Utente 110XXX
Buonasera. Essendo allergica agli acari della polvere assumo tutti i giorni claritin compresse da 10 mg. Lo assumo da anni ormai quasi ininterrottamente. Adesso però lo prendo poche volte al mese. Comunque, è un'anno e mezzo che ho improvvisi attacchi di tachicardia che durano, il picco 10/20 minuti per poi tornare nella norma entro un ora. I battiti arrivano anche a 160. Ho letto negli effetti collaterali del Claritin c'è la tachicardia. Possibile che le mie tachicardie possano essere attribuite al farmaco. Per esempio tra domenica e lunedì notte ho avuto battiti a 160 e al mattino avevo assunto claritin. Non è che averlo assunto per molto tempo mi abbia danneggiato il cuore? Comunque prima del 2014 non avevo mai avuto problemi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Per dire che le sue tachicardie sono legate al Claritin bisognrebbe valutare se si verificano solo (o molto più frequentemente) quando lo assume e mai (o raramente) se non lo assume. Questo lo può sapere solo lei, non certo noi consulenti via WEB.
Però in passato lei ha posto più volte lo stesso problema e allora lo metetva in relazione a problemi digestivi.
Le è stato consigliato di fare una terapia per il reflusso esofageo, che non mi risulat abbia fatto.
Le è stato consigliato anche di curare la sua ansia, visto che -se non sbaglio- durante la tachicardia è stato registrato un ritmo sinusale.

Dunque: lei scrive qui i suoi quesiti per il gusto di sfogarsi ma dei nostri pareri e consigl non vuole tener conto, o intende risolvere il problema con il nostro aiuto?
Nel secondo caso, si rilegga un po' tutte le risposte che ha avuto da me e dai miei colleghi e provi ad agire di conseguenza.
[#2] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Buongiorno dottoressa. Non è vero che non prendo atto dei vostri consigli. Ho effettuato visita cardiologica a giugno, il gaviscon ho iniziato a prenderlo ma mi porta flattuenza e mal di pancia quindi l'ho interrotto.Per la mia ansia vorrei farmi aiutare da un psicologo ma purtroppo ho un marito che non se ne frega della mia salute soprattutto di quella mentale. Quindi di conseguenza mi rivolgo a voi perché non so che fare. Comunque la ringrazio per la sua risposta e le auguro buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Guardi che non esiste solo il Gaviscon!

E per andare da uno psicologo (meglio uno psicoterapeuta) non ha bisogno dle permesso di suo marito.

Azzardo un' ipotesi: lei inconsciamente somatizza disturbi da niente per attirare l' attenzione di suo marito Sta male psicologicamente e -siccome lui "se ne frega" cerca una malattia organica che spera venga presa più seriamente. Ma non possiamo aiutarla noi a risolvere i problemi con suo marito. Nè possiamo assecondare il suo desiderio di avere qualcosa.

Provi a rivolgersi alla sezione psicologia!
[#4] dopo  
Utente 110XXX

Iscritto dal 2009
Grazie ancora per la sua risposta....e credo che abbia centrato il problema!