Utente 380XXX
Salve, vi contatto per ulteriori chiarimenti e informazioni sul mio problema in quanto sono già stata visitata da diversi vostri colleghi e vorrei avere più pareri.
Non ho una vita sessuale particolarmente attiva perchè purtroppo provo dolore durante la penetrazione e capita spesso che dopo il rapporto si presenti la cistite.
Per curare la cistite mi hanno dato il Bactrim, che funziona sempre ma volendo approfondire il mio problema ho fatto diverse analisi (recenti, risalgono a giugno) come tampone vaginale, esami urine e urinocoltura. Tutto negativo tranne questo:

Esame batterioscopico: bastoncelli gram positivi su sfondo essudativo
Esame colturale: 1° isolamento: candida albicans (carica: +)

Se non avessi fatto questo esame non avrei mai pensato di avere la candida perchè non ho alcun sintomo tipico come pruriti o bruciori. Per curare la candida ho usato il gynocanesten ma non ho mai capito se effettivamente mi è passata perchè come ho detto prima, non ho sintomi.

Oltre a questo mi hanno detto che è possibile che abbia la "vulvodinia" e di usare creme come luan durante i rapporti o saginil gel. Ci ho provato ma non mi sono trovata bene. Il fatto strano è che io normalmente sto benissimo: non ho bruciori, non ho pruriti, ciclo regolare, perdite sulla norma (presumo), ma ogni volta che ho un rapporto non passa neanche un giorno e si presenta la cistite.

L' ultima volta che mi si è presentata la cistite (5 giorni fa) è stata dolorosa ma senza bruciori durante la minzione. Ho cercato di resistere per evitare di prendere l' antibiotico, per questo motivo ho assunto moment come antidolorifico (però avevo assunto anche nei giorni precedenti medicine come aspirina e tachifludec perchè avevo un po' di influenza), ma alla fine l' ho preso per 1 giorno e mezzo, perchè oltre alla cistite mi è venuto un forte dolore ai reni che si è un po' attenuato ma è ancora presente e ho pensato fosse collegato. Normalmente NON mai male ai reni.

Premetto che ho delle cattive abitudini alimentari (mangio parecchi dolci, bevo bevande zuccherate ma NON alcol). Mi chiedo se il dolore ai reni è collegato alla cistite oppure se può essere perchè ho esagerato con medicinali diversi in un breve arco di tempo, ho anche fatto l' errore di bere un po' di redbull mentre stavo male cosa che so che non avrei dovuto fare e infatti dopo ho pagato le conseguenze.

Oggi sono stata dal medico di base il quale mi ha detto di fare ecografia ai reni, urinocoltura/esami urine e mi ha dato cistalgan per cistite/dolore reni e sporanox per la candida (senza sapere effettivamente se ce l' ho in questo momento o no visto che dovrei fare un altro tampone). Non sto prendendo questi farmaci perchè ho paura di aggravare la situazione.

In conclusione:
1. Se ho la candida perchè non ho sintomi?
2. Il dolore ai reni a cosa potrebbe essere collegato?
3. Cosa devo fare per stare bene e vivermi una vita sessuale decente?


Per chiarimenti sono qua
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto è importante accertarsi che si tratti di una infezione delle vie urinarie con una URINOCOLTURA.
se confermata parliamo di una CISTITE post-coitale , in questi casi si consiglia sempre urinare sempre prima e sopratutto dopo il rapporto , tenere sotto controllo l'ambiente vaginale e quindi fare attenzione ai rapporti nei periodi in cui siano presenti disturbi che possano far sospettare una vaginite; evitare l'uso di creme spermicide che alterano la flora vaginale . Inoltre si potrà ricorrere ad una profilassi post-coitale con antibiotici nei casi in cui il rapporto vaginale sia stato individuato come IL PIU' IMPORTANTE FATTORE SCATENANTE ,La somministrazione post-coito di un antibatterico , in dose unica e a posologia ridotta , si è dimostrata utile per la riduzione delle recidive.
2. si continua a confondere la presenza della Candida (fa parte della flora saprofitica ) con l'INFEZIONE DA CANDIDA con tutta la sua sintomatologia acuta ; infatti trova nel tampone una carica con un solo + e non con tre più.
Il dolore renale potrebbe essere legato alla scarsa introduzione di liquidi, o ad una familiarità per calcolosi (?)
Usando queste precauzioni (non usando il luan, un anestetico non risolve i problemi li nasconde) penso potrà vivere una sessualità tranquilla.,
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per la sua risposta,
è confortante per me aver trovato un dottore che ha capito bene il mio problema.
Ora le scriverò giusto dei chiarimenti, a breve ho comunque una visita ginecologica con ecografia transvaginale per fare degli accertamenti.

Gli esami delle urine e urinocoltura più recenti (che risalgono sempre a giugno in seguito a un altro episodio di cistite post rapporto) erano tutti negativi.
Come già scritto sopra, l' unica cosa che ha fatto preoccupare la mia dottoressa è stata questa: Esame colturale: 1° isolamento: candida albicans (carica: +) però se lei mi dice che è spesso confusa la presenza con l' infezione non mi preoccupo anche perchè come già detto normalmente non ho bruciori/pruriti.

Dopo il rapporto e gli esami tampone/urine di giugno non ho più avuto rapporti e di conseguenza nessuna cistite o bruciori/pruriti. Il problema si è ripresentato lo scorso mese con un altro rapporto, ci tengo a sottolinerare: PROTETTO (i rapporti sono sempre stati protetti). Escludo una eventuale allergia al preservativo poichè da altri esami per allergie ha avuto esito negativo.
A questo punto credo che il rapporto vaginale sia davvero il PIU' IMPORTANTE FATTORE SCATENANTE, in quanto io provo dolore anche nel mentre e provo dolore anche durante la masturbazione: in pratica provo dolore SEMPRE e cistite quasi sicura dopo. Ovviamente noto anche un arrossamento dopo i rapporti e durante i 2-3 giorni dopo il rapporto quando si presenta la cistite noto delle perdite biancastre/gialle che mi vengono più spesso e più consistenti (cosa che normalmente non ho o che ho solamente a volte presumo durante l' ovulazione).

Per quanto riguarda il dolore renale ho fatto l' ecografia all' addome che non ha presentato calcoli o altre patologie e nessun problema alla vescica quindi mi hanno consigliato di fare l' ecografia transvaginale.

Oltre all' antibatterico post coito, mi consiglia di utilizzare un lubrificante? vorrei qualcosa di specifico per il problema e non le solite cose commerciali.

Inoltre come faccio a capire quando potrei avere vaginismo o vulvodinia se normalmente sto bene e i problemi mi si presentano solo post coito e dopo circa 2-5 giorni tutto ritorna alla norma?

Mi consiglia di ripetere di nuovo esami delle urine/urinocoltura/tampone vaginale anche se i sintomi sono sempre gli stessi e nell' arco di tempo giugno-dicembre non ho avuto rapporti?

Grazie ancora per l' attenzione,
le scriverò ancora dopo la visita.
[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un gel vaginale idratante, che rispetti la flora vaginale sicuramente potrebbe essere utile.
La vulvodinia potrà essere esclusa solo dal Collega che la visiterà.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la risposta,
proprio oggi ho fatto la visita con un' altra dottoressa che come lei ha detto che non ho l' infezione da candida altrimenti avrei tutti gli altri sintomi.

Mi ha prescritto le seguenti cose per la cistite post-coitale:

Elageno A come lubrificante
Echigin lavanda vaginale per delle secrezioni

Acidif Plus: da prendere subito dopo ogni rapporto per 10 giorni per evitare che mi si presenti la cistite, e ovviamente mi ha detto di bere moltissimo sempre subito dopo il rapporto.

Per il resto tutto nella norma, ha escluso la vulvodinia e mi ha fatto notare che sono molto tesa (cerco di rilassarmi ma non ci riesco mai totalmente).

Che ne pensa? mi basterà l' Acidif?
proverò a seguire questa cura al più presto.

Ancora grazie per la sua attenzione,
attendo risposta.
[#5] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Salve dottore,
le scrivo nuovamente per confermare che questa cura ha funzionato.
Non si è presentata la cistite ma purtroppo provo ancora molto dolore durante il rapporto (spesso più dolore che piacere).

Come mi era stato consigliato dalla dottoressa subito dopo ho urinato e ho notato che oltre ad aver "perso" tutto il lubrificante usato, assieme vi era anche un coagulo di sangue. Non era molto e non mi era mai successo prima. Non può essere mestruazione perchè manca ancora del tempo per l' arrivo del ciclo. Non mi sono allarmata più di tanto... lei che cosa può dirmi al riguardo?

Inoltre, secondo lei posso assumere l' acidif e i fermenti lattici in contemporanea?

attendo risposta,
grazie mille!
[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se con la cura non ha avuto problemi , bene così.
Non mi ha detto se usa o no la pillola.
SALUTI
[#7] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Buonasera,

No non uso e non ho mai usato la pillola.
Mi è successo di nuovo di recente di aver trovato del sangue post-rapporto.
Che mi può dire al riguardo?
Durante la visita non mi è stato trovato niente riconducibile a questo fatto...

attendo la sua risposta,
Grazie