Utente 338XXX
Salve,
circa una settimana fa, ho avuto un rapporto mercenario. Inserito il preservativo e dopo la fellatio, ho cercato la penetrazione, ma, non essendo in erezione, non sono riuscito a penetrare. Il preservativo si è spostato un pò, comunque erano protetti sia il glande (coperto anche dalla sua pelle) che una parte del pene. Nel caso comunque di contatto, che malattie posso rischiare? con quale probabilità?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
In presenza di un rapporto protetto le possbilità di un contagio sono remote. Il virus del hpv comunque può trasmettersi anche con il profilattico se la cute della radice del pene o del pube viene a contatto con delle lesioni. Distinti saluti.
[#2] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Grazie tante dottore,
Perdonatemi se insisto: quali sono le malattie e con quali probabilità?
[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
La certezza in medicina non esiste , ma le probabilità di contrarre una malattia venerea se il proffilattico è usato correttamente sono nulle.
[#4] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dottore,
da un paio di giorni ho gonfiore ai testicoli, difficoltà nell'urinare che piano piano sta tornado alla normalità ed a volte dolore al di sopra dei testicoli. Non ho nessuna secrezione, ne eritema, ne dolore nella minzione. Ho fatto una visita da un dermatologo e venerologo che ha escluso uretriti, credendo sia più un fatto di prostata. Stamattina ho fatto l'urinocoltura. Considerando che il rapporto a rischio è stato 12 giorni fa, questi sintomi possono essere dovuti ad una eventuale clamidia?
[#5] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
In caso di clamidia, mi consiglia di fare altre visite o esami?
[#6] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
In presenza di disturbi , a prescindere da tutte le considerazioni , credo sia opprtuna una valutazione specialistica urologica . Ribadisco chi in presenza di un rapporto orale o vaginale con profilattico integro le possibiltà di contagio sono praticamente nulle.
[#7] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dottore, la ringrazio per la sua cordiale disponibilità.
Vorrei chiedere: visti i tempi, è possibile associare i sintomi sopracitati alla clamidia?
[#8] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Salve Dottore,
Dopo la visita del Dermatologo, il giorno 4 marzo 2014 ho effettuato l'urinocoltura e come consigliato dal dottore iniziato la levofloxacina. Il giorno 7 marzo, quindi a 15 dal rapporto a rischio ho avuto qualche strana perdita bianca liquida, durata circa 3 giorni. La levofloxacina l'ho presa in tutto per 9 giorni. Giorno 19 marzo, mi sono recato dall'urologo il quale mi ha diagnosticato una varicocele, una ciste di circa 2 mm e una possibile pubalgia. I disturbi erano in regressione, fino al 8 aprile 2014, quando ho riavvertito quella strana pesantezza sul pube in aggiunta ad un dolore forte nell'uretra, ipersensibilità del glande. Dopo 3 giorni ho avuto altre perdite uretrali.
Lunedì di mia iniziativa ho effettuato un tampone uretrale per Clamidia, Mycoplasma e Ureaplasma nonché delle più comuni malattie con relativo antibiogramma. Tornerò a visita dall'urologo martedì prossimo salvo imprevisti.
Tra i sintomi dell'episodio precedente, mi sono dimenticato di dirle uno tra quelli più strani, una sorta di bruciore sul glande dopo l'eiaculazione, come se fosse una sorta di allergia.
Aspettando un suo cordiale riscontro le auguro una buona serata.
[#9] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
aspetti il risultato degli esami così sarà più chiara la situazione .
[#10] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Salve Dottore,
Ho ricevuto i risultati dei tamponi uretrali.. Tutto negativo.
Da questo sabato (19 aprile) però ho un nuovo sintomo, macchie rosse sul glande, fastidio alla corona e qualche taglietto ed un cattivo odore allo scoprire del glande stesso. In più ho dolore in fase di erezione, alla base del pene.
Oggi ho la seconda visita urologica, ma credo che questo nuovo sintomo sia di competenza di un dermatologo (siamo a 2 mesi dal rapporto a "rischio").
Ho come la sensazione di essermi creato io stesso tutto questo, magari per un eccessivo controllo.
La terrò informato e grazie per il supporto.
Cordiali saluti