Utente 358XXX
salve,
premetto di avere 3 ernie e protusioni discali .Il mio chiururgo ortopedico mi ha prescritto un integratore di ALA da 600mg che attualmento sto' prendendo e mi trovo bene,ho fatto un ciclo di 30 gg e i dolori sono molto sotto controllo ma continuo ad avere qualche formicolio a polpacci e mani in alcuni momenti della giornata tipo se mi sdraio o mi siedo......(probabile compressione nevralgica) mi consigliano di continuare con l'acido alfa lipoico.
devo dire che da quando assumo questo potente integratore (molto conosciuto ma credo di non poter fare il nome qua...)mi sento meglio a livello di stanchezza e molti piccoli disturbi di altra entita' sono spariti.
unica contro-indicazione che ho notato e' uno sgradevole odore nell'urina dopo l'assunzione della conpressa ....poi dopo le successive minzioni tutto regolare.e' normale?
un anno fa' un'altro integratore dello stesso tipo (anche esso molto conosciuto) ma da 400 mg non mi dava questo odore

Ora vorrei chiedere visto che mi trovo abbastanza bene per quanto fare ancora questo integratore e se nell'arco dell'anno posso fare dei cicli con questo integratore,per quanti giorni e in che periodi.
e' meglio cambiare anche marca di ALA o meglio attenersi alla stessa?

Grazie delle gentili risposte
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
l'odore dell'urina è tipico della molecola che non comporta alcun problema secondario, continui con il farmaco che stà assumendolo (generalmente a cicli 2-3 mesi) come indicato dallo specialista
[#2] dopo  
Utente 358XXX

Iscritto dal 2014
Grazie dottore della risposta.
Quindi posso fare dei cicli di 2 3 mesi.......?sospendendo per quanto?
È vero che questo acido fa bene per una serie svariata di cose?
Può alterare qualche valore del sangue?
Mercoledì ho fatto le analisi. Andrò a ritirare il referto la prossima settimana.
Saluti.
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
la durata dei cicli dipende dalle condizioni cliniche, non comporta alterazioni dei valori ematici