Utente 362XXX

Salve, sono una ragazza di 21 anni (173 cm per 56 kg) e faccio sport regolarmente almeno 3 volte a settimana. 2 anni fa sono stata ricoverata per una colica appendicolare, il mio ecg era regolare, ma la pressione arteriosa era sempre un po' sopra la norma; tornata a casa inizio a provarla regolarmente e i risultati erano tutti nella norma. Circa un mese fa sono a andata a donare il sangue; ero molto in ansia e la mia pressione nuovamente é risultata alta (130-90). Una settimana fa ho eseguito ecg di controllo: purtroppo al mattino mi sono alzata e ho iniziato ad essere molto ansiosa (tachicardia, sudorazione e tutti i sintomi della paura). Quando ho fatto ecg ovviamente la mia frequenza cardiaca era elevata 96, sul referto ecg è scritto:
freq vent: 96
Int pr: 145
Dur Qrs: 94
QT\QTc: 342\395
Assi P-r-t: 58 74 48
Inoltre a lato il medico ha scritto con una calligrafia incomprensibile qualcosa tipo: tachi St-t diffusa,gen...... secondarie
il mio medico di base dice che é solo la mia ansia ma vorrei accertarmi che non ci siano altre anomalie.
Premetto che io corro e per questo misuro sempre le mie pulsazioni prima dopo e durante la corsa, ed esse sono assolutamente normali. Ho fatto numerose visite medico-sportive, anch' esse risultate nella norma.
Vorrei solo sapere se questo ecg é regolare per una persona molto ansiosa.
Grazie anticipatamente per la risposta.
Mi rivolgo a voi perché continuo ad essere in ansia per questo referto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve,
Probabilmente il mio collega le ha scritto tachicardia sinusale.
Potrebbe ripetere l'ecg quando è assolutamente tranquilla, magari prendendo una mezzoretta prima delle gocce di tranquillante.
Se vuole mi faccia vedere questo ECG così le do anche il mio parere e cerco anche di interpretare la refertazione del mio collega.