Utente 336XXX
Salve a tutti! Sono una ragazza di 22 anni e da un mesetto a questa parte non capisco cosa stia succedendo al mio corpo e alla mia mente. A Capodanno ho fumato un pò di cannabis con gli amici (non era la prima volta) che mi ha fatta stare abbastanza male. Di solito mi dava un effetto euforizzante ma quella notte mi ha fatto salire l'ansia e la paura di morire, questo perchè il cuore mi batteva all'impazzata, non l'ho notato solo io. C'è da dire che prima di fumare avevo pianto ed ero in uno stato psicologico un pò triste. Il giorno dopo mi sveglio ripresa ma la sera all'improvviso, mentre ero in una piazza affollata, mi viene un senso di irrealtà, di confusione, di stordimento, ricordo di aver detto "mi sembra che tutto questo non sia reale come se io in realtà stessi dormendo e questo è solo un sogno". Da quel giorno per le successive 3 settimane ho vissuto forse il periodo più brutto della mia vita...ansia, attacchi di panico, paura di avere chissà quale disturbo mentale, paranoia, senso di non lucidità (come quando si è sotto l'effetto dell'alcool), senso di irrealtà, il tutto alimentato dalla mia ipocondria nel cercare questi sintomi su internet (lo so è sbagliato ma ero nel buio totale). Il tutto era accompagnato a livello organico da una febbrina persistente che oscillava tra il 36.9 e il 37.3, l'ho avuta tutto il giorno e tutti i giorni in queste 3 settimane. Confidando il tutto a mio padre lui, pensando che sia qualche problema tiroideo (ne ho sofferto in passato), mi fa fare gli esami del sangue e dei valori tiroidei, tutto nella norma i valori tutti giusti tranne l'emocromo (ma questo l'ho dalla nascita, sono microcitemica). Mi cade il mondo addosso, quel pensiero che fosse la tiroide mi teneva un pò più tranquilla, invece di reagire con felicità ho reagito male, volevo a tutti i costi che fosse un problema reale e non psicologico (ho il terrore di avere disturbi psicologici però li conosco bene perchè mi affascinano, avrei voluto fare lo psichiatra). Questo succede in queste 3 settimane infernali. Mio padre mi dice che a quel punto il mio malessere sia causato dalla cannabis e che dopo 20 giorni sarei stata meglio perchè avrei espulso tutte le tossine, questa cosa mi ha fatto soffrire tanto perchè lo avevo deluso, sono una ragazza diligente diciamo che è stato un fulmine a ciel sereno, e questo senso di colpa mi aumentava l'ansia e le paranoie. Al termine di questa famose 3 settimane insieme agli amici decido di provare a fare un altro tiro di cannabis per dimostrare a me stessa che non era quella a farmi stare così perchè io stavo bene non avevo problemi psicologici. Faccio un tiro e avverto di sentirmi meglio. Sarà di sicuro un fattore psicologico ma io la settimana dopo sono stata bene mi era passato tutto, non avevo più l'ansia ero felice. Al termine di questa bella settimana mi viene una bella influenza con muchi,mal di testa, febbre a 39, e tutti i sintomi generali...Inizio a prendere il Ciproxin per aiutare il mio corpo a combatterla ma dopo due giorni in cui l'ho assunto mattino e sera mi riviene l'ansia, il senso di confusione mentale, di non completa lucidità...Mi informo su internet e apprendo che in alcuni casi la ciprofloxacina provoca proprio questi sintomi. Decido di assumerlo per un altro giorno e poi stacco. Ieri e oggi non l'ho presa e mi sento già meglio. Ho dimenticato di scrivere che quando ho fatto le analisi del sangue anche i globuli bianchi erano un pò elevati. Mi sento ancora influenzata ho ancora il catarro i muchi i brividi e la febbricola a 37. Potrebbe trattarsi di monucleosi? Di labirintite (qualche giorno fa mi è uscito sangue dall'orecchio destro (non poco)? Di problemi psicologici? Spesso avverto fischi e senso di otturazione a quell'orecchio. é stata la cannabis a farmi tutti questi danni? Non riesco a capire, davvero vorrei solo stare bene! Grazie in anticipo per le eventuali risposte...

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi
40% attività
20% attualità
16% socialità
POMEZIA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile amica, ovviamente (non potendola visitare) non può attendersi da noi risposte che abbiano un senso specifico in riferimento al suo caso!
Le consiglierei di affidarsi al suo curante che potrà visitarla e decidere se e quali esami programmare o se affidarla ad uno specialista!
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!