Utente 359XXX
gentili dottori
l'anno scorso a seguito di una normale visita oculistica mi sono stati riscontrati valori pressori compresi tra 18 e 20 con un'aumentata escavazione della testa del nervo ottico(cosa che prima dell'anno scorso non era mai emersa in nessuna visita oculistica)

l'oculista richiede campo visivo (6 maggio 2014)
ESAME ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA
test di soglia 24-2
OD:buona la collaborazione del paziente e l'attendibilita' del test,l'esame mostra una normale sensibilita' luminosa in tutta l'area esaminata che non altera gli indici perimetrici.buona la soglia foveale GHT:entro limiti normali

OS:idem conclusioni: l'esame rientra nei limiti della norma

OCT RNFL(6 MAGGIO 2014)
OD-OS:FIBRE PERIPAPILLARI RIDOTTE NEI SETTORI SUPERIORE,INFERIORE E NASALE.BUONA LA SIMMETRIA OCULARE

ANALISI FIBRE NERVOSE GDX
FIBRE PERIPAPILLARI NORMORAPPRESENTATE (OD>OS)
BUONA LA SIMMETRIA OCULARE

PACHIMETRIA CORNEALE CENTRARE: OCCHIO DESTRO 493
OCCHIO SINISTRO: 483

l'oculista concluse dicendo che a causa della mia cornea sottile dovevo periodicamente praticare fondo oculare e tonometria e fra due anni di nuovo l'oct.dopo questi accertamenti la pressione ritorno a 14-15 mmhg

per cause che non vi sto a raccontare mi reco da un altro oculista che registra una tonometria di 17 mmhg ad ambo gli occhi ,e dopo aver verificato una maggiore escavazione della testa del n.ottico a sinistra richiede nuovo oct

OCT RNFL (FEBBRAIO 2015)
OD:RIDOTTO SPESSORE DELLE FIBRE PERIPAPILLARI AL POLO SUPERIORE
OS:RIDOTTO SPESSORE DELLE FIBRE PERIPAPILLARI IN TUTTI I SETTOCI ECCETTO TEMPORALE
C/D VERTICALE 0,56/0,65
AREA DELLA RIMA 0,91/0,73 mm2

l'oculista conclude dicendo che devo iniziare immediatamente una terapia con latanoprost sospettando una mia tendenza al rialzo della pressione oculare.
inoltre c'e' familiarita' per glaucoma

ora lunedi,controllero' la mia pressione oculare dopo un mese di latanoprost.

Le mie domande sono :
A)considerando che ho 28 anni, sono miope (-6,50 ad ambo gli occhi)astigmatico (-1,50 ambo gli occhi) la mia situazione e' molto grave?condividete la scelta di iniziare una terapia per l'ipertensione oculare gia' da ora?
B)posso sperare di non diventare cieco per glaucoma se intervengo ora,o e' troppo tardi?sono destinato a diventare cieco per glaucoma in giovane eta?(40-50 anni)
C)considerati gli vari accertamenti che vi ho indicato quali potrebbero essere i valori di pressione che possono essere considerati soddisfacenti nel mio caso?
D)se dopo un mese di terapia la pressione non si e' abbassata in modo soddisfacente,c'e' possibilita' che con il proseguo della terapia si abbassi ulteriormente o sara' necessario cambiare gia' farmaco?

E)in un ospedale della mia citta',c'e' un ambulatorio dedicato al glaucoma.mi consigliate di recarmi direttamente in un centro specializzato gia' da ora?

grazie
cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Francesco Fimiani
24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2015
Gentile Sig.


il glaucoma oggi non è piu' una malattia invalidante come 20 anni fa grazie alla possibilita' di effettuare diagnosi precoce, è pur vero che la sua è una situazione clinica un po' anomala perchè almeno leggendo i referti che ha scritto entrambi i colleghi hanno praticato esame OCT e CAMPO VISIVO (2 esami molto importanti per monitorare i pazienti con il Glaucoma) ma hanno optato per una scelta terapeutica differente quindi capisco la sua perplessita'.

rispondo alle sua doamnde:

A) a 28 ANNI sapendo che la teapia dura a vita prima di iniziare una terapia ipotonizzante dovrei essere sicurissimo che lei abbia davvero il glaucoma

B) con le possibilita' terapeutiche presenti e ha fiucia del proprio medico non diventera' cieco

C) i valori di pressione soddisfacenti sono quelli che non fanno peggiorare sua situazione clinica e lo si vede monitorando le fibre nervose con l'esame campo visivo e l'esame OCT

D) deve avere pazienza ma con i numeri che ha indicato non vedo una situazione allarmante tale da dover modificare la terapia...( forse non l'avrei nemmeno iniziata.....)

E) è importante che la persona che la segue sia scrupoloso e competente e lei abbia un ottimo rapporto di fiducia

saluti
[#2] dopo  
359570

dal 2015
Dottore la ringrazio della sua risposta,volevo chiederle solo una cosa e poi non la tedio piu'.

a me fa un po' paura l'effetto collaterale dell'iscurimento dell'iride,ovviamente tra il rischio di rimanere cieco e avere l'iride piu' scuro ovviamente opterei per la seconda possibilita'.

Pero' dottore ,io ho anche delle problematiche di tipo psichiatriche,come ad esempio un problema di dismorfofobia,e per una persona che gia' vede in se difetti immaginari che gli creano profondo disagio ,si figuri cosa accadrebbe se apparissero dei difetti veri.

sempre tenendo presente che l'effetto collaterale me lo tengo se serve a non farmi rimanere cieco volevo chiederle

A)ho letto che altri colliti come il timololo non hanno questi effetti collateral.pero' mi sembra di aver capito che ne hanno altri,quindi possono insorgere problematiche di altro tipo.nella sua esperienza clinica ha trovato a livelli di effetti collaterali piu' maneggevole i colliri a base di beta bloccanti o questi derivati delle prostaglandine?(io personalmente non ho problemi cardiaci o asma bronchiale)

B)l'inscurimento riguarda solo l'iride o anche l'intera superficie corneale?
e' un effetto collaterale che sicuramente si manifestera'?

grazie
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Francesco Fimiani
24% attività
0% attualità
0% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2015
Gentile Sig.re

ho intuito che lei vuole sapere in linea generale come io inizierei una terapia ipotonizzante nel caso fosse necessario una terapia farmacologica

Le rispondo francamente

gli analoghi delle prostaglandine che lei sta utilizzando sono un po' piu forte rispetto ai beta bloccanti pero' se il paziente non ha controindicazioni io consiglio ai miei pazienti di iniziare con beta bloccanti perchè sono maggiormente tollerati

saluti
[#4] dopo  
359570

dal 2015
grazie dottore