Utente 100XXX
Gentilissimi Medici
circa un anno fa ebbi il primo episodio di TACHICARDIA NOTTURNA, in pratica mi svegliavo verso le 2 di notte un po agitata ed in breve mi iniziava una tachicardia, in genere senza altri sintomi solo il cuore che batteva molto molto velocemente e alla fine tremavo per un po di minuti. Questo accadeva circa una volta a settimana per alcuni mesi, poi feci un ECG che risulto solo una leggera tachicardia (quando feci l-esame ero agitatissima!!!) ed il medico stesso mi dice che tutto dipenda dall-ansia ma che era tutto aposto. Iniziai a prendere valeriana la sera e mangiare meno (soffro anche di ernia iatale ma non ho fatto esami per dirlo, pero ne sono certa dai sintomi) e non ebbi piu episodi di tachicardia da maggio a tutto agosto. Questo mese (ho smesso ogni cosa, sia le valeriana sia il regime dietetico) nuovamente convivo con questi risvegli notturni, gia 3 volte in 10 giorni, la prima tachicardia abbastanza forte, la seconda debolissima e la terza proprio stanotte molto forte, pensavo relamente di morire di infarto e persino ho avvertito formicolio alla braccia (alla mani per lo piu) cosa mai successa! Ogni volta mi sento debolissima e alla fine dell-attacco tremo tutta come una foglia per parecchi minuti, anche decine. Stanotte il tutto e durato piu di un ora. E sempre alle 2 di notte!!
Ora cosa potrei fare? Di nuovo ECG? oppure ECOcardiogramma... oppur holter 24 ore oppure tutti e tre?
E possibile escludere problemi al cuore e pensare che si tratti di ansia o di ernia iatale oppure no, potrebbe essere il cuore?
Sono confusissima e non so piu cosa fare, a volte penso che una notte mi converrebbe farla finita per evitare il ripetersi di questi strazianti episodi... Il mio medico di famiglia si limita a dirmi di prendere farmaci antiacidi e valeriana, pensa che io stia somatizzando e che sia una cosa banale, ma io non credo assolutamente, potrei avere mal di cuore e morire se sottovaluto la cosa... Solo chi prova puo capire lo strazio di questi episodi, le sensazioni tremende che si provano di morte e impotenza...
Ho saputo leggendo in rete che la tachicardia puo essere causata da molti fattori, anche da colesterolo alto, e vero? io un po ce l-ho (mediamente sui 200 ma anni fa avevo 224) oppure dal diabete, ma finora non ho mai avuto glicemia alta, gli ultimi esami risalgono a maggio quando era tutto ok: glicemia 93, colest. tot. 203, anche la tiroide era ok solo che avevo la ferritina al minimo (11, so che anke l-anemia puo causare tachicardia, cosi come il resto che ho citato poco fa, ecco perche sono confusa!)) ma, dicevo riguado l-anemia, dal resto degli esami non sembrava che io fossi anemica (pero non mangio mai carne ed ultimamente prendo Multucentrum, spero non possano far male troppi sali minerali o vitamine....)
Cosa potete consigliarmi alla base dei fatti sopradescritti?
Ultima cosa, sono in forte sovrappeso, 1.63 cm X 80 kili circa (vado su e giu facilmente di qualke kilo)
Vi ringrazio sentitamente se potrete darmi un consiglio non so piu cosa fare e vivo nel terrore che venga la notte... Sono troppe le cose che pososno provocare la tachicardia e non so piu in che direzione indagare, o comunque da cosa iniziare, potreste dirmi come dovrei procedere? mi sento davvero sperduta e sola...
Ringrazio ancora anticipatamente e Distintamente saluto
Diana

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
La tachicardia è un aumento dei battiti cardiaci avvertita come senso di fastidio, oppressione, fame d'aria ecc..; esistono vari tipi di tachicardia (atriale, sopraventricolare, flutter atriale, fibrillazione atriale,...)determinate da molteplici fattori (malattie congenite, anemia, scompenso cardiaco, ipertiroidismo, ernia jatale,...); l'unico modo per individuare una tachiaritmia è l'ECG Holter 24 ore. Successivamente le consiglio di ripetere gli esami del sangue (emocromo, transferrina, ferritina, sideremia, Na, K, Mg, Cl, azotemia, creatinina, glicemia, enzimi epatici, FT3, FT4, TSH, colesterolo, trigliceridi, HDL, LDL) e una visita da un medico specialista in cardiologia.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
Salve la ringrazio moltissimo mi attivero immedatamente da domani per iniziare gli esami poi magari riportero qui i risultati.
Grazie di cuore!!!
Diana
Ps. chiedo scusa per gli errori ortografici ma non trovo modo di fare gli accenti ho un PC un po strano...

DIMENTICAVO, dagli es. del sangue fatti a febbraio e ripetuti a fine maggio avevo sempre tutto OK sia colesterolo e trigl., che glicemia, emocromo, e gli ormoni tiroidei, solo gli esami di transaminasi li ho fatti a febbraio ed erano molto molto bassi... ripeto comunque tutto assieme al resto? Piu o meno quando, in base ai risultati dell-holter e visita cardiologica? GRAZIE. Grazie ancora del suo prezioso aiuto !! Buona domenica
[#3] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
Kiedo scusa.. stavo pensando: ha un qualke valore il fatto ke se non dormo non mi succede nulla, ossia se vado a letto verso le 2 di notte? Se fosse un problema cardiologico non dovrebbe verificarsi anche di giorno o comunque anche andando a letto tardi?
Questa strana coincidenza delle 2 di notte mi fa pensare ad una cosa che riguarda la digestione anche perche se mangio meno cio non accade... Le mie ipotesi sono assurde? Grazie ancora!!!
[#4] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile signora, le sue ipotesi non sono affatto assurde!
Il problema è che spesso noi (medici e pazienti) siamo abituati a sparare una batteria di esami, in tutte le direzioni, più per ESCLUDERE una diagnosi che per CONFERMARLA. Basterebbe infatti prima di tutto una non superficiale raccolta dell'anamnesi (nel suo caso: ha mai provato a contare effettivamente quanti battiti al minuto raggiunge durante le "crisi"? cosa intende per "crisi" forte o meno forte? gli episodi cominciano e cessano bruscamente o poco a poco? al termine delle "crisi" sente il bisogno di urinare più frequentemente del solito? fuma? abusa di alcoolici, caffè, altre sostanze potenzialmente eccitanti? avverte sensazione di gonfiore addominale? ecc.ecc.) per indirizzarci verso un sospetto diagnostico che possa essere almeno verosimile, e quindi confermato dagli esami, non necessariamente di pertinenza cardiologica che andremo a richiedere in un secondo momento, a ragion veduta.
Si sottoponga quindi con fiducia ad una visita cardiologica, ed il collega procederà per il meglio, forse anche affidandola ad uno specialista di altra branca.
Coraggio, comunque: spesso ciò che i pazienti chiamano "tachicardia" non è altro che cardiopalmo, cioè la sensazione -sgradevole- della NORMALE attività cardiaca.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
GENT.MO DOTT. FEDI
la ringrazio per la Sua risposta, cerco di rispondere sperando che magari ritorni alla mia domanda :)Sono davvero triste e terrorizzata, tempo fa mi ero tranquillizzata perche vedevo che gli attacchi non erano tremendi, ma stanotte mi ha molto preoccupata...
Devo dire anche che quest-estate stavo bene poi 2 settimane fa mi e capitato che mio marito si sia svegliato di soprassalto facendo un colpo di tosse ed io mi sono svegliata prendendo paura e da li mi e iniziata la tachicardia! Cosi pensai dipendesse da questo, ma poi ne ho avute altre due , la peggiore appunto stanotte.
Inoltre tempo fa (1 mese circa) mio marito e stato male ed io ho passato notti insonni preoccupandomi per lui e per me perche aveva una malattia contagiosa e pensavo di prenderla, essendo io una ansiosa e ipocondriaca l-ho vissuta malissimo...
In quei giorni avevo problemi di respiro, altra cosa che mi capita a periodi e non so se potrebbero essere correlati ad una eventuale patologia cardiaca, lo strano pero- che mi sono passati e poi mi sono ritornate le tachicardia! In pratica mi sentivo mancanza di respiro, come un peso sul petto, e dovevo respirare a fondo , spesso senza successo...
Questo problema l-ho gia avuto anni fa... Tornando al punto di ieri, della tachicardia,
descrivere cosa succede e un po difficile ma ci provo, in pratica mi sveglio e mi sento debole e il cuore batte piu velocemente allora capisco che sta per succedere e subito dopo il cuore batte sempre piu veloce sempre di piu, alle volte non esagera, altre pero come stanotte si perche mi pareva che stessi davvero per avere un infarto, se dovessi dire quanti battiti erano non saprei perche sono talmente debole che non riesco a fare nulla in quei minuti, forse se dovessi sparare un numero direi 180, circa fra i 150 e i 200 dubito di piu. So che corrono velocissimi, difficile dire. STanotte poi a differenza delle altre 10-15 volte (in un anno) ho avuto anche formicolio alle mani, quindi ne deduco che sia stato piu forte l-attacco (idea mia..non so) comunque la durata e relativa ma in genere circa 10 minuti poi scendono pian piano... e mentre rallenta il battito iniziano i tremori a volte normali altre come stanotte forti, come delle scosse, braccia gambe e un po anche in viso, ma non ho freddo, tremo e basta.
Del resto non fumo, non bevo ne caffe ne alcolici, riguardo al bisogno di urinare dopo l-attacco mi e capitato si, in effetti, ma non sempre, se non ricordo male... GOnfiore addominale sempre ma quello credevo fosse per via dell-intestino irritabile.
Ringraziandola nuovamente la saluto cordialmente sperando che magari ritorni alla mia domanda... grazie!! Ringrazio anche il Dottor Bardi che mi ha risposto la prima volta e spero che magari possa aggiungere qualcosa semmai tornasse al mio consulto.. Grazie ancora
Diana
[#6] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
URGENTISSIMO!!!!!!!!
chiedo scusa... stanotte ho cercato di analizzare quello ke succedeva: in pratica mi sveglio intontita e debolissima e (questo l-ho notato dopo) con la respirazione superficiale, ossia sembra che io respiri pochissimo e non ne senta nemmeno il bisogno, ecco perche sono debole forse, poi mi accorgo che il cuore inizia a battere sempre piu velocemente, ma stavolta ho voluto sedermi sul letto e fare io dei respiri controllati, ossia non automatici ma proprio indotti, non so come spiegare, un po come quando una persona sta male e gli si dice ”stai calmo e respira profondamente...”, io non respiravo profondamente ma comunque controllavo il respiro e in breve i battiti sono diminuiti di frequenza. Questo e successo alle 3 perche sono stata sveglia fino alle 2 per evitare l-ora fatidica...
Ora sono ancora piu confusa perche sembra che dipenda dalla mancanza di ossigeno, come se dormendo respirassi troppo poco e quindi mi svegliassi e siccome intontita non riprendo a respirare e quindi da li si scatenasse la tachicardia per mancanza di ossigeno. E possibile o non esiste una cosa simile?
Dvo aggiungere che ho gia avuto diagnosi anni fa di ASMA BRONCHIALE allergica e non mi sono curata, per questo a periodi doffro di asma ossia mancanza di respiro, ma di giorno mi regolo da sola, e mi passa, di notte invece... non mi e possibile...
uesti giorni mi sento piena di catarro sia nei bronchi che nella gola e ogni notte, da anni, mi si chiuda una narice. Penso che tutto cio non aiuti...
A questo punto pero da chi andare a parte un cardiologo?
Pneumologo? oppure?
CHiedo scusa ma davvero non so cosa fare sono piu spiazzata di prima!
Al mio medico chiedero nel pomeriggio ma non credo sapra aiutarmi lui tende a dire che sono solo nervosa e prendere valeriana o andare da un psicologo... non so se tutto cio che ho spiegato puo essere solo un fattore ansioso, mi fa strano.
RINGRAZIO NUOVAMENTE tutti i medici che potranno ancora un-ultima volta darmi un consiglio.
GRAZIE distinti saluti
Diana
[#7] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
...potrei essere affetta da questa sindrome di ipoventilazione centrale? oppure si puo solo nascere con questa patologia?
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=33937
comunque credo trattasi di ernia iatale, tutto me lo fa pensare, mi sono informata in rete e moltissimi sintomi combaciano, cosa mi consigliate? grazie 1000 ancora
[#8] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
SALVE
CHIEDO SCUSA se sono gia 4 messaggi ke posto, volevo solo dire che ho parlato al tel. con il mio medico di base che continua a dire che è sicuramente una cosa nervosa, cosa posso fare? faccio gli esami in privato? lo chiedo perche purtroppo non sono molto ricca e quindi non saprei cosa fare , spero di riuscire a fare tutto...
aspetto un ultimissimo consiglio
[#9] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno
vorrei descrivere i sintomi delle due notti passate:
mi sveglio, alle circa e mi sento debolissima, il cuore va piu veloce ma non ho tachicardia, cerco di respirare in modo regolare per evitarlo (ammesso che cio serva, forse non verrebbe tachic. comunque, non lo so..) e dopo poco passa. Pero mi sento debolissima tanto che se mi alzo dal letto per andare in bagno, ad esempio, barcollo. Devo dire che mangio poco a causa dell-enia iatale che credo di avere e che in effetti mi da meno problemi da quando mangio meno e non ceno!
A questo punto non so, aspetto quando ci sara qualcuno online un Vostro parere io nel frattempo inizio qualche esame cardiologico e del sangue e una radiografia per l-ernia iatale.
Ringrazio e saluto cordialmente
Diana
[#10] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile Signora Diana, Le confermo il consiglio di non sparare esami a raffica ("qualche" esame cardiologico???) ma sottoporsi ad una semplice visita specialistica cardiologica, praticando POI gli eventuali esami che il collega Le prescriverà.
Quel che è certo è che Lei dimostra un' ansia notevole, per cui sarebbe opportuna una valutazione anche in tal senso.
Cordiali saluti
[#11] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
ok:) LA RINGRAZIO , LEI ha perfettamente ragione... chiedo scusa se ho inviato tanti messaggi, in effetti sono proprio in ansia questo ultimo periodo, troppi pensieri e problemi... Domani vado a fare la visita e ripeto l'elettrocardiogramma anche se forse era meglio l'ECOcard. oppure l'Holter ma vedro' appunto cosa dire il Medico.
GRAZIE 1000 ancora!
Saluto cordialmente
Diana
[#12] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
AIUTOOO !!!
stamatina non mi posso muovere da casa ke mi prende panico e inizia tachicardia, anche solo se mi alzo dal divano gia i battiti salgono..
mio Dio non so piu cosa pensare tutti mi dicono che sono attacchi di panico, ma non puo essere il cuore a questo punto? e normale che faccia cosi? non posso nemmeno andare dal medico.....
sono disperata....
[#13] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Non si disperi, cara Diana, e provveda a sottoporsi a consulenza psichiatrica perchè mi sembra che il Suo problema stia ingigantendosi.
In bocca al lupo
[#14] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno
la ringrazio.....
ho la pressione bassa credo, 125 - 65, ho appuntamento lunedi con uno psichiatra anche se ora cerchero di capire il perchè di questa pressione un po bassina, forse l'anemia spiegherebbe la respirazione difficile e senso di svenimento ke ho a volte, la pressione relativamente bassa e la tachicardia...
Vi terro' informati anche a livello cardiologico, domani vado a fare una visita.
GRAZIE !!!!!!!!
diana
[#15] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
chiedo ulteriormente scusa per i miei continui messaggi volevo solo aggiungere che sono stata da un medico (non specializzato, una dott.ssa conoscenza di famiglia) che mi ha fatto un ECG (e” una clinica dove lavora lei) ed era perfetto, mi ascoltato in tutto, ha analizzato la situazione ed e SICURA al 100% che io sia anemica, al di la dei problemi ansiosi. Ho detto anche cose che qui, per dimenticanza, ho omesso, forse per questo e arrivata a questa conclusione... Gli esami del sangue fatti a febbraio evidenziavano una lieve anemia secondo il mio medico di famiglia (ora nn ricordo i risultati, so che l-emoglobina era a 11.5 e anche altri valori erano sotto i limiti seppur di poco) poi ho assunto un po di ferro ed a maggio avevo i valori giusti (emoglobina 12.4, tutto bene ma la ferritina solo 11!! purtroppo pero il medico non mi prescrisse sideremia ne transferritina...)
Cosa ne pensate, prendo gli integratori prescrittimi o faccio magari un esame del sangue prima? Premesso che mi fido di questa dottoressa ma chiedo a voi visto e considerato che mi sono rivolta prima a voi e cambiare cosi indirizzo terapeutico mi sembra un po scorretto, nel senso che non vorrei prima chiedere consigli poi non ascoltari e fare altrimenti, e magari sbagliare... Rimane invariato il discorso psichiatrico anche se questa dottoressa l-ha sottovalutato ma non mi conosce bene evidentemente, qui credo si sia capito che sono alquanto stressata....
GRAZIE di tutto nuovamente.
Distinti saluti, Diana
[#16] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Si affidi con fiducia alla collega, segua i suoi consigli, faccia quanto Le viene consigliato -senza voler subito cercare un'alternativa!- e soprattutto non dimentichi il Suo appuntamento di lunedì con lo psichiatra.
Saluti
[#17] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
:) BUONGIORNO DOTTO. FEDI LA RINGRAZIO, MI HA AIUTATA MOLTO QUESTI GIORNI ANCHE PSICOLOGICAMENTE... LE SONO DAVVERO RICONOSCENTE...
PECCATO CHE STIAMO COSI LONTANI O SAREI VENUTA DI PERSONA (ALMENO) A RINGRAZIARLA!
LA SALUTO CORDIALMENTE
DIANA
[#18] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
...ULTIMO AGGIORNAMENTO:
Ho chiamato il medico psic. e sono riuscita ad andare oggi.
mi ha prescritto un medicinale (non scrivo il nome so che non si dovrebbe) con principio attivo SERTRALINA, secondo voi va bene?
Mi ha detto di vedere se mi crea orticaria visto che io sono portata ad averla , e possibile secondo voi e possibile?
Adesso ho avvertito un giramento di testa puo essere la pressione, o troppa valeriana che ho preso fino ad oggi, o sara- un caso..?
CHiedo scusa se ho scritto qui e non alla branchia giusta ma ho voluto comunque aggiungere questa novita! SAluto cordialmente e ringrazio !!!
Diana
[#19] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Non c'è motivo di ritenere che il farmaco che Le ha prescritto il collega -dopo averLa visitata di persona!- "non vada bene". Per quanto riguarda il problema dell'orticaria, è buona norma avvertire i pazienti che riferiscono di aver sofferto di tali episodi di controllarsi ad ogni somministrazione di farmaci mai assunti in precedenza.
Saluti
[#20] dopo  
Utente 100XXX

Iscritto dal 2006
OK la ringrazio ancora, LEi e davvero troppo gentile umano oltre che professionalemnte preparato, s-intende, comunque la ringrazio soprattutto a livello umano... Grazie!
Diana