Utente 374XXX
Cari dottori che risponderete alla mia domanda vi illustro la mia situazione e vi ringrazio in anticipo per le risposte che riceverò...allora io é otto mesi che sto con una ragazza bellissima della quale sono molto innamorato… Da cinque mesi abbiamo rapporti sessuali.. Sto con una ragazza bellissima della quale sono molto innamorato… Da cinque mesi abbiamo rapporti sessuali. io un mese e mezzo fa sono stato operato di farenulotomia. ora vi illustro il problema. Praticamente in questi cinque mesi siamo riusciti ad avere rapporti soddisfacenti solo quattro volte allora il mio problema è che alla prima volta vengo subito mentre alla seconda durante il rapporto il mio pene Perde l'erezione... Sono convinto che si tratti tutto di una questione mentale mia perché in quelle 4 volte dette pocansi con un eccitazione molto forte e testa libera è andata alla grande...con nessuna ragazza mi è mai capitato ciò e questa situazione mi crea un disagio assurdo... C'è da dire che questa è la mia prima relazione più stabile io ho 19 anni lei 18 quindi potrete ben capire l'euforia della nostra età... I miei principali timori sono quelli di dovermi confrontare con il suo ex... Che durante il rapporto possa mancare l'erezione, soprattutto quando indosso il profilattico... Poi un' altro mio timore è quello che lei a seguito della mia mancata erezione possa arrabbiarsi perché inizialmente è paziente e mi aiuta ma poi arriva al limite,perde la pazienza e si arrabbia... Lei è bellissima,qualcosa di fantastico ed io che non riesco a soddisfarla mi sento un maschio a metà...per favore vi chiedo aiuto per risolvere questa situazione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Valentina Sciubba
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
Gentile ragazzo,
è probabile che sia un problema legato all'ansia; lei stesso ha individuato un fattore ansiogeno nel pensiero di doversi confrontare con l'ex ragazzo.

Ha comunque interpellato i medici per escludere fattori di ordine fisico?
Una volta esclusi, deve rivolgersi ad uno psicoterapeuta; non è possibile da qui darle ricette e consigli. Le posso segnalare semmai che l'indirizzo terapeutico strategico breve ha elaborato protocolli efficaci per i disturbi sessuali.
cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010

Gentile Ragazzo,
È tutto perfettamente normale e consequenziale all'intervento che ha subito.

Il frenulo corto è una caratteristica anatomica in cui il frenulo del glande appare più breve rispetto alla norma, tale condizione clinica solitamente procura eiaculazione precoce, dispareunia (dolore durante i rapporti) e marcati fastidi durante l'erezione - anche la sua perdita - oltre che disagi tra organico e psichico.

Il frenulo corto, sicuramente durante il suo passato sessuale, avrà reso difficile la scopertura del glande proprio per la difficoltà dello scorrimento adeguato del prepuzio.

La sensibilità dovrà stabilizzarsi, tra eiaculazione precoce e deficit erettivo, si dia tempo e stia sereno.

Quanto tempo è trascorso dall'intervento?
L'andrologo le ha dato il nullaosta per la ripresa dei rapporti sessuali?

A volte, posso confermarglielo dalla mia pratica clinica, il " dopo" intervento,sarà un periodo abbastanza lungo di eccessiva, fastidiosa "sensibilità del glande", sia a pene flaccido che a pene eretto, con le ovvie conseguenze che lei lamenta.

Ricapitolando: si dia tempo e risenta il suo andrologo di riferimento.
[#3] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Ma se il problema era dovuto all'intervento perché quelle 4 volte con eccitazione forte è andato tutto liscio? In risposta all'altra domanda ho letto che se durante la notte si hanno erezioni regolari il problema non è fisico ma mentale
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Forse non ha letto bene la mia risposta ed i tempi di convalescenza necessari.


Sposto la sua richiesta in andrologia, dove le risponderanno adeguatamente, così si rasserena.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,la giovane età di entrambi,nonché la relativa poca esperienza,possono favorire dubbi e competizioni fantastiche...La frenulotomia può giuocare un ruolo favorevole affinché anche il primo rapporto sia più prolungato,evitando di ricorrere al successivo che,spesso,esita in un calo del tono erettivo.Ne parli con l'andrologo di riferimento.Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Quindi il parere di voi tutti è che non è mentale la questione ma fisica... Ho solo bisogno di un po' di tempo per desinsibizzare il glande? O mi sbaglio?
[#7] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Mente, corpo e coppia vanno di pari passo..
Si dia tempo, aspetti la convalescenza, non vocalizzi l'attenzione sulla quantità dei rapporti, ma sulla qualità ed impari a conoscere se stesso, la sua sessualità e quella della sua partner.

[#8] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Quanto tempo durerà secondo lei questa situazione?
[#9] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
E soprattutto riuscirò a riprendermi del tutto riuscendo ad avere una seconda erezione senza che questa svanisca a metà rapporto?
[#10] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Le prognosi dipendono dalle diagnosi mediche e psicologiche o psico/sessuologiche, non fattibile online.

Rivolga le stesse domande a chi ha il piacere di averla in cura