Utente 394XXX
Buongiorno Dottori,
sono un ragazzo di 29 anni,il mio problema riguarda un diradamento dei capelli e spesso avverto un leggero prurito sulla parte alta della testa, il mio medico di famiglia che per il momento mi ha visitato non ha notato segni particolari sulla cute che possono essere riconducibili a dermatiti ecc, e comunque da quello che mi ha spiegato, la caduta dei capelli, in particolare nel sesso maschile e' quasi sempre una questione genetica poi a peggiorarla sono appunto malattie della cute, stress, ecc.
a tal proposito chiedo un vostro parere, ovvero, se facendomi visitare da uno specialista potro' solo limitare i danni o in qualche modo vi e' possibilita di arrestare la caduta e meglio ancora favorirne un rinfoltimento?
infine se e' vero che col massaggiare il cuoio capelluto i capelli ne traggono benefici?
vi ringrazio infinitamente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz sono sicuro che se leggesse le nostre numerosissime news -blog postate su questo sito , sull'argomento, avrebbe tutte le informazioni richieste.
La risposta è che sicuramente si può fare molto per migliorare lo stato del capillizio, e spesso in maniere sorprendente.
Il massaggio ,non traumatico, non fa male.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio molto dottore, in realta' mi sono informato molto sull'argomento e di fatti ho sentito spesso parlare di farmarci in grado di fornire appunto risultati eccellenti, quali finasteride e minoxidil, ma se la caduta e' una questione genetica, quindi shampoo ecc non possono fare nulla, si puo solamente ricorrere tali farmarci, vale la pena assumerli e per periodi prolungati sono per una questione "estetica" e non un problema di "salute"?
grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Ormai modernamente lo stato di salute viene identificato come stato di benessere psicofisico , facendo ben intendere come si sia superato il concetto di supremazia della malattia organica grave nella identificazione di stato di malessere , sofferenza e perdita di integrità.
Se un dismorfismo , una alterazione estetica , et similia, danno malessere, fossero anche banalmente rughe o accumuli adiposi o calvizie , questo ha dignità di cura a mio parere.
Quindi , in finale , il discorso è questo.
Se la perdita di capelli non dà problemi , ritengo inutile curarla , giacché si può vivere tranquillamente anche senza , con tutta evidenza.
Se invece viene vissuta come una perdita , una modificazione negativa della propria immagine, allora consiglierei di curarla e tentare di risolvere il problema.
Cordialità
[#4] dopo  
Utente 394XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio molto del suo parere!
cordiali saluti