Utente 754XXX
Salve,
mi sto documentando riguardo all'eritrofobia poichè ne soffro da 4 anni e con annessa abnorme sudorazione alle mani e nel viso.
Io non sono un ragazzo timido in quanto tengo discorsi in pubblico poichè me ne sono fatto una ragione.
Per questo scoprire che potenzialmente ci sia un disturbo "patologico" alla radice del rossore mi conforta e non poco.
Infatti non mi spiegavo da dove venisse questa timidezza constatato che sono abbastanza estroverso e ho una foccia "tosta".
La domanda pratica che volevo porre è se esiste una possibilità su mille di guarigione, e se l'intervento chirurgico per via toracica è una soluzione valida.
Ringrazando preventivamente per l'ascolto porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Gian Luca Natali
24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
per il disturbo descritto esistono diverse terapie l'ultima delle quali è la chirurgia che deve essere praticata solo dopo aver tentato e fallito con la psicologia e con la terapia farmacologica.
L'iperidrosi si tratta chirurgicamente con un'intervento videotoracoscopico di simpaticectomia ossia di interruzione della catena nervosa simpatica del torace.
Si esegue in anestesia generale da entrambi i lati in sedute operatorie distinte.
L'intervento ha successo in circa l'ottanta percento dei casi ma è costante la compensazione dell'organismo con l'aumento della sudorazione in altri distretti come le cosce, i glutei e la regione lombare.
In una minoranza di pazienti la sudorazione compensatoria può diventare più invalidante di quella trattata.


Cordiali Saluti