Utente 370XXX
Salve, da parecchio tempo ho dei sintomi vari e che non riesco a collegare tra loro (se sono collegati). Innanzitutto il mal di testa, soprattutto la sera, è abbastanza forte e situato sulla fronte e sulle tempie, a volte prima di prendere un moment passano ore ma non va via. Un altro sintomo è la temperatura corporea che si alza, sempre sui 36,5/37 insieme al mal di testa e i battiti cardiaci aumentano di circa 10/15 bpm rispetto al normale; in genere la mia temperatura è di 36 gradi. Inoltre da parecchi mesi ho una perenne sensazione di stanchezza e apatia e il sonno non aiuta anche dormendo 10 ore. Gli unici dati che posso dare sono di un'analisi recente che ho effettuato presso il pronto soccorso perchè due mesi fa ho avuto un attacco di tachicardia. Riporto solo i risultati alterati:

emoglobina: 11.80 (questo dato è quasi sempre basso ogni volta che ho fatto analisi da anni)
ematocrito: 36.40
MCV: 75.50
MCH: 24.50
MCHC: 32.40
RDW: 14.90

Un altra informazione che posso dare è che la mia ginecologa mi disse più volte di fare le analisi per la microcitemia infatti ha sospettato che potrei averla ma so che non da disturbi.

Grazie in anticipo, vorrei capire più che altro a chi rivolgermi per approfondire questi stati che mi stanno debilitando da parecchio tempo.

[#1] dopo  
370869

Cancellato nel 2017
Salve
non credo tutti i sintomi siano da ricondurre a un'unica causa. Ad ogni modo, un'anemia sideropenica (dovuta cioè a carenza di ferro da perdite mestruali più o meno abbondanti) può manifestarsi con stanchezza, tachicardia, sensazione di spossatezza e mal di testa in donne giovani come Lei; l'emocromo che ha pubblicato suggerisce questa diagnosi, che andrebbe verificata.
Le consiglio di rivolgersi al Suo medico di famiglia che La visiterà e potrà prescriverLe le analisi adatte (un nuovo emocromo, sideremia e ferritina, eventualmente TIBC) e, nel caso si confermasse la sideropenia, la terapia con supplementazioni di ferro; nella mia esperienza, alcune donne sono più sensibili di altre a queste carenze e anche con livelli di emoglobina del tutto tranquilli (come quello che aveva Lei due mesi fa) tendono a sviluppare lievi sintomi come i Suoi.
Solo qualora lo stato del ferro dovesse rivelarsi nella norma, il medico potrà ordinarLe una elettroforesi dell'emoglobina per indagare un eventuale tratto talassemico.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 370XXX

Iscritto dal 2015
Grazie veramente Dottore, è stato molto esauriente; mi sono rivolta a questo sito proprio perché il mio medico di base non ha mai dato peso a questa mia situazione quindi appena avrò tempo farò un cambio del medico curante e inizierò le analisi. Grazie ancora e buon lavoro