Utente 542XXX
Gentili Dottori
Ho effettuato i Seguenti esami che hanno dato questi responsi:
Curva Glicemica:
Glucosio basale 112;
30': 196;
60': 196;
90': 168;
120': 110;
180': 69
Curva insulinemica:
insulina: 17,7;
30': 82,2;
60': 141,0;
90': 151,8;
120': 56,6;
180': 10,4
C-PEPTIDE: 2,7
emoglobina glicosilata metodo HPLC:
HbA1c secondo NGSP: 5,7;
HbA1c secondo IFCC: 39
Creatinina: 0,80;
Creatininuria (urine 24 ore): 71

Gentili Dottori:
Ho cercato di dare un senso a questi valori documentandomi su internet; ho tratto la conclusione che non si può diventare dottori in questo modo. O quantomeno ogni risultato di per se può avere un significato che messo in un contesto più complesso ne assume un altro. Un dato che può essere utile è il seguente: tutte le mattine riscontravo un valore di glicemia al risveglio che variava dai 100 ai 120 con glucometro che leggeva solo il valore intero e quindi da integrare da un altro 10 x 100 per trovare il valore plasmatico.
Attendo con interesse, e molta ansia , una Vs risposta. Ringrazio anticipatamente chi si occuperà di questo mio problema. Ultimo dato. Ho 71 anni, peso 69 Kg e sono alto 1,69 mt. Grazie, grazie sinceramente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Prof. Giulio Iasonna
32% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
I dati corrispondono ad una curva insulinemica e glicemica perfettamente normale.

Prof. Giulio Iasonna




[#2] dopo  
Utente 542XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Prof. Iasonna
Ero molto preoccupato per quei valori scritti in grassetto sul referto delle analisi fatti presso l'Ospedale San Camillo di Roma (sia per la curva glicemica che insulinemica). Mi spaventava ad esempio il limite di 200 oltre il quale ci si poteva considerare diabetici. Ma questa sua risposta mi tranquillizza e molto. Questo insegna che non si diventa specialisti dottori leggendo semplicemente un articolo su internet, ma solo attraverso anni ed anni di studi e di sacrifici.
CVD c'è sempre da imparare, anche alla mia vetusta età.
Cmq sarà un'impressione....ma già mi sento meglio, almeno dal punto di vista morale.
Grazie Gentile Prof. Iasonna