Utente 351XXX
Buongiorno,

ho 34 anni e ormai da diversi anni soffro di dolori molto intensi localizzati nella bassa schiena.

nel 2012 ho eseguito una TAC del Rachide Lombosacrale.
Mi è stato diagnosticato:

A L3-L4 bulging discale determina rettilineizzazione della parete anteriore del sacco durale in assenza di segni di conflitto discoradicolare.
L4-L5 è presente una modesta protrusione contenuta mediana ad ampio raggio con deformazione della parete anteriore del sacco durale in assenza di franchi segni di conflitto discoradicolare.
Tessuto discale giunge a lambire la radice nervosa destra di L5.
A L5-S1 è presente una minimaprotrusione discalein sede medianaad ampio raggio determinante obliterazione del tessuto adiposo peridurale in assenza di franchi segni di conflitto discoradicolare.

Visto il persistere e l'aumentare del dolore, il 3/7/2014 ho effettuato una risonanza magnetica che ha evidenziato:

- Metameri lombari allineati con ridotta lordosi.
- Irregolarità di segnale su base algodistrofica dello spigolo infero-anteriore di L4 e L5
- Ridotto lo spazio intersomatico L4-L5 e L5-S1
- Iniziale protrusione discale ad ampia base a L4-L5 e L5-S1

Premesso che:

Non ho mai sofferto traumi particolari.
Ho sempre evitato più possibile l'assunzione di farmaci antinfiamatori. Li ho presi sempre nei casi di massima necessita quando i dolori diventavano insostenibili.
Ho seguito delle sedute di fisioterapia agopuntura e osteopatia. Hanno funzionato ma solo parzialmente.
Svolgo attività lavorativa abbastanza sedentaria.

le mie domande sono:
Potrei sostenere un'eventuale gravidanza con un simile diagnostico?
Che tipo di cura/percorso riabilitativo dovrei seguire? a che medico dovrei rivolgermi?
Per quanto riguarda l'attività fisica spesso e volentieri gradisco i giri lunghi in bicicletta. Potrebbe peggiorare la situazione?

Ringrazio anticipatamente per la vostra disponibilità
Andreea Stirbu



Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Gentile signora, la sua patologia è frequentissima in tante persone, sopratutto donne.
Puo' curarla benissimo , con terapia farmacologica al bisogno estremo, come sta facendo, e di routine con fisiochinesiterapia ideale e completa.
Non agopuntura che non risolve nulla nel caso clinico suo,.
Ma fare cicli di fisiochinesiterapia con apparecchi medicali : ionoforesi, tens, radar, massaggi, correnti diadinamiche ecc.ecc.
come le dirà senz'altro il medico specialista Fisiatra che dovrà consultare.
Poi fare attenzione alle manipolazioni vertebrali; potrebbero essere eseguite ma da uno specialista ortopedico o fisiatra se esperto in medicina manuale, se vi sono le indicazioni.
Solo valutando clinicamente la sua colonna vertebrale e gli esami diagnostici eseguiti si puo descrivere ogni dettaglio tecnico .
Cordiali saluti