Utente 349XXX
Gentili dottori
ho 33 anni e un bimbo di 16 mesi, ho sempre avuto un ciclo regolare e nessun problema ginecologico.
Da circa 9 mesi ho iniziato (dopo una ecografia di controllo risultata normale) l'assunzione della pillola Drosurelle, che non mi ha dato alcun effetto collaterale.
Ieri, durante un check up ginecologico, sorpresa: cisti in un ovaio di 28 mm!
Il ginecologo si è detto sorpreso, spiegandomi che solitamente queste cisti si curano attraverso la pillola, e non escono a seguito di sua assunzione, a meno che, a detta sua, questo tipo di pillola non sia 'adatto' a me.
Io ho quindi proposto di interrompere del tutto l'assunzione di anticoncezionale, ma lui mi ha suggerito, per i prossimi due mesi, di assumerne una diversa, per verificare l'andamento della cisti (secondo lui con questa nuova pillola potrebbe riassorbirsi spontaneamente).
Vi chiedo se è possibile che la Drosurelle mi abbia provocato l'insorgenza di questa cisti, se è corretto provare a curarla con una pillola diversa, e cosa succederà se questa terapia non dovesse funzionare: dovrei operarmi? potrebbe provocare problemi per un nuovo concepimento (specifico che il primo è avvenuto senza problemi)?
Grazie mille!
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile utente, la pillola (tutte le combinazioni) non genera cisti ovariche .
A volte si riscontrano in sede paraovarica delle vescichette denominata IDATIDE del MORGAGNI , residuo embrionale , che non risponde alla terapia estroprogestinica (pillola) .
Va tenuta sotto controllo , ma non costituisce una patologia.
SALUTI