglia, potesse aiutare a diventare piu virile. così iniziai a masturbarmi ogni sera, specialmente dopo la palestra. Ma iniziai a vedere che il mio pene perdeva l'erezione appena lo lasciavo per 3/4 secondi. da questo periodo ho iniziato ad avere un piccolo dolore nella zona pelvica, la parte centrale tra i testicoli e l ano, specialmente quando stavo seduto per molto tempo sul wc per evacuare. Delle volte, specialmente appena sveglio, quando dovevo fare pipì, provavo bruciore alla minzione e difficoltà ad urinare e ricordo che usciva dal pene del liquido trasparente.
Avevo spesso lo stimolo di urinare ma cn un getto debole e spesso cn poca urina.
Raccontai tutto questo e gli posi la domanda se poteva essere la prostatite e se questa mi ha portato ad avere il difficile mantenimento dell erezione. Lui mi rispose che prima di tutto alla mia età era impossibile che io potessi avere problemi di prostata e che poi la prostatite nn porta la D.E..
Cmq mi introdusse un dito via anale per poi confermare che avevo la prostata sana.
Mi fece fare analisi del sangue ormonali, urina, ecodopler, rigiscan etc...
L esame rigidometrico risultó che la prima notte ebbi tre erezioni cn una rigidità dell 80% e cn una durata media di 20min; la seconda notte sono stati registrati 2 episodi erettivi cn rigidità media dell 80% cn durata 15 min.
A suo dire mi comunicó che era tutto a posto: l ecodoppler penieno dinamico risultó che il setto intercavernoso è modicamente inspessito lungo tutto il suo decorso; assenze di placche fibro calcifiche; discreto inspessimento della tunica albuginea. Dopo iniezione intracavernosa di 5 mcg di PGEI si registra un flusso a livello delle arterie cavernose cn un picco sistolico pari a 43cm/s a destra e 38cm/s a sinistra. il tratto diastolico flussimetrico presenta un picco velocimetrico < a 5cm/s.
A 20 min dalla stimolazione farmacologica la rigidità ottenuta risulta pari a 60P.
Ecodoppler scrotale: discreta ectasia degli epididimi bilaterlmente. Notevole dilatazione delle vene del plesso pampiniforme di sinistra la piu ectasica delle quali misura 3,2mm di diametro. Validi i polsi arteriosi bilateralmente. Presenza di marcato reflusso renospermatico sx che si evidenzia a riposo ed aumenta sotto manovra di ponzamento. Presenza di marcato reflusso cavospermatico. Conclusione varicocele sx III recidivo. Varicocele dx di II.
Nelle analisi del sangue si riscontró la prolattina 45,0 su 5,0-25. Testosterone 6,3 su 3,5-7,5.
E mi trovó nello spermiocoltura nell'esame batterioscopico rare cellule epiteliali, alcuni polimorfonucleati e numerosa flora coccacea gram/positiva. Esame colturale ha dato sviluppo di stafilococco aureo.
Ricerca Trichomonas: negativa; Ricerca Miceti: negativa.
ANTIBIOGRAMMA (m.i.c.):
Acido fusidico >=32 R
Benzil-penicillina 0,12R
Cefoxitina Screen Neg +
Clindamicina >=8R
Erithomicina >=8R
Fosfomicina 64R
Gentamicina <=0,5 S
Resistenza Inducibile alla Clindamicina Neg -
Levofloxacina 0,25S
Linezolid 2S
Moxifloxacina <=0,25S
Mupirocina >=8
Nitrofurantoina 32S
Oxacillina >=4R
Rifampicina >=32R
Teicoplanina >=32R
Tetraciclina 2S
Tigeciclina 0,25S
Tobramicina <=1S
Trimethoprim/Sulfamethoxazole <=10S
Vancomicina >=32R
Antibiogramma espresso in MIC valori numerici espressi in mcg/ml.
Chiamai l assistente dell andrologo e mi disse di leggergli l antibiogramma, ma la linea telefonica era scarsa, ci sentivamo a malappena e in realtà nn sapevo leggerla, c erano tutti questi segni... Alla fine, tramite telefono, mi prescrisse 7 giorni 1 cps di Levoxacina 500mg.
(Ma nn aveva detto che nn avevo la prostatite? Mmh). Ma io mi chiedo, era giusto che io assumessi Levoxacina? Vi prego aiutatemi!
Cmq i sintomi si ridussero molto, cioè nn ho visto più il liquido trasparente sul glande, solo raramente avevo bruciore durante la minzione e raramente dolori tra l ano e i testicoli. Ma la mia DE era presente.


Alla fine andrologo mi prescrisse 20 mg di Cialis per 3 mesi, 3 volte a settimana. A suo dire avevo solo l ansia da prestazione che avrei risolto dopo questa cura.

La cura nn la iniziai perche all epoca nn ero fidanzato e così decisi di iniziarla appena mi sarei fidanzato, ma per il momento mi aiutavo cn viagra, levitra e cialis ad ogni rapporto occasionale.

A marzo conosco una ragazza e mi ci fidanzo e così inizio la cura prescrittemi dall andrologo, ma riesco a farla solo per un mese perchè ebbi cmq delle defaiance erettive che mi scoraggiavano tantissimo.

Così sono andato dall endocrinologo che mi ha abbassato la prolattina nei valori normali, ma il problema nn è stato risolto.
A metà giugno 2013 sono andato da un altro urologo solo per farmi fare la frenuloplastica xke gli dissi che volevo vedere se risolvevo la mia eiaculazione precoce.
Questi mi dice che potrebbe essere anke un'infiammazione alla prostata. Io gli dico che l altro androlo mi ha detto che avevo una buona prostata. Ma il dottore vuole cmq farmi un controllo verificando via rettale.
E così mi diagnostica "notevole congestione". E gli dico anke del mio problema di erezione.
Così mi prescrive Topster supposte 1 mattina e sera per 5 giorni e Forprost 1 cps mattina e sera x 30 giorni.
E mi assicura che il mio problema di mantenimento erezione è dovuto proprio alla prostata congestionata.
Dopo 20 giorni vedo ke il getto dell urina è un po migliorato e in questi 20 giorni ho avuto 2 erezioni mattutine.

Per mia iniziativa ad inizio luglio (2013) ho fatto le analisi di urina e del sangue (ho finito di cenare alle ore 00 e il prelievo insieme all urina è stato fatto alle ore 7 del mattino) e l ecotomografia vescicale e transerettale:
Urine, metodo Analizzatore automatico:
Esame chimico-clinico
Aspetto limpido ( bevo circa 3/4 litri di acqua al dì)
Colore giallo
Ph 6,0
Peso specifico 1016
Glucosio assente
Proteine <15 mg/dl <15 mg/dl
Creatinina 100 mg/dl. 40-220mg/dl
Rapporto proteine/creatinina <150mg/g. <150mg/g
Chetoni assenti
Bilirubina assente
Urobilinogeno 0.2 mg/dl. <1,0 mg/dl
Emoglobina assente
Nitriti assenti

Esame citofluorimetrico
Eritrociti 1n/ul. 0-15n/ul
Leucociti. 2n/ul. 0-20n/ul
Cellule epiteliali 0n/ul. 0-10n/ul
Cilindri assenti
Batteri assenti

Osservazioni microscopiche: nessuna osservazione

Urinocoltura, metodo colturale: assenza sviluppo di flora batterica.

Urea 42mg/dl. 10-50
Glucosio 72mg/dl. 60-110

Analusi del sangue,
Creatinina, metodo enzimatico: 1,00mg/dl. 0,80-1,30

e-GFR. 86ml/min/1.73 m2

Fsh 1,9. 1.5-14,0
Lh 2,7. 1.4-7,7
Estradiolo 17 beta 43. 10-56
Prolattina 2,9. (Sto assumendo Parlodel da tre mesi) 5,0-25,0
Testosterone 5,1 3,5-7,5

Diidrotestosterone 374. 250-990

Inibina B. 238,5. 25,0- 325,0


Emocromo:

Eritrociti 5.330 000/mmc
Leucociti 8.090 /mmc
Emoglobina 16,2 g%
Ematocrito 50,9%
Volume corpuscolare medio (MVC) 95,5 fl. 80,0-95,0

Contenuto medio hb (mch) 30,4 pg. 27,0-32,0
Concentrazione media hb (mchc). 31,8 g%. 31,0-36,0
Dispersione concettazione hb (hdw) 2,7 g%. 2,8-3,3
Distrib. Volume eritrocitario (rdw). 13,0 %. 11,0-15,7

Formula leucocitaria %. /mmc
Neutrofili 59,9. 4847
Eosinofili. 1,6. 129
Basofili. 0,5. 40
Monociti 7,7. 623
Linfociti. 30,3. 2451

Piastrine 227.000 /mmc. 150,000-400,000
Volume piastrinico medio (mpv) 9,3 fl. 7,5-11,5
Pct 0,26 %. 0,15-0,37
Distrib. Volume piastrinico (pdw). 49,3. 10(gsd). 39,7-66,9


ECOTOMOGRAFIA VESCICALE E TRANSRETTALE:
Vescica mediana, normodistesa, con pareti ispessite, a profilo mucoso liscio, indenne da lesioni infiltrattive o vegetanti.
Non evidenti alterazioni strutturali a carico della giunzione uretero-vescicale. Prostata di forma regolare, di volume entro i limiti della norma:
DT = 47 mm
DAP = 23 mm
D.LONG. = 35 mm
VOL = 21 cc
PESO = 23 gr
Contorni lisci con ecostruttura finemente disomogenea, con qualche microcalcificazione periuretrale, verosimilmente esito di flogosi pregressa.
Vescichette seminali simmetriche, di volume regolare, a contorni lisci ed ecostruttura omogenea.
Pressochè assenza di residuo urinario al controllo pos minzionale.

Andando di nuovo a controllo dopo circa 20 giorni dall urologo gli dico ke di mia iniziativa ho fatto queste analisi specifiche per la prostata.
Il dottore sentendo questa cosa è come se si fosse infastidito e quasi nn le ha guardate, ribadendo che nn c era bisogno xke lui già sapeva gli esiti. Con ció mi propone di fare l Uroflussometria al momento e risulta da questo tipo di analisi:
Flusso medio: 11,0 ml/s
Flusso al picco: 22,3 ml/s
Tempo al picco di flusso: 12,3 s
Volume vuotato 339,5 ml
Tempo di flusso: 26,6 s
Tempo di svuotamento 29,5 s
Intervalli: 2.

Dopodiché mi dice che se voglio posso fare, sempre in quel momento, la frenulotomia.
Io gli dico di sì, così vedremo se l eiaculazione precoce è dovuto a questo.
Dopo aver subito la frenulotomia, nella stessa giornata, questo mi prescriveva di fare una visita di controllo dopo 10 giorni e mi stava concedando.
Al che gli chiedo la terapia da fare per la mia prostatite e per il mantenimento dell erezione.
Il dottore, all apparenza quasi disturbato, mi dice che mi avrebbe prescritto il dovuto quando sarei andato per la visita di controllo, cioé tra 10 giorni.
Succede che il giorno successivo chiamo la sua segretaria per l appuntamento e questa mi comunica che il dottore farà visita dal 16 agosto, cioè dopo circa un mese e mezzo dall intervento che ho avuto al frenulo. Rimango esterrefatto, facendomi pensare come se nn avesse piu piacere di seguirmi.
Gli invio un messaggio e gli chiedo dei consigli, ma nn risponde.

Così dallo sconforto ho fatto delle ricerche su interne e da 10 giorni sto assumendo Bactrim forte 1cps ogni 12 ore e 1 bustina di oki ogni 12 ore.
Devo dire che ora riesco a mantenere piu del solito la mia erezione e in questi 10 giorni ho avuto tre erezioni mattutine. Tengo a ricordare che io nemmeno nella masturbazione riesco a mantenere l'erezione e riesco ad eiaculare, se mi masturbo, anke cn il pene flaccido. Devo dire che in questi 10 giorni nn ho provato a masturbarmi sia perche ho paura che possa di nuovo succedere di perdere l erezione, sia xke ho ancora 2 punti di sutura sul pene per la frenulotomia.

Ora chiedo, per Amore di Nostro Signore, quale sarebbe la terapia giusta per riprendere del tutto la mia vita sessuale cioè il mantenimento dell erezione? Quale antibiotico farebbe al caso mio o antinfiammatorio e per quanti giorni.
E cosa in realtà ho?
Vi supplico davvero aiutatemi, non so piu cosa fare e a chi rivolgermi.

Ora di nuovo sto assumendo Levoxacina 500, 2 volte al giorno, topster mattina e sera e flaminase mattina e sera. Autoprescrizione trovata su internet.
Prego tanto!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la esaustiva descrizione della sintomatologia e degli esami e terapie praticate,evidenzia come non sarà il web a trovare la quadra per la problematica di un ragazzo di 34 anni...Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Carissimo dottore Izzo,
Io mi sono affidato già a due andrologi, che il primo per una sua convinzione del tutta prematura credo che nn abbia valutato bene il mio problema. corregga se mi sbaglio, l antibiotico prescrittomi non era quello che realmente mi serviva, giusto? solo con il bactrim forte ho evidenziato nei 3/4 giorni dall assunzione dei miglioramenti. credo che se mi avesse diagnosticato in tempo l antibiotico giusto ora dopo due anni non mi trovavo in queste condizioni.
il secondo urologo nn ho capito xke dopo le analisi che ho fatto sulla prostata si sia irritato.

Caro dottore le analisi che ho postato sono del tutto normali o si riscontrano qualke anomalie?
Scusatemi se mi permetto di chiederle tutto ció.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...faccia riferimento ad uno specialista reale e non virtuale.Cordialità.
[#4] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Scusate se insisto.
Ma io, come ho già scritto, sono andati da due specialisti ed il secondo, che ho visita il 16 agosto, nn vuole leggere le carte delle analisi, xke afferma che lui già sa. È mai possibile che senza leggere l antibiogramma ed il resto possa trovare la soluzione? Il medico già mi disse nell ultima visita che faró una terapia sempre di tre mesi di cialis ma cn 5 mg al giorno.

Io per questo ho scritto qui perke mi sembra tutto così strano.

Mi dia un suggerimento la prego.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...è ancora più strano che noi si dia un suggerimento da questa postazione telematica,senza avere avuto il privilegio di visitarLa.Ci aggiorni dopo il controllo programmato del 16 agosto,altrimenti,ne non ha fiducia,consulti un terzo specialista.Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Spero vivamente di uscirne o almeno capire la causa.
Cmq grazie tanto.
[#7] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi se la disturbo ancora, ma volevo sapere se una prostatite possa procurare una disfunzione erettile, nel mio caso difficile mantenimento dell'erezione e poca libido.
Grazie ancora.
[#8] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Caro dott.
l urologo che questo prima mi prescrive 10 giorni di bactrim 1 la mattina 1 la sera, dopo 5 giorni riesco a mantenere l erezione per avere un discreto rapporto. Poi interrompo e di nuovo come prima, difficoltà ad avere e mantenere l erezione. Dopo 10 giorni prendo levoxacin 500 x 15 giorni , 1 mattina ed una sera,e di nuovo riesco ad avere rapporti sessuali.
Ma appena smetto ritorna tutto come prima.
Cosi di nuovo 20 giorni bactrim forte, 1 mattina 1 sera,poi dopo una settimana riprendo levoxacin 500 1 al mattino una la sera, voltaren supposte 1 mattina 1 sera, pluvio una la mattina, per 15 giorni. Ora ho smesso e di nuovo ho difficoltà dell erezione.
Mi potreste dire come mai succede questo? Forse questi antibiotici, come la
Amoxicillina-acido clavulanico puo causare come effetto collaterale l erezione?

A settembre ho fatto una risonanza magnetica zona lombare e si riscontra ernia discale l5-s1.
[#9] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...segua i consigli dell'urologo di riferimento,che ha il privilegio di poterla visitare.Cordialità.
[#10] dopo  
Utente 210XXX

Iscritto dal 2011
Dottore volevo solo chiederle un parere scientifico sul fatto degli antibiotici ke durante la loro assunzione ci sono migliorie per quanto riguarda l erezione.
Ho fatto delle ricerche sul web ed ho riscontrato che ci sono altri uomini che assumendo Bactrim, Levoxacin e Bassado hanno potuto avere un rapporto sessuale sufficiente.
Grazie.