Utente 791XXX
Buonasera,
spero tanto possiate aiutarmi o almeno darmi qualche utile consiglio.
Mi trovo in una situazione molto preoccupante o forse,mi hanno messo in condizioni di esserlo senza motivo; spiego il mio problema.
Un po di anni fa fui operato per togliere un neo(in anestesia locale) dopo l 'intervento ebbi un malore come un collasso(o forse uno svenimento per la tensione) non so spiegare bene,anche se mi ripresi senza l'intervento di farmaci ,cmq da allora mi consigliarono di fare le prove allergiche agli anestetici,non l'avessi mai fatto tutti i test che ho fatto qui in calabria sono risultato gravemente allergico(all'atropina,tio-pentale sodico,cisatracurium besilato,succinilcolina,fentanil,xylocaina).
Dopo questi test sono andato a firenze per ulteriori test li mi hanno detto che forse non erano molto attendibili i test fatti in calabria anche perchè nn si possono testare tutti gli anestetici insieme e a me le prove le hanno fatte tutte nello stesso momento ed allo stesso braccio,a firenze invece mi hanno testato il tio-pentale sodico e non sono risultato allergico(mentre ai test fatti in calabria si) e anche l'articaina che ora utilizzo senza problemi per sistemare i denti.
Altri problemi di allergia si sono verificati da piccolo ad aspirina e tachipirina li ho rishiato la vita col soffocamento.
Ora il mio problema è l'appendicite è la terza volta che vengo ricoverato e me la raffreddano forse per paura di operarmi ogni qualvolta presento quei dannati test. Forse dovrei strapparli e non dire nulla'? mi devo tenere l'appendicite a vita e continuare a seguire una dieta? ...oppure mi posso operare anchio ? sapete indicarmi dove?non dico con la sicurezza del 100% perchè quella non c'è l'abbiamo nessuno ma almeno essere messo in condizioni di poter sperare di riaprirgli gli occhi dopo l'anestesia e poter affrontare l'intervento nella normalità(o quasi) dei casi..!!
Spero possiate darmi un consiglio indicarmi una soluzione eventualmente un buon centro per le allergie o forse mi serve conoscere solo un bravo anestesista che possa aiutarmi ? ringrazio tutti anticipatamente
Francesco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Sig. Francesco,
Per mettere un poco di ordine nella sua storia è necessario fare un paio di premesse.
1)La mia risposta non può che basarsi esclusivamente sui dati che lei mi fornisce, non avendo avuto la possibilità di leggere i referti dei colleghi da lei consultati.
2)Allo stato attuale delle conoscenze mediche, le prove allergiche per farmaci “non hanno valore predittivo” ovvero, in assenza di una precedente somministrazione di un dato farmaco ed in assenza di una reazione allergica agli stessi, non possono prevedere se un soggetto potrà o meno sviluppare una futura reazione allergica.
Calando queste affermazioni nel suo caso specifico, l'aver avuto una REAZIONE AVVERSA dopo una ANESTESIA LOCALE, da lei definita come “[...] un malore come un collasso (o forse uno svenimento per la tensione) [...]”, tra l'altro difficilmente inquadrabile da punto di vista clinico come reazione allergica, rende di scarsa utilità prognostica l'effettuazione di test per allergia a FARMACI UTILIZZATI IN ANESTESIA GENERALE ([...] atropina,tio-pentale sodico, cisatracurium besilato, succinilcolina, fentanil [...]). Bisogna precisare, però, che malgrado la scarsa utilità di tali test da un punto di vista prognostico (ovvero di previsione di future reazioni allergiche), i referti di tali test hanno, da un punto di vista GIURIDICO, piena validità. Traducendo il concetto, malgrado tali test non potranno prevedere se lei avrà o meno reazioni allergiche ai farmaci testati, in caso si dovesse presentare una reazione allergica dopo la loro somministrazione, un giudice avrebbe la facoltà di chiamare in giudizio, per eventuali risarcimenti, l'equipe che gli ha somministrato tali farmaci.
Dal punto di vista pratico, i consigli che posso darle sono:
1) PER I FARMACI DI ANESTESIA GENERALE scegliere se continuare o meno a presentare i referti citati prima di ogni intervento chirurgico rischiando di vedersi negata la fattibilità dell'intervento;
2) PER GLI ANESTETICI LOCALI utilizzare esclusivamente l'articaina che afferma di tollerare; evitando la xylocaina, l'unico anestetico locale che le è stato testato e che, dal suo discorso, sembrerebbe essere positivo ai test allergometrici.
3) PER I FARMACI ANTI-INFIAMMATORI NON STEROIDEI (aspirina e paracetamolo), valutare con un Allergologo di fiducia se effettuare dei test a farmaci alternativi in maniera da ampliare le possibilità terapeutiche in caso di necessità future di farmaci appartenenti a questa famiglia.

Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna
http://verna.blog.tiscali.it//Allergie_e_reazioni_avverse_da_farmaci_1786859.shtml
[#2] dopo  
Utente 791XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera Dott.Nicola,
intanto la ringrazio per la tempestiva risposta,anche perchè a breve sono certo di dover affrontare un intervento;in quanto avendo affrontato tre volte l'appendicite col raffreddamento ed essendo a tutt'oggi leggermente infiammata(nonostante una dieta equilibrata)penso che non possa aspettare più di tanto.
Sarebbe molto più semplice forse se Lei potesse consigliarmi un centro per le allergie o una struttura che possa rivalutare meglio il mio caso ed affrontare al meglio possibile questo intervento.
O forse dovrei agire senza considerare i test fatti....(da parte di un paziente difficile è la scelta)
Mi chiedo poi se non sono attendibili i test perchè farli?
Volevo chiederLe inoltre,sarebbe possibile l'operazione di appendicite in anestesia locale?ci sarebbero meno rischi?
Qualora fosse possibile vorrei mettere alla sua osservazione i test allergologici che ho testato(magari via email o fax);magari riesce a darmi maggiori chiarimenti.
La ringrazio

Francesco
[#3] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile sig. Francesco,
Ribadisco il concetto che, probabilmente, lei ha bisogno di un consulto allergologico solo per trovare un farmaco anti-infiammatorio tollerato (la scelta non è così difficile, se sono stato abbastanza chiaro). Ad ogni modo, non conoscendo personalmente alcun collega della regione Calabria, e comprendendo la poca tranquillità psicologica con cui affronterebbe l'intervento, mi sento di consigliarle le seguenti strutture pubbliche in ordine di distanza dalla sua residenza e con i relativi nomi di riferimento:

1) Presidio Ospedaliero Madonna delle Grazie-Matera, UOC Medicina Interna - Ambulatorio di Allergologia. Dott. Simona Ciuffreda.
2) Unità Operativa di Allergologia e Immunologia Clinica - Azienda Ospedaliera di Caserta. Prof. Agostino Cirillo.
3) Istituto di Medicina Interna e Geriatria, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma. Prof. Antonino Romano.
4) Unità Operativa di Allergologia dell'Ospedale Civile di Civitanova Marche. Dott. Stefano Pucci.

L'utilizzo si altri mezzi di comunicazione oltre il sito internet su cui stiamo scrivendo è contrario ai principi su cui si basa la politica del sito stesso configurando un consulto privato. Il mezzo che stiamo utilizzando è solo un supporto alla visita del medico di fiducia come recitano i consigli su come ripondere ad una richiesta di consulto (http://www.medicitalia.it/02it/guida-consulti.asp).
Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna
http://verna.blog.tiscali.it/
[#4] dopo  
Utente 791XXX

Iscritto dal 2008
Buonasera ,
alla fine mi sono operato e per poterlo fare non ho presentato i test delle mie allergie altrimenti mi avrebbero negato l 'intervento.
Ho parlato solo delle mie allergie ad aspirina e tachipirina,per precauzione mi hanno fanno una cura di cortisone 3 giorni prima dell' intervento e comunque poi è andato tutto bene.
Adesso volevo chiedere se possibile,o forse dovrei cambiare settore, visto che non l'ho chiesto al mio medico un po per vergogna,volevo domandarLe tra quanto tempo potrò fare sex...e tra quanto fare sport(body building)?
Grazie mille
Francesco
[#5] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Francesco,
Sono felice che abbia seguito il mio consiglio e che, come le avevo anticipato, non ci siano stati problemi allergologici nel corso dell'intervento.
Pur essendo la sua ultima domanda più pertinente nella sessione dei Chirurghi, le vorrei far notare che ogni intervento, anche se in apparenza semplice, ha delle peculiarità che può conoscere solo chi l'ha materialmente effettuato. Pertanto, piuttosto che mettere in imbarazzo i colleghi Chirurghi di MedicItalia obbligandoli a cercare delle risposte diplomatiche ed oltremodo attendistiche, direi che la cosa più sensata è quella di chiedere al Chirurgo che l'ha operata.
Coridali saluti,