Utente 361XXX
Buongiorno egregi dottori. Dunque, da tre anni sono in terapia per ipertensione che, dopo alcuni tentativi con altri farmaci, è attualmente ben controllata con Tareg 80mg., una cps/die. Valori di norma entro 140/80. Con l'occasione, esattamente tre anni fa, feci una visita cardiologica completa con ecg, ecocardio doppler, ecc. Risultò tutto sostanzialmente a posto, salvo una lieve ipertrofia settale giudicata compatibile con il quadro ipertensivo. Morfologia e dinamica valvolare ok, lieve rigurgito mitralico emodinamicamente non significativo. Calibro aortico nei limiti a tutti i livelli d'esame. Vi scrivo perché un paio di settimane fa ho iniziato ad avere extrasistole a riposo, con la tipica pausa prolungata fra un battito e l'altro. Non sono nuovo a questo fenomeno: anche molti anni fa, durante un periodo di particolare stress ebbi extrasistole, che dopo un po' di tempo scomparvero da sole. Premetto che sono reduce da un'annata tremenda: esattamente un anno fa, a distanza di un mese l'uno dall'altro, sono mancati entrambi i miei anziani genitori, e ho passato tutti questi mesi affrontando uno stravolgimento radicale di vita e i mille impicci burocratici relativi alle varie successioni. Ho inoltre un fratello invalido psichico al 100%, e quindi non aggiungo altro... In ogni caso, essendo altamente ansioso di natura, ho già fatto un altro ecg con visita cardiologica, che non hanno evidenziato nulla di particolare. Come scritto sul referto, 'verosimile notevole componente funzionale'. Glicemia e colesterolo sono a posto. Mi è stato consigliato di aggiungere al Tareg 1.25 mg./die di bisoprololo, oltre a due cps/die di Xanax 25 mg. prescrittemi dal mio medico curante. In effetti, in solo un paio di giorni di trattamento, ho riscontrato una notevole diminuzione delle extrasistole a riposo. Sotto sforzo non ho particolari sintomi (non ho affanno né tantomeno dolori al petto), salvo un'accentuazione delle extrasistoli. Per essere più preciso, in questi ultimi giorni ho provato varie volte a salire a piedi i sette piani di scale di casa mia, di buon passo (ho calcolato una potenza media impiegata pari a circa 200-220 W). A parte un po' di comprensibile 'fiatone' all'arrivo (ma neppure tanto...), ho notato questo: per il primo minuto di riposo ho un'ovvia tachicardia, ma senza extrasistole, che invece compaiono dopo circa un minuto dall'arrivo, per poi 'calmarsi' fino a scomparire praticamente quasi del tutto dopo circa un altro minutino o due. La cardiologa non mi ha prescritto ulteriori esami, e quindi che fare? Aspetto che la situazione si 'normalizzi'? Peraltro, non sono sicuro al 100% che anche nei tempi passati (intendo nei tre anni trascorsi dalla prima visita cardiologica) non abbia magari avuto anche allora extrasistole sotto sforzo, dato che, dopo sforzi, non mi sono mai messo a sentirmi il polso come invece faccio ora, e quindi non saprei dire...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Cerca nel dizionario medico il significato di

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
mi pare che lei abbia esevuito esami a sufficienza, e tutti normalk
lamterapia mia pare condivisibike ed efficace
prosegua cosi


cecchni
[#2] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno, la ringrazio della rapidità e della chiarezza. Farò così. Quindi alle EXS 'ritardate' durante il recupero da sforzo non c'è da dare importanza? Grazie di nuovo, a risentirla. e buona giornata.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Assoltuamente nessuna importanza.
Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Ok, grazie molte e buon proseguimento.
[#5] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno Dott. Cecchini, le riscrivo per ulteriori aggiornamenti, e spero di non abusare della Sua disponibilità. Ho appena eseguito proprio stamani una rivalutazione cardiologica completa, già fissata da tempo. Quind ecg a riposo, auscultazione, misure di Pa e prova sotto sforzo con cicloergometro. Sembra tutto ok, salvo il fatto che le EXS sono presenti sia a riposo che, soprattutto, sotto sforzo. I rilievi obiettivi parlano di cuore ritmico normofrequente, pause libere. Torace normalmente trasmesso su tutto l'ambito il murmure vescicolare, all'ecg normale la morfologia dei ventricologrammi. Queste le 'conclusioni':

Ipertensione arteriosa in discreto controllo. Il test ergometrico massimale non è indicativo di ischemia per assenza di segni e sintomi.Presenza di battiti ectopici ventricolari che divengono più frequenti durante lo sforzo.

Mi è stato consigliato di lasciare il Tareg per il Ramipril 5 mg.x 2 al dì, più Bisoprololo 2.5 mg. sempre 2/die. Inoltre, mi si consiglia holter cardiaco su 24 ore e scintigrafia miocardica con test ergometrico. Su mia insistenza, il cardiologo mi ha detto che, benché non vi siano cardiopatie salvo una modesta ipertrofia ventricolare sx, al momento non è possibile stabilire la causa delle EXS, e i due esami richiesti servirebbero appunto a 'far luce' in tal senso.

Le chiedo quindi: l'holter lo farò, ma devo andare avanti anche con questo cavolo di scintigrafia...? Inizio la terapia prescritta e vedo prima che succede? Lascio perdere tutto? Il cardiologo, a dire la verità, mi è parso un tantinello 'rognoso', se così si può dire... In ogni caso, dopo le sue chiare rassicurazioni, quella di stamani è stata un po' una doccia fredda per me...

La ringrazio anticipatamente delle sue graditissime opinioni in merito.
[#6] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Dimenticavo... nel test ergometrico, si dice anche "Test massimale fino a 180 W ad incrementi di 30 W ogni 2' All'interruzione, 165 b/min. Paziente asintomatico. Buona capacità funzionale (METS 7,17). Regolare il recupero e il comportamento della Pa (picco max 220/85). Durante tutta la prova si registrano battiti ectopici ventricolari prevalentemente ad una morfologia, isolati, che all'incremento dei carichi divengono più frequenti e talvolta in coppie. Non sono evidenti alterazioni del profilo ST-T".
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Beh lei mi aveva detto che le extra comparivano solo durante il recupero
Ora invece dice che aumentano con lo sforzo e quindi dato anche che proprio giovanissimo non è consiglio anche io di indagare.

Arrivederci

Cecchini
[#8] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Bene, per il momento la ringrazio e le farò sapere.
[#9] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno Dott. Cecchini, le riscrivo perché in questo tempo ho eseguito anche un ecocolordoppler e l'holter sulle 24 ore.
Questi i risultati:

Ecocolordoppler cardiaco: Normali dim. camere destre. Radice aortica normale, 36 mm. Normale l’aorta ascendente, 36 mm. Lieve dilatazione atrio sx, 23 cmq. Ventricolo sx ai limiti superiori della norma, lieve ipertrofia del setto ventricolare, DTD 58 mm. SIV 10.5-12 mm. PP 10 mm. Non alterazioni della cinetica segmentaria. Nella norma la contrattilità globale, FE 60%. Minimo prolasso valvolare mitralico. Nei limiti la giunzione epipericardica e la vena cava inferiore. Setti apparentemente integri. All’esame colordoppler insufficienza mitralica telesistolica di grado lieve-moderato. Lieve rigurgito tricuspidalico. Non gradienti patologici. Indici della fase diastolica nella norma. Non segni di ipertensione polmonare. Non evidente shunt sx-dx. Conclusioni: lieve dilatazione dell’atrio sx. Lieve ipertrofia del setto interventricolare. Insufficienza mitralica di grado lieve-moderato. Buona funzione sistolica del ventricolo sx.

Holter cardiaco 24h:
Battiti 83175
Battiti V 1616 (1.94%)
BEV 1238
Coppie mono 0, poli 18
V isolate 319
Ritmo sinusale, FC media 64 bpm, FC min. 37 bpm (prendo 5 mg./die di bisoprololo). Nessuna modificazione del tratto ST. Frequenti BEV prev. monomorfi, isolati ed in coppie. Rari BESV isolati ed in un breve run di 22 bts. Nessuna pausa patologica. Faccio presente che durante la notte i BEV sono stati meno di un decimo di quelli diurni (108/1238). Oltre alla percezione dei BEV non ho alcun altro sintomo. Tra l'altro, mi pare che i BEV varino molto da giorno a giorno e da momento a momento. La mia personale impressione è che siano strettamente legati allo stato emozionale del momento: quando sono calmo e rilassato sembrano sparire, o comunque si riducono. Il mio medico di base crede che abbia un notevole ipertono simpatico. L’attivazione adrenergica, infatti, sembra scatenare l’extrasistolia. Quindi, come sto facendo, continuo con 2 Ramipril 2.5/die, 2 bisoprololo 2.5/die e 1 Xanax 0.25/die? La Pa sembra ora ben controllata. Inoltre, i rilievi dell'ecodoppler possono spiegare i BEV? Grazie molte.
[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ha poche extrasistoli e benigne
Non vedo motivo di preoccupazione se non il peso che dovrebbe ridurre

Arrivederci
[#11] dopo  
Utente 361XXX

Iscritto dal 2014
Grazie molte Dott. Cecchini. Per quello che vale, do atto pubblicamente della sua disponibilità e celerità. Per un servizio per il quale noi utenti non paghiamo NULLA lei mi pare assolutamente degno di grande encomio. Buon proseguimento.