Utente 978XXX
Salve, da settimane soffro di un dolore cronico presente sui fianchi, basso ventre , regione lombare ; negli ultimi 3 giorni mi reco molto spesso al bagno (minzione) pur espellendo ben poco.
In passato ho sofferto di dolori simili che dopo vari esami e visiti , si è scoperto essere causa della renella, che purtroppo tramite ecografia viene solo "supposta".
Attualmente sono in attesa degli esami sangue/urine per verificare se il problema sia sempre lo stesso che mi ha afflitto in passato.
Avrei due domande da porvi;
- il dolore relativo alla presenza/passaggio di renella nelle vie urinarie può essere cosi cronico da durare svariate settimane?
- i dolori che avverto potrebbero essere causati anche da un infezione delle vie urinarie?

Grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Giovanotto,
in effetti la "renella" è un poco una leggenda che noi medici ed anche urologi abbiamo imparato a raccontare per giustificare situazioni di dolore addominale poco giustificabile, anche alla luce di accertamenti dedicati. In realtà, la vasta esperienza oggi maturata nell'esame endoscopico delle alte vie urinarie ci ha insegnato che, tranne casi particolari, questa "mitica" sabbia più o meno vagante nelle urine di fatto non esista, o comunque mai in quantità tali da giustificare l'insorgenza di ostruzione e relative coliche. Altra cosa sono piccoli calcoli formati, in grado di scatenare dolori anche importanti, ma che raramente sfuggono all'ecografia, almeno quando si trovano ancora all'interno del rene.
La sua attuale sintomatologia bilaterale mal si accorda con un'origine renale, che è praticamente sempre nettamente localizzazta ad un solo lato. La coesistenza di disturbi alle basse vie urinarie sposta invece l'attenzione sulla prostata, che in caso di infiammazione o congestione è senz'altro in grado di causare sintomi simili a quelli da lei descritti. attendiamo gli esiti degli esami di base già giustamente effettuati, ma senz'altro la situazione meriterebbe di essere giudicata direttamente con la visita di un nostro Collega specialista in urologia.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Dottore la ringrazio per la risposta.
Infatti ,anche il mio medico di base ha ipotizzato l'interesse della prostata.
Nel caso fosse proprio la prostata a causare questi sintomi , è normale che il dolore sia cosi cronicizzato nel tempo(parliamo di mesi)?
Inoltre , un infiammazione/infezione prostatica da cosa può essere causata e curata?

Ringrazio nuovamente
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Giovanotto,
i distubi irritativi prostatici sono purtoppo noti per la loro fastidiosa tenacia, pur essendo sostanzialmente banali e privi di reali complicazioni. Le cause di quesetse maifestazioni sono perlopiù sfuggenti, ma più sovente si possono ricondurre a dei disordini inerenti le funzioni fisiologiche e lo stile di vita, nei suoi cinque classici aspetti: alimentazione, idratazione, funzione intestinale, attività fisica ed attività sessuale.

Saluti
[#4] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno , oggi sono passato dal mio medico curante con esami sangue & urine alla mano.
Negli esami non risulta nulla di anomalo , se non altro la voce VES= 26 in un massimo fino a 25 , e nell'esame microscopico risultano filamenti di muco 2+.
Attualmente sto aspettando di effettuare un ecografia per verificare la vescica , in quanto dagli esiti degli esami sono stati scongiurati problemi legati alla prostata o alle infezioni delle vie urinarie.
Il medico mi ha prescritto CISTALGAN fino a 3 compresse al gg per alleviare i dolori che sono comparsi negli ultimi giorni (presenti nella zona ano/scroto, fastidio presente soprattutto in posizione seduta).
Quali problemi e cure potrebbero essere annessi alla vescica? quali altri accorgimenti posso adottare per alleviare questi sintomi (preciso che la minzione frequente continua imperterrita, cosi come i dolori lombari)

Grazie!
[#5] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Gentili dottori , dopo alcuni giorni di assunzione di Cistalgan i problemi di minzione frequente sono scomparsi, rimangono solo i dolori nella parte lombare e addominale che si accentuano e spariscono nell'arco della giornata(da ambo le parti).
Dato che abbiamo escluso renella in quanto il dolore è cosi prolungato nel tempo , presente in entrambi i lati e nonostante i litri d'acqua assunti, abbiamo escluso possibili infezioni (nonstante la ves di poco sopra i limiti), abbiamo escluso problemi alla prostata come da esami richiesti, da cosa potrebbero essere causato questi dolori?

Grazie
[#6] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Attendiamo ancora gli esiti dell'ecografia.
[#7] dopo  
Utente 978XXX

Iscritto dal 2009
Bisognerà attendere fino al 6 giugno purtroppo