Utente 397XXX
Ciao a tutti, cerchero' di essere il piu breve possibile nel raccontarvi la mia storia.

Sono passati due mesi da quando mi sono operato in day ospital al frenulo. Premetto che non avevo un frenulo corto ma decisi di operarmi perche’ un paio di volte durante il rapporto si era lacerato e mi sanguinava fastidiosamente.
Fin dal decimo giorno ho capito che qualcosa era andato storto, vi racconto perche’:
Il medico mi aveva cosigliato i prodotti che avrei dovuto usare, dal sapone neutro a un mercuro cromo di ultima generazione efficace sul tipo di pelle in questione. Ho comprato tutto. I primi giorni riuscivo a malapena a tirar fuori il glande per metterci il mercuro, mentre per il sapone era impossibile poiche’ il dolore era atroce. Poi col tempo ce l’ho fatta.
Dopo venti giorni sono tornato dal medico, avevo ancora I punti (a lei/lui non sembrava possibile), ha preso una pinzetta e ha iniziato a togliemeli, ne avevo all’incirca 6 (forse troppi?), I primi tre via facilmente, gli altri non ve lo dico neanche, grida e lacrime, (sento ancora il dolore se ci penso) ha desistito, mi ha riempito di campioni omaggio di creme che avrei dovuto spalmare e massaggiare sui punti al fine di farli cadere con i lavaggi.
Venti giorni dopo I punti erano ancora la, facevano malissimo solo sfiorandoli, facevano parte del mio pene ormai, non ce la facevo piu, mi sono messo un preservativo e ho fatto sesso. Alla fine del rapporto I punti non c erano piu, miracolo? Magari, era l inizio dell’incubo.
Da quell giorno ho potuto “aprire” tutto e capire cosa c’era che non andava: praticamente e’ come se il frenulo non sia mai stato reciso, anzi, si e’ cicatrizzato su uno spazio piu largo dell’ex frenulo e ora ho serie, serissime difficolta’ in tutto, dalla pulizia al rapporto sessuale in se. Anzi, e’ come se avessi quel frenulo corto che prima non avevo, e il pene, in erezione o no, quando e se scoperto, mi si piega come un dito!!! Ho anche dovuto comprare uno di quei gel lubrificanti per permettere una penetrazione che neanche con la vagina naturalmente lubrificata mi e’ possibile. Pazzesco. Terribile. Deprimente.
Oggi continuo ad usare quelle cremine omaggio nella speranza che la pelle molli la presa. Sono disperato, mi sono operato per migliorare le cose e mi trovo ad avere blocchi sia fisici che mentali ovviamente, perche’ ho 28 anni e un rapporto occasionale per esempio mi e’ impossibile a meno che non me ne vada girando con gel lubrificanti in tasca.
Che faccio? Mi opero di nuovo? Continuo con la cremina (enfaderm crema,della Pergam)? Ci sono gli estremi per una qualche azione nei confronti di un medico che si e’ rivelato non all’altezza? Anche se il mio interesse e’ star bene, non voglio un euro. Non vorrei che la mia vita sessuale finisse prima del tempo.

Grazie mille per l’attezione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
nulla di pazzesco ma tutto possibile. Vi sono persone, che per corredo genetico sviluppano cicatrici abnormi, soprattutto quando vi è una lacerazione cutaneaa. Il che può costringere a reintervenire. Nulla di che.
[#2] dopo  
Utente 397XXX

Iscritto dal 2015
Grazie della celere risposta dottore.
Spero allora di riuscire a risolvere il problema con una seconda operazione, sperando che la trafila sia meno lunga e piu positiva della prima.
nel ringraziarla ancora, le auguro una buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
vedrà che swi sistema tutto.