E soffre da anni di glaucoma

Salve
mio padre ha 71 anni e soffre da anni di glaucoma. La pressione è stata tenuta sotto controllo, fino ad ora, con vari tipi di colliri (che ha cambiato nel corso degli anni). Aveva una forte miopia, per questo anni fà, nel corso di un intervento per cataratta, gli furono inseriti dei cristallini graduati. Nell'immediato la vista migliorò tantissimo. Col passare degli anni è peggiorata, anche a causa del galucoma, fino ad arrivare ad un occhio con visibilità 3/10 e l'altro 7/10. Un oculista ha proposto come intervento la trabeculectomia, un altro invece sostiene che, per un occhio così rovinato, si possa fare solo un tentativo con la valvola express. Vi chiedo, se possibile in questa sede, in base a quali parametri si debba optare per un intervento piuttosto che un altro? Si può fare qualcosa per aiutare il nervo ottico? E se potete consigliarmi qualche centro specializzato (scrivo dalla provincia di Napoli). Grazie di cuore.
[#1]
Dr. Antonio Pascotto Oculista 3k 84 186
Gentile signora,

L'obiettivo, nella scelta di un intervento piuttosto che un altro, consiste nel cercare di ottenere il miglior beneficio per il paziente con il minor rischio possibile di complicanze ed i minori disagi post-chirurgici.

Quando il nervo ottico è sofferente, la prima regola da adottare è quella di eliminare la causa che determina l'alterazione del nervo ottico (nel glaucoma, spesso ma non sempre, la pressione alta), ma si può anche "aiutare" a mantenere in buona salute le fibre nervose con la prescrizione di farmaci neuroprotettori o neurorigeneratori, sulla cui efficacia d'azione, però, non tutti sono d'accordo.

Il glaucoma è una malattia subdola e molto invalidante, che va affrontata con costanza e serietà per limitare al massimo gli irreversibili danni che ne conseguono. E' per questo che noi, da un po' di tempo, abbiamo deciso di istituire uno specifico ambulatorio dedicato al glaucoma ( http://goo.gl/vfYthB ), ove possiamo seguire i nostri pazienti con costanti controlli delle condizioni anatomo-funzionali del nervo ottico, atte a stabilire l'efficacia delle cure o le necessarie modifiche del regime terapeutico,

Buon inizio di settimana ed in bocca al lupo per suo padre,
ap

Dottor Antonio Pascotto
Tel. 081 554 2792
www.oculisticapascotto.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2014 al 2017
Ex utente
Grazie di cuore.
[#3]
dopo
Attivo dal 2014 al 2017
Ex utente
Mi scusi ancora. Ho un'ultima domanda. Potrebbe anche solo accennarmi i parametri in base ai quali si opta per un intervento piuttosto di un altro. Stiamo cercando di capire il più possibile, nei limiti delle nostre competenze.
La ringrazio infinitamente.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test