Utente 166XXX
Buonasera,
a mia moglie (36 anni) è stata trovata una melanosi del grande labbro sinistro.
La macchia è presente da qualche mese, e di recente non ha variato forma e dimensione.
Due anni fa mia moglie è stata sottoposta a conizzazione della cervice uterina per una CIN3, con successivi PAP test sempre negativi, le cose possono essere collegate?
Il dermatologo consiglia di asportarla e di fare l'esame istologico, solo che l'attesa è di almeno un mese, e ovviamente l'ansia è tanta.
Per voi è un'attesa eccessiva o non c'è pericolo di eventuali infiltrazioni qualora non fosse una melanosi ma un melanoma? Vale la pena cercare altre strutture con tempi più rapidi?
Grazie mille e buona serata.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Non c'è alcuna correlazione fra melanosi e HPV

Suo tempi, ovviamente non è possibile ipotizzare nulla da qui; ovviamente se è possibile riparlate con il vostro dermatologo, ma credo che vi abbia già detto qualcosa in merito.

Personalmente quando decido di togliere una lesione melanocitaria, vorrei che questa fosse effettuata il giorno stesso, ma nelle strutture pubbliche - a causa dell'imponente afflusso di pazienti - questo e' quasi impossibile da praticarsi.

Cari saluti
[#2] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Dottore la ringrazio per la celere risposta.
Chiedo dunque ad altri dermatologi e chirurghi plastici se conoscono strutture private che hanno la possibilità di intervenire su mia moglie nella prossima settimana, nella zona di Verona o comunque a una distanza ragionevole.
Saluti.
[#3] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno,
ho parlato direttamente con il medico, che mi ha rassicurato sul fatto che la macchia, analizzata al dermatoscopio, è sicuramente una melanosi e che quindi l'asportazione viene fatta a solo scopo precauzionale e che non vi è alcuna urgenza.
Aspetteremo quindi la prima metà di gennaio per l'intervento.
Grazie per la consueta disponibilità.
[#4] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Buongiorno a tutti, ecco il referto dell'esame istologico.

DIAGNOSI
Macula melanotica.
Escissione completa. (A).

Proliferazione melanocitaria giunzionale, a pattern lentigginoso, continuo, con melanociti alonati, a nucleo ipercromico e talora nucleolato e con rari aspetti di risalita pagetoide intraepiteliale.
Riscontro di più che occassionali elementi in mitosi.
Coesiste, nel connettivo sottoepiteliale, un discreto infiltrato infiammatorio con sparsi melanofagi.
Quadro morfologico compatibile con melanoma in situ.
Margini di resezione:esenti da lesione.
pTis. (B).

Analisi immunoistochimica:
HMB-45 - Ag Mela. apaap ++ melanociti giunzionali
Microphatalmia apaap ++ melanociti giunzionali

Se capisco bene, delle due lesioni una era benigna, e l'altra maligna ma asportata in toto.
Che interventi sono previsti in questi casi?
Grazie mille
[#5] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Aggiungo anche la descrizione dei campioni

MACRO-MICRO

Pervengono 2 campioni:
Campione A: frammento di cute di mm 9x4 comprendente lesione piana, pigmentata, di mm 3x3, distante mm 3 dal margine di resezione più vicino.
Campione incluso in toto.
Numero inclusioni: 2.
Su entrambe le inclusioni si eseguono seconde sezioni a più livelli di profondità.
Campione B: frammento di cute di mm 13X8 comprendente lesione piana, pigmentata, di mm 8X6, distante mm 2 dal margine di resezione più vicino.
Campione incluso in toto.
Numero inclusioni: 2.
Su entrambe le inclusioni si eseguono seconde sezioni a più livelli di profondità.
Sull'inclusione B1 si eseguono inoltre reazioni immunoistochimiche per il cui referto si rimanda alla scheda allegata.
[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

come le avrà chiarito il suo dermatologo, siamo innanzi ad un melanoma in situ

La spiacevole notizia del melanoma è vicariata da quella BUONISSIMA dello spessore dello stesso (in situ):

Togliere questo tipo di lesioni significa ad oggi salvare la vita ai pazienti.

Chiarisca con il suo dermatologo l'iter da proseguire, si fidi ed affidi quindi ai suoi dettami

A disposizione per ulteriori ragguagli che specifichiamo SEMPRE mai vincolanti dalla sede telematica.

cari saluti
[#7] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Dottore la ringrazio.
Purtroppo ho letto su più di una fonte che i melanomi sulle mucose sono a prognosi infausta, anche se ben circoscritti ed alla fase iniziale.
So bene che non ci si può basare su quanto letto sui siti internet, ma purtroppo tali notizie non possono che destare angoscia e preoccupazione.
Grazie ancora.
[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Lei deve fare una scelta: fidarsi di quello che legge "in giro" per internet o affidarsi a ciò che le indichiamo noi (e soprattutto i suoi medici) da specialisti dermatologi.
So bene che sceglierà il secondo aspetto e di contro si affiderà alle cure e al protocollo diagnostico previsto per questo caso.
Ribadisco ciò che le ho comunicato precedentemente, nella speranza di ridurre e di molto la vostra angoscia.

Cari saluti
[#9] dopo  
Utente 166XXX

Iscritto dal 2010
Io certamente mi affido ai medici, ma purtroppo anche tra di voi sento pareri discordanti, e vorrei essere sicuro di affidarmi al professioniscta più scrupoloso possibile.
Ad esempio: lei farebbe comunque il controllo del linfonodo sentinella, che mi hanno detto non essere necessario in questo caso?
Mi hanno inoltre detto che dopo il day hospital di controllo (con esami ematochimici, ecc.), se tutto fosse negativo, non servirebbe una visita oncologica. Io invece per scrupolo preferirei farla vedere magari all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano o all'IEO, lei cosa dice?
Grazie mille
[#10] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Mi permetta di dirle che ciò che dice rispetto alle scelte da fare in caso di melanoma non corrisponde a verità; le spiego: non ci sono discordanze, ma linee guida internazionali e SOPRATTUTTO nazionali

http://www.lamiapelle.salute.gov.it/imgs/C_17_downloadMiaPelle_3_allegati_itemAllegati_0_allegato.pdf

Lo specialista di riferimento è il dermatologo e la sede dermatologia oncologica reperibile in tutte le più grandi città d'Italia, da Milano a Torino a Udine a Bologna a Roma a Napoli a Bari a Lecce a Messina a Catania e Palermo senza dimenticare Cagliari

Spero di essere stato chiaro. Carissimi saluti e in bocca a lupo.