Utente 378XXX
Gentili dottori vi scrivo perchè la mia storia inizia il 19 Aprile 2015 quando insieme a due amici abbiamo ricevuto del sesso orale non protetto, a pagamento da una prostituta ( cosa capitata una sola volta nella mia vita e che rappresenta anche il mio unico rapporto a rischio ).
Dopo due giorni il mio urologo mi diagnostica una epididimite essendo io soggetto anche a prostatiti comincio a preoccuparmi anche se lui mi rassicura dicendomi che al più avrei potuto prendere un HPV o un 'herpes.
Curo l'epididimite e siccome l'ansia saliva e i sintomi aumentavano decisi dopo 90 giorni di fare un test in un laboratorio privato. Il test recava la seguente dicitura HIV I II metodo EIA NEGATIVO 0,10. Insieme feci anche un emocromo completo e tutti gli esami generali e risultarono tutti nella norma con nessun valore alterato.
Da allora stavo meglio ed erano passati tutti i sintomi poi dopo 4 mesi comincio ad avere un dolore alla schiena, sotto la scapola destra e poi in tutta la schiena che ogni tanto continuano ancora oggi. Dopo tre settimane di ritorno dal mare mi si spellano gli stinchi cosa che mi allarma ma che accade anche alla mia ragazza. Riprendono i dolori sotto le ascelle e cominciamo dei dolori sotto le piante dei piedi e dietro le gambe.
Mi reco dal mio medico che ricontrolla le mie analisi fatte a 3 mesi dal rapporto a rischio e dice di stare tranquillo perchè secondo lui tutto è dovuto ai muscoli della schiena che sono infiammati. Passano due giorni e noto mentre sto parlando con degli amici un abbassamento della voce e poi ad oggi un dolore sotto la gola sul lato sinistro. Noto anche un leggero gonfiore non so se provocato dal mio toccare continuamente.
Ovviamente immaginerete le mie paure visto i dolori anche sotto le braccia, all'inguine ecc... C'è da dire che mi tocco anche spesso quei punti.
Oggi invece ho i palmi delle mani leggermente secchi ed è come se stessi cambiando pelle. Vorrei sapere cosa ne pensate voi se come dice il mio medico devo stare tranquillo o no. In tutto ció i miei amici stanno benissimo...
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve
È innegabile una componente ansiosa.
Se ha fatto il test HIV a novanta giorni questo va considerato definitivo e quindi lei non è HIV positivo.
In quanto alla epididimite vedo che è seguito da un eccellente urologo, che le da i consigli giusti sulla prevenzione delle MST. Quindi vi si affidi.
La sintomatologia dermatologica va vutata de visu, compreso lo "spellamento" del palmo della mano bilaterale.
Ad ogni buon conto, se il suo urologo o il suo curante sono d'accordo, e non li ha eseguiti, faccia i test per la Sifilide (VDRL eTPHA).
Cordialità,
Caldarola
[#2] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Grazie dottore, sono consapevole di essere molto ansioso. Oggi sono stato dal mio medico che ha detto che il mio dolore alla gola è dovuto ad una infezione alla stessa. Gli ho riparlato dei miei dolori e mi ha controllato i linfonodi ma non ha riscontrato nulla di anomalo. Non sa il sollievo... Cercheró di essere meno ansioso e se sarà il caso faró di nuovo le analisi comprese quelle da lei consigliatomi.
La ringrazio, un saluto.
[#3] dopo  
Utente 378XXX

Iscritto dal 2015
Dottore sono ancora qui a scrivere perchè ho una forte faringite che sto trattando con abtibiotico Macladin anche se i miglioramenti sono pochi e tra l' altro si è aggiunto un dolore all'orecchio. Le chiedo il test che mi è stato fatto è attendibile? Se non fosse di terza generazione visto che è stato fatto in un laboratorio privato? Ammetto che ormai sono in panico. Il mio medico non ha trovato linfonodi ingrossati e mi ha detto che sono le fasce muscolari che partono dalla gola che sono infiammate a causa dell' infezione. Secondo lei devo rifare il test?
[#4] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Salve,
Verosimilmente di tratta di una faringotonsillite virale che ha da fare il suo corso.
Le ribadisco che sulla base del test lei NON è sieropositivo, e questi non sono sintomi di una sieroconversione tardiva o di AIDS conclamata.
Lei è affetto da un disturbo ossessivo - fobico che deve curare.
Vuole rifare il test? E chi le dice che non sbaglino anche questo?
Saluti,
Caldarola.