Utente 284XXX
Buongiorno,

Mia moglie (45 anni) da due mesi circa presenta una escrescenza carnosa (perdonate la mia descrizione sicuramente non medica) dentro l''ombelico dalle dimensioni di un fagiolo che a distanza di giorni si riempie di sangue per poi rilasciarlo esternamente attraverso un piccolo foro posto all''estremità della stessa. I cicli di sanguinamento, dalla comparsa di questa "neoformazione", si ripetono a distanza di circa 7/10 gg. Dietro suggerimento del medico di base siamo andati in ospedale per un consulto con il chirurgo di reparto il quale, senza l''aiuto di esami diagnostici quale poteva essere una banalissima ecografia, ha dato la sua diagnosi di "ernia ombelicale" e quindi, con il nostro consenso, ha predisposto il giorno dell''intervento lo scorso mercoledì ma poco prima di somministrare l''anestesia, dopo consulto con altri suoi colleghi, ha sospeso l''intervento per la dubbiosa diagnosi di ernia ombelicale e si è limitato alla sola rimozione, in anestesia locale, della neoformazione e quindi procedere all''esame istologico per capirne la natura. Lo stesso medico riferisce di avvertire una massa retro ombelicale sicuramente collegata con quanto fuoriesce dall''ombelico ed è stata questa la ragione della sua errata diagnosi di ernia ombelicale. Indiscutibile il trattamento poco umanitario avuto in ospedale e la nostra preoccupazione nel vedere e sentire i medici contrastanti tra di loro, commenti e polemiche e che avrebbero dovuto fare in totale privacy e non in presenza del paziente e famigliari. Ovviamente, in attesa dell''esame istologico, stiamo valutando altri percorsi tra cui il consulto di Voi medici.

Nel ringraziare anticipatamente porgo distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la cicatrice ombelicale può essere sede di cisti che si formano da residui epiteliali del dotto onfalomesenterico. Queste cisti possono restare silenti per molto tempo per poi manifestarsi con i sintomi di una flogosi sopraggiunta, fino alla suppurazione.
Altre possibilità sono rappresentate da una semplice dermatite, dall'idrosadenite o dalle fistole enteroombelicali o dell'uraco.
Esiste infine la possibilità di una endometriosi, rappresentando l'ombelico una delle possibili sedi di questa affezione determinata dalla localizzazione anomala di tessuto endometriale.
L'incertezza della diagnosi è pertanto comprensibile e va affidata all'esito dell'esame istologico. Non sempre l'ecografia è indicata e dirimente in questi casi.
Meno condivisibile il comportamento dei "colleghi", che fortunatamente rappresentano una esigua minoranza della categoria dei Chirurghi.

[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Egregio Dr Piscitelli,

La ringrazio per il suo celere riscontro.

ieri mia moglie ha eseguito una ecografia all'addome con particolare attenzione alle pareti addominali. Nulla riscontrato e tutto nella norma. Adesso attendiamo l'esito dell'esame istologico e quindi il consulto con il chirurgo che attualmente la segue

Grazie e cordiali saluti