Utente 402XXX
Gentilissimi dottori,
soffro di rinite allergica stagionale fin da piccolissimo: da ormai 10 anni, d'accordo con la mia allergologa, mi curo con il medicinale Telfast 180 mg a base di fexofenadina. L'anno scorso, dopo nuovi test allergologici, la dottoressa mi ha consigliato di cambiare antistaminico poiché la fexofenadina è stata riconosciuta come causa di aritmie cardiache e di un altro problema sempre cardiaco che adesso non ricordo: purtroppo nessun altro antistaminico mi ha portato i benefici del suddetto Telfast e quindi, d'accordo con la specialista, sono tornato ad assumerne una pasticca a sera.
Vorrei sapere, prima di ricominciare a prenderlo, se ci sono davvero rischi di aritmie con questo principio attivo.
Grazie e buona giornata.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Un effetto collaterale di tutti gli antistaminici è rappresentato da un lieve aumento della frequenza cardiaca (tachicardia), evento peraltro abbastanza raro. Che io sappia, non è stato mai descritto un effetto proaritmico, cioè l' insorgenza di aritmie attribuibile con certezza all' assunzione di uno di questi farmaci.
Quindi, dopo aver sentito il Suo medico, riprenda pure il Telfast.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 402XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per la risposta, dottore.