Utente
Ho 65 anni;cinque anni fa sono stata sottoposta a quadrantectomia più svuotamento ascellare,seguita da chemio e radio.
Proseguo le cure con Aromasin(dopo aver abbandonato Femara e Tamoxifene per intolleranza).
Da subito il problema è stato il dolore al braccio destro,intenso e continuo.(scatenato soprattutto da alcune attività : scrittura,cucito,uso del mouse )
Ho fatto sedute di fisioterapia e di osteopatia con risultati momentaneamente buoni.
Da qualche mese soffro di dolori insopportabili al collo, alla spalla fino alla testa e a metà torace,sempre dalla parte destra .
Finora ho assunto Contramal e Lyrica ,ma ora non basta più e d'altra parte non ho nesssuna voglia di intossicarmi; il medico ora mi ha prescritto 10 gocce di En alla sera e Palexia 50mg,ma non l'ho ancora preso per timore degli effetti collaterali .
Dimenticavo:gli esamai hanno evidenziato una lieve osteopenia.
Il mio medico ha richiesto rx rachide cervicale e rachide toracodorsale:ecco il referto
- 1 Normale allineamento sul piano frontale.Regolare retro superolateraleil rachide risulta sbandato in avanti a compensazione di cifosi dorsale.
Spondilounco-artrosi da C4 a C6.
Spazi intersomatici conservati in ampiezza.
- 2- Accennata deviazione destroconvessa del segmento distale. Accentuata cifosi dorsale nel tratto prossimale.Appuntimento margino somatico spondiloartrosico a tutti i liovelli.Non evidenti cedimenti somatici.Spazi di ampiezza conservata.
Ora in attesa della visita fisiatrica,devo attendere un bel po',gradirei conoscere un vostro parere e un consiglio sulle attività fisiche da preferire.
Quando vado in montagna sono tentata di fare sci di fondo ,ma temo di forzare il braccio e mi accontento delle ciaspole; ho abbandonato lo sci da discesa in seguito alla rottura di un malleolo (mi si è spezzato uno scarpone!)
Insomma cerco di non bloccatrmi del tutto!
Ora cerco di fare un po' di nuoto e di streching,vanno bene?
Ho un nodulo tiroideo di cm 1,3 ,gli esami evidenziano un'attività nella norma,ma ai limiti inferiori.
Troppe domande?Chiedo scusa e ringrazio.

[#1]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
FORLI' (FC)
ZOLA PREDOSA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Il referto descrive la presenza di artrosi cervicale, ma non è possibile solo in base a esso la diagnosi e la terapia. La terapia prescritta (a parte l'ansiolitico) controlla il dolore cronico ma non cura le cause. E' indispensabile che il Fisiatra La visiti e scelga eventuali accertamenti che risultassero utili da quanto sarà emerso dalla visita. Bisogna anche considerare se può avere un ruolo il precedente intervento (non dice mai il lato in nessuno dei due consulti), Solo DOPO la visita sarà possibile decidere la diagnosi, la terapia e dirLe se e quali attività fisiche sono concesse.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it

[#2] dopo  
Utente
Ringrazio per la cortese e sollecita risposta.
Specifico che l'intervento di quadrantectomia e lo svuotamento ascellare sono stati
effettuati a destra e che i dolori sono iniziati da allora.
<ancora grazie e buon lavoro.

[#3] dopo  
Utente
Il fisiatra mi ha prescritto un ciclo di kinesiterapia,,finora però senza risultati apprezzabili;la fisioterapista che mi segue mi ha parlato del kinesio taping .Di che cosa si tratta?Grazie.

[#4]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
FORLI' (FC)
ZOLA PREDOSA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Il kinesio taping è una tecnica di bendaggio adesivo elastico che afferisce all'osteopatia. Non è sicuramente il fisioterapista a decidere cosa sia utile per Lei ma il Fisiatra.
Se la terapia fisica fino a ora eseguita non ha dato risultati è indispenabile che Lei torni dal fisiatra che l'ha prescritta per modificare il programma terapeutico.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it

[#5] dopo  
Utente
La ringrazio per la precisazione,arrivederci.