Utente 269XXX
Buongiorno,

mi chiamo Paola, ho 42 anni e da almeno 10 ho quanche disturbo che non riesco a risolvere. I miei disturbi vanno dalla cefalea alla pancia gonfia, nausea, colite, attaccatura del capelli con presenza di brufoletti pruriginosi o che danno bruciore dopo aver lavato la testa. A volte sono posizionati dietro alle orecchie e sul collo sotto le orecchie. Non posso portare bigiotteria che non sia di argento oro o acciaio, perchè mi compare prurito e la pelle si screpola e si formano delle croste. Non avevo mai pensato che il nichel potesse dare disturbi anche all'intestino, fino a quando ho parlato con una collega che è risultata allergica con 5+ al nichel. Così ho ripensato ai miei sintomi e vista la mia indisponibilità economica per una visita allergologica la momento, ho letto su internet che per capire se si è allergici al nichel, basta tenere una moneta da 1 € tra il braccio e l'avanbraccio, fermata da dei cerotti anallercici. Ho letto che le monete da 1 e 2 euro hanno 240 volte la quantità consentita di questo famoso nichel. Ho tenuto la moneta per 4 giorni fino ad oggi che non posso proprio più tenerla. La pelle è gonfia e arrossata. Ha la forma esatta della moneta, è in rilevo ed è tutta piena di puntini anche loro in rilevo.
Questa è intolleranza al nichel? se si, può influire sulla mia digestione, darmi stanchezza e spossatezza e una sensazione di rinite? Potrebbe essere davvero la spiegazione ai miei disturbi? La ringrazio infinitamente per il suo parere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
L'allergia al nichel è una dermatite da contatto con bigiotteria e tutte le sostanze che contengono nichel. Si hanno alterazioni cutanee con eritema e desquamazione oltre al prurito.
I sintomi intestinali sono da ascrivere ad alterazioni della motilità intestinale come la sindrome dell'intestino irritabile e non sono causate da un ipotetio contenuto di nichel negli alimenti. Questo contenuto non è mai stato documentato.
Cordiali saluti